Novak Djokovic: “Sogno di vincere più Slam possibili”

Novak Djokovic: “Sogno di vincere più Slam possibili”

Alla vigilia della nuova stagione Novak Djokovic è pronto a ripartire con la stessa grinta e fame agonistica con cui ha chiuso il 2018, dov’è tornato a conquistare un titolo Major e sopratutto la prima posizione mondiale. Nonostante i numerosi successi nella sua gloriosa carriera non vuole fermarsi qui, ma continuare a vincere e scrivere il suo nome nella storia di questo sport.

di Lino Di Bonito

Novak Djokovic ha conquistato nella giornata di ieri il Mubadala World Tennis Championship 2018 imponendosi in tre parziali sul sudafricano Kevin Anderson. Al termine dell’incontro ha rilasciato un’intervista dove ha analizzato i suoi obiettivi per il 2019 e non solo, dimostrando la sua gran voglia di migliorarsi giorno dopo giorno.

OBIETTIVI – Il 2018 è stato memorabile per Novak Djokovic, dai dubbi e le incertezze di inizio anno alla conquistato del suo 14esimo titolo dello Slam a New York, imponendosi sull’argentino Juan Martin Del Potro. Dopo questo successo è arrivato anche il primato in vetta al ranking, insomma un finale di stagione perfetto ma il serbo non è soddisfatto così, nel 2019 vuole migliorarsi ancora e continuare a vincere il più possibile finché sarà in attività: “Mentirei se ti dicessi che non voglio vincere il maggior numero di Slam possibili, sicuramente è uno dei miei obiettivi primari. In questi tornei cercherò di dare il meglio fino alla fine della mia carriera. L’altro mio proposito è quello di mantenere ben saldo il numero uno mondiale.”

 

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Francesca Sarzetto - 2 settimane fa

    Giuuuura… non l’avrei mai detto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Nicola d'Argenio - 2 settimane fa

    Ma il trofeo chi l’ha ideato un impresario di pompe funebri? Sembra un urna cinerararia…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Sandro Coni - 2 settimane fa

    Grande Nole

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy