Paul Annacone si dice non sorpreso dal successo che sta avendo Federer

Paul Annacone si dice non sorpreso dal successo che sta avendo Federer

L’ex allenatore di Roger Federer dice di non essere sorpreso dal successo che sta avendo l’elvetico a questo punto della sua carriera: “Niente mi sorprende di quello di cui è capace Roger”.

di Jonathan Zucchetti, @J_Zucchetti

“Parliamo tutti del suo corpo, di come resista, ma qua gran parte del lavoro è fatto a livello mentale: la sua capacità di rimuovere la pressione dalle sue spalle, di non sentire il peso delle aspettative e contemporaneamente gestire il proprio marchio, questa è la sua arma più forte!” dice Annacone.

“Quanto gli viene chiesto è incredibile, esaustivo. Roger è però in grado di trovare dei modi per non farsi succhiare via l’energia. E’ molto pragmatico anche per quanto riguarda le vittorie e le sconfitte. A far reggere tutto questo in piedi è il suo sconfinato amore per il tennis: questo fa brillare le sue abilità nei momenti importanti“.

Il grande coach ha poi parlato di come, con i molti infortuni in atto tra i fab four, ci possano essere giocatori nuovi a conquistare i titoli importanti: “I quattro migliori a questo sport, aggiungiamo anche Wawrinka poi, sono stati davvero dominanti negli slam e nei Masters 1000, appena ne manca qualcuno si creano grandi opportunità. Inoltre, è chiaro a tutti che il tempo sta facendo degli scherzi a Roger e Rafa, e questo fa pensare a tutti gli altri giocatori che non sia più necessario battere Roger, Rafa e Novak nello stesso torneo

“Con i migliori un po’ vulnerabili- continua Annacone- i veterani come Isner o Querrey, che sono stati sempre vicini e i giovani che stanno crescendo iniziano a vedere il circuito in un’altra prospettiva.”

Conclude parlando del rientro dei top player: “E’ molto divertente immaginare anche come sarà il rientro di Andy, e se Djokovic riuscirà a rientrare in carreggiata. Cosa farà Rafa per le sue ginocchia? Come riuscirà Roger a gestire la propria programmazione?”

fonte: tennisworldusa.org

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy