Perché Djokovic ha superato Federer come più grande giocatore di tutti i tempi

Perché Djokovic ha superato Federer come più grande giocatore di tutti i tempi

Ecco i motivi che, secondo il portale inglese Metro, spingono molti a considerare Novak Djokovic come il migliore giocatore di tutti i tempi. Siete d’accordo?

3 commenti

Introduzione

Tratto da metro.co.uk

Roger Federer verrà ricordato come la più grande icona del tennis, il più popolare, il giocatore che forse meglio di tutti ha maneggiato con maestria la racchetta. Ma verrà ricordato come il più grande di tutti i tempi (GOAT, Greatest Of All Time, come agli appassionati piace chiamarlo)? Non più! Come hanno dimostrato i primi due set della semifinale degli Australian Open disputata tra Djokovic e Federer, “il serbo ha superato il maestro”. Non si lasciano solamente tre games nei primi due set a Federer senza essere uno dei migliori. Anzi “il migliore”. E sta diventando, sempre più, evidente che Djokovic ha superato il suo grande rivale nel diventare il GOAT. Il motivo? Te lo spiego in 6 punti!

3 commenti

3 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. condor.mitnick.0_817 - 1 anno fa

    Ma chi l’ha scritto questo articolo? un bambino di 3 anni?!

    Federer 2006 meno concorrenza di Djokovic 2015

    Basta solo un dato…

    Djokovic nel 2015 aveva come rivale Federer 33/34 per quasi tutta la stagione!

    Federer nel 2006 aveva come rivale almeno un terra un certo Nadal che oggi dominerebbe ancora tranquillamente tutta la stagione su terra, Djokovic compreso!

    Ma almeno fare scrivere gli articoli a gente che ha vissuto quegli anni…

    Cioè per voi la concorrenza di Djokovic oggi è Federer e Nadal solo per il nome?! ma li avete almeno visto giocare qualche annetto fa… altro che il Serbo!

    Oggi il livello non è basso di più… per non parlare di una intera generazione se non 2, di completi falliti!

    Basti pensare che ad oggi non ha ancora vinto NESSUNO nato dal 1990 nemmeno uno Slam… ma un M1000 e questa sarebbe una generazione di alto livello… quella fatta di vecchietti?!

    I primi 4 sono praticamente gli stessi di quasi OTTO ANNI FA!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. cecco - 1 anno fa

    Se è per questo, c’è anche la finale con Fernando Gonzalez. Ed è vero che invece il povero Nole le finali le ha giocate contro grandi campioni. Però, per essere un aspirante GOAT, ne ha perse forse troppe. Ad esempio contro Rafa Nadal ne ha perse quattro su sette. Purtroppo i sei anni di differenza rispetto a Roger Federer limitano il periodo in cui i contendenti possono essere considerati entrambi nel pieno fulgore, e in questo periodo, che si potrebbe far andare dal primo scontro diretto vinto dal serbo in uno slam (in Australia nel 2008, quando Nole non aveva ancora ventun anni) all’ultimo vinto dallo svizzero (a Wimbledon nel 2012, quando Roger aveva quasi trentun anni) sfortunatamente non si è disputata nessuna delle quattro finali tra i due. Ma se consideriamo i testa a testa negli slam di questo periodo il bilancio è solo di cinque a quattro per Djokovic e bisogna considerare la straordinaria assiduità dell’elvetico nel raggiungere almeno le semifinali dei tornei maggiori (16 su 19 in questo periodo), anche se non in perfetta forma: questa ai fini dei testa-a-testa è una disdetta rispetto ad una precoce eliminazione che evita il consegnarsi all’avversario più in palla. Questo spiega anche perché nei primi anni di rivalità con Rafa Nadal, pur dominando tre slam su quattro, il povero Roger ha ugualmente accumulato un passivo negli scontri diretti: lui in finale al Roland Garros (o nella semifinale del 2005) ci arrivava sempre; era Rafa che negli altri tornei si faceva eliminare dai vari Muller, Blake, Youzhny, Gonzalez (prima della suddetta finale), Ferrer (non ancora top ten). Infatti il citato 3 a 9 nelle finali di Roger Federer contro i, più giovani, grandi avversari sono per un 2 a 6 merito del maiorchino e le tre sconfitte con Novak Djokovic sono quelle delle stagioni ’14 e ’15, maturate ad una età in cui è difficile aspettarsi la vittoria di uno slam (nell’era open tanto longeve ci sono state solo le vittorie dell’highlander Ken Rosewall). Forse è più giusto trascurarle, come la vittoria del Basilese contro un Djokovic poco più che ventenne (anche se, come detto, solo quattro mesi dopo vincerà il primo major). E se sono discutibili questi scarti, figuriamoci quello di un incontro su un totale di 45. La verità è che il belgradese dopo la mirabolante stagione 2011 aveva dato l’impressione di potere porre una ben più autorevole candidatura al titolo di GOAT. Se avesse mantenuto il passo di tre slam a stagione, come in quella magica annata (magari portandosi a casa almeno un Roland Garros), oggi avrebbe raggiunto il grande rivale sul piano quantitativo, potendo dire di avere conquistato la gran parte dei successi in un epoca in cui Roger Federer non potesse essere considerato ancora troppo vecchio, Rafa Nadal non fosse ancora precocemente invecchiato e Andy Murray avesse raggiunto la piena maturità agonistica. Invece le tre stagioni dal 2012 al 2014 lo hanno sì visto concludere gli anni al primo posto, ma come primus inter pares dato che nel 2012 e nel 2014 gli slam sono andati a quattro differenti giocatori e nel 2013 è stato il mancino di Manacor a svettare con due successi, risultando il più vincente del triennio. Certo, ora che la concorrenza è molto meno agguerrita (anche grazie ad un buco generazionale che potrebbe diventare il più grande di sempre: a oggi il giocatore più giovane che detenga almeno uno slam è Marin Cilic, 27 anni e quattro mesi, situazione mai verificatasi prima), Novak ha senz’altro la possibilità di diventare il più vincente di ogni epoca (anche se il record di slam vinti dopo i 29 anni è di soli cinque ed è detenuto da Rod Laver e André Agassi), ma dopo avere accumulato la maggior parte dei titoli in un epoca in cui la mancanza di degni avversari appare non inferiore a quella da voi descritta riguardo al periodo dei primi dodici slam vinti da Roger. Quindi potrebbe aggiudicarsi il titolo di GOAT in un contesto puramente quantitativo, prescindendo da considerazioni tecniche. Ma forse la verità ultima è che il concetto di GOAT sia una pura astrazione, il che non ci ha impedito, né ci impedirà, di divertirci scrivendone.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Michele Alinovi - 1 anno fa

      Grazie caro Cecco, per la lucidissima e ben scritta analisi, che condividiamo. Un saluto!

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy