Rafa Nadal: “In futuro qualcuno vincerà undici Roland Garros. La nuova Coppa Davis? Diamole un’opportunità”

Rafa Nadal: “In futuro qualcuno vincerà undici Roland Garros. La nuova Coppa Davis? Diamole un’opportunità”

In una lunga intervista, Rafael Nadal ha parlato della durissima sconfitta subita a Melbourne da Djokovic, del suo stato fisico attuale e dei suoi prossimo obiettivi. In dubbio la Coppa Davis, Tokyo 2020 nel mirino.

di Andrea Lombardo

In occasione dell’evento “Charlas del futuro” organizzato da Banco Sabadell, di cui Rafael Nadal è ambasciatore, il tennista maiorchino ha rilasciato una lunga e interessante intervista. Non sono mancate le domande sulla finale persa agli Australian Open, sulla sua condizione fisica attuale e su quello che sarà il suo futuro.

“Cos’è successo contro Novak in finale? Semplicemente ho trovato un avversario più forte di me in quel momento, e quando questo succede non puoi far altro che stringergli la mano, congratularti e continuare a lavorare per essere pronto per il prossimo match. Sono stato il secondo classificato in un tabellone da 128 giocatori e venivo da un periodo complicato, quindi va bene così. Non ho avuto la possibilità di rientrare nel match contro Djokovic, ho sempre avuto la sensazione di non poter fare niente. Quell’incontro probabilmente è arrivato troppo presto, avevo bisogno di una preparazione fisica che in quel momento non avevo, ma penso di stare bene e di essere pronto a competere ad alto livelli. Non ero preparato per una finale di sei ore come quella del 2012. A livello personale, preferisco avere perso così, pensando al futuro, ma a livello emotivo preferisco perdere un match lottato sapendo di aver dato tutto.”

“Nel corso degli anni, l’unico modo per restare ad alto livelli è mantenere la passione per quello che si fa e accettare le cose così come sono. Penso di essere stato un “buon perdente”, ovviamente le sconfitte hanno avuto un grande impatto su di me ma oggi sono ancora qui, ad allenarmi e sperando nel meglio per il futuro.
Bisogna dar valore a tutto quello di positivo che succede, quello che abbiamo e quello a cui ci dedichiamo, nel mio caso il tennis, che è il mio hobby sin dall’infanzia. La natura mi ha dato un dono per fare quello che faccio oggi, circondato da persone giuste, dopodiché è il lavoro che permetterà di mantenerti ad alti livelli.”

“Le cose non sono eterne, gli anni passano e sono arrivato alle ultime stagioni della mia carriera anche se spero di avere ancora abbastanza tempo.
Spero di rimanere competitivo a lungo e di potermi godere questo sport il più possibile. Non posso dire quando la mia carriera finirà ma non ho timore. Sono stato e sono felice giocando a tennis, ma lo sarò anche senza.”

Riguardo la programmazione del suo 2019, Nadal non ha ancora le idee a causa delle sue condizioni fisiche precarie: “Nel tennis è difficile parlare di programmazioni. Nel calcio sai quando giocherai, ma nel tennis non si può prevedere cosa succederà. Il calendario si adatta in base alle necessità del momento. Adesso voglio solo essere in forma per Acapulco e Indian Wells, che lo scorso anno non ho potuto giocare.”

Nadal dà ancora una volta prova di grande umiltà, non reputando i suoi risultati fuori dalla norma: “Mi considero una persona normale, se ci sono riuscito io perché non dovrebbero riuscirci altri? Nel futuro arriverà qualcuno e lo farà, anche se è difficile e dipende da molti fattori.
In Australia mi sono infortunato 5 volte, ma al Roland Garros è successo solo una volta. È importante che in quelle due settimane tutto vada perfettamente e che succeda per più anni.”

Non potevano mancare le domande sulla Coppa Davis, dato che proprio Madrid sarà la sede della finale: “La Coppa Davis è un nuovo evento e bisogna darle un’opportunità. La vecchia Davis mi piaceva però non si può negare che non si adatta ai nuovi tempi. Col vecchio formati i migliori non giocavano quasi mai: il mio obiettivo è esserci quest’anno, anche se mancano ancora molto mesi.
Chi vorrà giocare lo farà, ma è evidente che giocatori come Federer, Djokovic o me, che abbiamo una certa età, abbiamo un’idea del calendario ma poi succedono cose che ci portano a cambiare decisioni.
Se avessi 18 anni direi già che giocherei, ma al giorno d’oggi bisogna aspettare per dirlo con assoluta certezza.”

“Mi sono perso i Giochi Olimpici di Londra per i problemi al ginocchio, ma ho partecipato a quelli di Pechino e Rio. So che le Olimpiadi di Tokyo saranno spettacolari quindi tenterò di esserci.

Sono un esempio? No, alla fine l’unica cosa che faccio è giocare a tennis, non ho inventato nulla.”

23 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Angela Bruni - 1 settimana fa

    Niente programmi di tennis. C’è da pensare al matrimonio. Lo dico con grande dispiacere perché per me Rafa è tutto❤

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Mark Falzon - 1 settimana fa

    Un signore

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Maria Cristina Cherubini - 1 settimana fa

    Un professionista a 360° e un gran signore

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Sonia Avanzoni - 1 settimana fa

    Oltre a essere un grande campione è un esempio per le giovani leve. Dedizione duro lavoro passione divertimento e rispetto per gli avversari, saper accettare le sconfitte come gioire per le vittorie, sono le cose che consentono di raggiungere grandi obiettivi e di essere un grande campione! Grazie Rafa per le emozioni che ci fai vivere quando scendi in campo!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Marco Bardusco - 1 settimana fa

    Max Pica

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Milena Moioli - 1 settimana fa

    Grande Rafa

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Gianni Proli - 1 settimana fa

    Non credo proprio che si possa ripetere !! 11 RG sono pazzeschi e Rafa non ha ancora finito!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Andrea Giacchi - 1 settimana fa

      Gianni Proli la modestia e l’umiltà di questa ragazzo sono encomiabili

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Gianni Proli - 1 settimana fa

      Esattamente Andrea!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Danilo Clerici - 1 settimana fa

    Luca Yaya Castagnola

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Francesco Azathoth Pastore - 1 settimana fa

    Probabilmente si riferisce a Cecchinato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giuliana Cau - 1 settimana fa

      Erede di Nadal… 😉

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Maurizio Mosconi - 1 settimana fa

    È già difficilissimo giocarne 11 di Roland Garros, figurarsi vincere 77 partite

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Marco Perri - 1 settimana fa

      Ridurranno il numero di partite e si giocherà due volte l’anno, la seconda su har-tru

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Maurizio Mosconi - 1 settimana fa

      Ah ecco

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Marco Perri - 1 settimana fa

      Con l’har-tru mi sarei divertito tanto a occhio e croce, le altre due fazioni penso di meno

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Maurizio Mosconi - 1 settimana fa

      Sei tremendo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. Marco Perri - 1 settimana fa

      Quando giocavo a calcio o a basket ero una furia agonistica, non a caso il mio idolo dei cartoni era Mark Lenders (anche se di gialli neanche l’ombra)

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    6. Maurizio Mosconi - 1 settimana fa

      Io invece per tutti ero “Tremendo” poi arrivava mio fratello ( più grande di me) a prendermi per le orecchie e a rimettere le cose a posto

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    7. Marco Perri - 1 settimana fa

      Jimbo style

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    8. Maurizio Mosconi - 1 settimana fa

      Vedi che tutto torna

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Rosario Occhipinti - 1 settimana fa

    Pensando “…. E quel qualcuno sono io”

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Luca Fanelli - 1 settimana fa

    No Rafa

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy