Rafael Nadal: “Ho pagato la stanchezza. Ora mi riposo due giorni e torno ad allenarmi”

Rafael Nadal: “Ho pagato la stanchezza. Ora mi riposo due giorni e torno ad allenarmi”

Il campione spagnolo ha parlato della dura sua sconfitta contro Borna Coric al Master 1000 di Cincinnati. “A Rio ho giocato 23 ore in otto giorni, è normale che sia a pezzi. Il polso non è peggiorato, anzi, devo riabituare il mio fisico alle partite”.

Una sconfitta bruciante e inattesa. Dopo la bella prestazione in singolare alle Olimpiadi di Rio de Janeiro e un quarto posto inaspettato, Rafael è crollato nel secondo match del Master 1000 di Cincinnati, contro il 19enne croato Borna Coric, che ha vinto con l’incredibile punteggio di 6-1 6-3. Secondo il campione spagnolo, si è fatta sentire tutta la stanchezza accumulata la settimana scorsa, dove ha gareggiato anche in doppio, vincendo la medaglia d’oro in coppia con Marc Lopez.

“NON HO PENSATO AL RITIRO” – “Certo, non è stato il momento più adatto per tornare in campo – ha detto Rafa in conferenza stampa -; sono passato dal non competere a giocare per ben 23 ore nell’arco di otto giorni. Sarebbe stato meglio tornare in modo più graduale, ma ciò non è stato possibile per la presenza delle Olimpiadi. Ora pago questo sforzo con una dura sconfitta”. Il campione spagnolo ha poi sottolineato che, a parte la stanchezza, i suoi problemi fisici non sono peggiorati: “Sì, ho un po’ di dolore ovunque, ma non così tanto da pensare di ritirarmi oggi. Il polso e la spalla mi fanno un po’ male, e giocare con palle diverse rispetto alla scorsa settimana non ha certo aiutato”.

“NON INTENDO FERMARMI” – La partecipazione di Rafa a Cincinnati è stata più che altro data dall’istinto e dalla voglia di continuare a giocare: “Dopo i Giochi non volevo tornare subito a Maiorca: sono già stato a casa abbastanza negli ultimi 3 mesi”. Il campione maiorchino ha detto che ora si riposerà “probabilmente per un paio di giorni” e poi tornerà subito ad allenarsi in vista degli Us Open: “Non è che se riposo il polso migliora: anzi, deve riabituarsi di nuovo a competere, all’impatto con la palla”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy