Rafael Nadal: “La fase più dura è terminata, adesso sono sulla giusta strada”

Rafael Nadal: “La fase più dura è terminata, adesso sono sulla giusta strada”

Dopo la bella prestazione con Denis Istomin (6-1, 6-4, 6-2), il 30enne di Manacor ha rilasciato delle interessanti dichiarazioni sul suo attuale stato psicofisico. “La sicurezza nei propri mezzi è consequenziale alla dinamica della partita”.

L’ultimo Slam stagionale del campione spagnolo è iniziato nel migliore dei modi. Rafa ha colto un’importante vittoria con l’uzbeko Denis Istomin (6-1, 6-4, 6-2). Questo sigillo del maiorchino, dal punto di vista atletico e mentale, rappresenta un ottimo punto di partenza, perché il numero 107 del mondo non si è limitato a recitare il ruolo di sparring partner. «Avevo il match sotto controllo: quindi ho cercato di alzare l’asticella, però lui ha continuato ad essere molto aggressivo. Nel secondo set ho avuto un momento critico, ma si sono salvato. È stato importante». E ancora: «La sicurezza nei propri mezzi è consequenziale alla dinamica delle partita. Ho capito che avrei dovuto colpire il maggior numero di palle e che i punti si sarebbero allungati. L’ho fatto per acquisire fiducia». Questo esordio, dopo mesi difficili, permette a Nadal di essere più sereno in vista del futuro. «È stato un buon inizio. Ho vinto in tre set e ho dominato fino al 6-1, 4-1 la prima partita del torneo. Il servizio e il rovescio hanno funzionato alla grande. Invece, per quanto riguarda il dritto ho bisogno di più tempo». D’altronde il quinto giocatore del ranking Atp è stato chiaro: «Non è facile farsi trovare pronti dopo due mesi e mezzo di stop nel pieno della stagione. Il polso sta rispondendo bene, questa è la cosa che mi rassicura di più. La fase più dura è terminata, adesso sono sulla giusta strada».

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy