Rafael Nadal: “Mi pento di aver giocato al Roland Garros. Federer eccezionale”

Rafael Nadal: “Mi pento di aver giocato al Roland Garros. Federer eccezionale”

Il numero uno spagnolo ha parlato ad un evento a La Coruña dell’ultima, straordinaria, finale agli Australian Open e dei problemi che l’hanno afflitto nelle ultime due stagioni.

10 commenti

Dopo un Australian Open così intenso ed emozionante, è impossibile non approfondire i pensieri e le sensazioni del finalista Rafael Nadal. Il mancino di Manacor ha presenziato ad un evento a La Coruña organizzato dal Banco Sabadell e ha parlato della famosa finale contro Roger Federer del mese scorso. Non sono mancate le opinioni sul passato, come le difficoltà del 2015 e i Giochi Olimpici di Rio.

DUE SETTIMANE D’ORO – Il maiorchino ha ammesso che le sensazioni in Australia sono state magnifiche. Prima di ogni risultato, il giocare senza dolore e mostrando tutto il potenziale è ciò che ha il valore più importante. “Sono state due settimane molto emozionanti e le ho potute vivere a pieno. Nelle semifinali ho pensato: ‘se perdo significa che lui si merita proprio di passare il turno (Dimitrov)‘. A livello tennistico, la partita più bella è stata in semifinale” – ha detto Rafa che riguardo la partita contro Federer non ha potuto non lodare il tennis dello svizzero: “Roger ha giocato un tennis migliore e ha meritato la vittoria. Mi ha messo pressione e ha giocato in modo eccellente. Nonostante ciò, ero molto ispirato e i palleggi duravano poco” – ha analizzato Nadal.

RAFA E’ TORNATO A LOTTARE – Un tennista come lui, sempre associato all’agonismo e la lotta, deve essere contento di aver vinto partite come quelle contro Zverev o Dimitrov, entrambe durate oltre le quattro ore di gioco: “Sono contento di aver potuto giocare partite così lunghe ed emozionanti. Mi soddisfa più una partita di quattro ore che di due. Il corpo sente dolore, ma la mente no. Vale la pena lavorare così tanto quando, dopo tutti gli sforzi, riesci a vedere che ti senti in grado di giocare queste partite” – ha affermato Rafa.

QUANTE DIFFICOLTA’ LO SCORSO ANNO – Ora Rafa sta assaporando la parte più gradevole del tennis. Ma negli ultimi tempi gli è toccato esattamente l’opposto, mostrando un volto che lasciava trasparire molti dubbi sulla sua continuità nel circuito: “Nel 2015 ho sofferto d’ansia e non riuscivo a controllare le cose. Il livello di tensione mi ha sopraffatto durante le competizioni che stavo giocando” – ha riconosciuto il 14 volte vincitore Slam. Rafa ha fatto anche un paragone tra tennis e calcio, sport che ha praticato ad alti livelli durante l’adolescenza: “Il tennis è diverso rispetto al calcio e gli sport di squadra. Le facce dei giocatori di calcio non hanno nulla a che vedere con quelle dei tennisti. Nelle nostre si vedono tensione e nervoso, a volte pressione” – ha commentato.

“I GIOCHI? DOVEVO ESSERCI” – Non si è pentito per nulla di aver gareggiato ai Giochi di Rio nel 2016, ai quali è arrivato con poca preparazione: “Volevo tornare a giocare alle Olimpiadi. Non mi pento di quello. E’ unico stare ai Giochi. Mi pento invece di aver giocato al Roland Garros dopo essermi fatto le infiltrazioni al polso” – ha detto Rafa, che ha potuto avanzare solo in due turni, prima di ritirarsi al terzo, ancor prima di giocare. Per il resto, il campione ha speso buone parole riguardo il suo nuovo allenatore Carlos Moyà: “E’, prima di tutto, un buon amico. mi piace avere vicino persone nelle quali confido e che stimo. Non lo considero una persona nuova in squadra perchè lo conoscevano già tutti. Ha molte ambizioni e me lo trasmette.”

FAMIGLIA, NON ORA – Per quanto riguarda la famiglia, Rafa ha espresso il suo desiderio di costruire una famiglia intorno a lui e la sua compagna Maria Francisca Perellò, ma è impossibile mentre si viaggia: “Non mi farebbe stare bene avere figli mentre io sto viaggiando per il mondo nel frattempo” – ha detto Nadal, che per finire ha assicurato di essere molto felice in Spagna, nonostante avesse potuto guadagnare di più altrove: “Avrei il doppio del denaro e dovrei pagare meno tasse, ma sarei molto felice. Voglio stare in Spagna” – ha sentenziato.

10 commenti

10 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Ketty Lomuscio - 3 mesi fa

    e a vedere i tornei che hai in programma da qui a Wimbledon direi che ancora non hai imparato

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Ketty Lomuscio - 3 mesi fa

    Cara Rafa non sei mai stato un campione di programmazione e a vedere i tornei che hai in progran

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Bruna Forte - 3 mesi fa

    14 slam ha vinto Rafa: 9 RG, 2 W, 1 AO, 2 U.S., totale 14 ….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Mario Frasca - 3 mesi fa

    14 adesso volete togliergli anche quello che ha vinto!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Maurizio Toti - 3 mesi fa

    14

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Alessio Angioni - 3 mesi fa

    14

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Alberto Cavicchioli - 3 mesi fa

    12 Slam, credo che ne abbia vinti, non 14.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Ketty Lomuscio - 3 mesi fa

      14 di cui 9 RG il max in assoluto

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Romeo Pavidini - 3 mesi fa

      12 il serbo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Mario Frasca - 3 mesi fa

      Cavicchioli lo so che ti fa male ma ne ha vinti 14!!! Malgrado tutti gli infortuni…. non un piccolo menisco….

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy