Roger Federer: “Il match più duro del 2018. Coric è stato incredibile, avrei meritato di perdere”

Roger Federer: “Il match più duro del 2018. Coric è stato incredibile, avrei meritato di perdere”

Lo svizzero commenta la lottata semifinale di Indian Wells contro Borna Coric: “Non mi sono fatto prendere dal panico, ma è stato un match duro, molto più della finale contro Cilic agli Australian Open”.

di Michele Alinovi, @MicheleAlinovi1

È stata più dura del previsto, ma Roger Federer ce l’ha fatta: lo svizzero giocherà la sua ottava finale in carriera a Indian Wells, la 146esima totale, contro Juan Martin Del Potro. Lo svizzero è riuscito ad aver ragione del giovane croato Borna Coric con il punteggio di 5-7 6-4 6-4, dopo essere stato sotto di un set e di un break, grazie a una forza d’animo straordinaria, complice anche la mancanza di freddezza del n. 49 del mondo nei momenti conclusivi del secondo set e poi nel terzo, dove è stato per due volte sotto di un break. Grazie a questo successo, Federer ha migliorato il suo record di vittorie consecutive dall’inizio stagione, ora 17, che risaliva al 2006.

Ho faticato davvero moltissimo oggi per ottenere la 17esima vittoria dell’anno – ha detto lo svizzero in conferenza stampa post-match e campione uscente del torneo californiano -, ora il mio obiettivo è vincere la finale e la possibilità di ripetere il successo del 2017. Sono stato spesso in difficoltà, ma quando si ha fiducia ed esperienza, non c’è motivo di farsi prendere dal panico. Coric ha giocato meglio e in diverse occasioni non mi sono entrati i colpi. Insomma, è stata una partita molto equilibrata, entrambi avremmo potuto vincere”.

Roger è visibilmente stanco, consapevole di aver superato una battaglia incredibile: “Se devo dire la verità, avrei meritato di perdere io. Sono stato due volte sotto di un break e Coric ha giocato un tennis pazzesco. Senza dubbio questa è stata per me la partita più difficile del 2018, molto più della finale degli Australian Open contro Marin Cilic”. Parole che dimostrano grande umiltà e rispetto per il giovane avversario.

Oggi Federer giocherà contro Juan Martin Del Potro, che nella notte ha travolto Milos Raonic. Negli head to head lo svizzero ha un bilancio favorevole di 18 match vinti contro 6 successi dell’argentino. Roger non crede che le energie spese in semifinale possano compromettere il suo stato di forma: “Fisicamente mi sento molto bene nonostante la lunga durata del match. Contro Del Potro sarà difficile, abbiamo giocato contro per tanti anni della nostra carriera e l’uno conosce tutte le debolezze dell’altro. Sarà un incontro appassionante e speciale”. Federer ha infine commentato la decisione degli organizzatori di inserire il suo match contro Coric come prima partita della giornata, alle 11 del mattino (non gli capitava dal 2006): “Non mi interessa a che ora giocare. Quando eravamo junior potevamo anche giocare tre partite al giorno e spesso dovevamo iniziare molto presto. Siamo tennisti e a volte giocare in orari differenti ci fa bene, e in ogni caso dobbiamo adattarci alle decisioni degli organizzatori“.

Dall’altra parte, Borna Coric non nasconde il suo disappunto, dopo essere stato molto vicino alla vittoria più bella della sua carriera: “A un certo punto credevo di avercela fatta. Nel secondo set ha innalzato il suo livello, ma quando sul 3 a 2 ho vinto il game da 0-40, pensavo che oramai ero vicino al successo, e invece non ha mollato e alla fine non sono riuscito più a tenergli testa. Sul 4 a 3 ha giocato con molta intelligenza, io ho sbagliato un po’ troppo e ho perso il set. Nel terzo sono stato avanti di un break per due volte, ma lui mi ha sempre ripreso: ha giocato da vero campione”.

5 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Vale Dolfini - 7 mesi fa

    Roger il grande ❤️

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Alida Bottani - 7 mesi fa

    Sei sempre RE Roger

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Milena Ginocchio - 7 mesi fa

    Sei sempre più GRANDE

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Tiziano Velludo - 7 mesi fa

    Grande Federer, campione unico forsi meritava di perdere e lo ha ammesso ma l’esperienza e la classe gli ha consentito di raggiungere la finale a discapito di Coric che comunque fara’ parlare di se nei prossimi anni.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Anna Altieri - 7 mesi fa

    unico,fantastico,umile!di tutto di piu’!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy