Roger Federer: “Non giocherò la Coppa Davis in questo periodo della mia carriera”

Roger Federer: “Non giocherò la Coppa Davis in questo periodo della mia carriera”

Molti osservatori temono che questa decisione rappresenti il primo passo verso un progressivo allontanamento dai campi di gioco. Il campione svizzero, non a caso, ha fatto intendere che non parteciperà neanche alle Olimpiadi di Tokyo del 2020.

25 commenti

Roger Federer, a 36 anni, sta affrontando le questoni più difficili che riguardano la gestione dell’ultima fase della sua illustre carriera. Un momento fatidico, a cui ogni sportivo deve far fronte e che non può rimandare per troppo tempo. Prima di quest’anno, l’ultima grande stagione disputata dallo svizzero risale al 2012, con la vittoria di Wimbledon. Negli anni successivi, invece, ha dovuto affrontare una serie d’infortuni ed un evidente calo di forma. Tutto ciò, peraltro, si è verificato proprio nel momento in cui sono emersi concorrenti del calibro di Djokovic e Murray. Tuttavia, inaspettatamente, nel corso di tutto il 2017, è tornato ad esprimersi in modo strabiliante, aggiudicandosi addirittura due Slam. Si è trattato di un exploit che ha sorpreso tutti, anche coloro che lavorano a stretto contatto con lui. La verità è che questa legenda del tennis e dello sport in generale ha vinto tutto quello che poteva. La decisione di allontanarsi dalla propria nazionale è da ritenersi dettata dall’impossibilità di mantenere una condizione sufficientemente competitiva anche nelle manifestazioni che riguardano la squadra di Davis e dalla volontà di amministrare al meglio le proprie risorse fisiche e mentali, al fine di giocare, almeno fino al prossimo anno, a livelli discreti. A proposito di questa decisione, Federer ha affermato: “E’ molto probabile che non giochi la Coppa Davis in questa fase della mia carriera, ma non mi sono ritirato ufficialmente”. Inoltre, ha rivelato che le prossime Olimpiadi non fanno parte dei suoi target futuri: “Le Olimpiadi di Tokyo non sono un obiettivo per me. Mi è costato andare a Rio nel 2016, ma tutto sommato ho fatto bene. Per ben due volte sono stato il portabandiera della Svizzera. Ho vinto una medaglia d’oro ed una d’argento. Sento di aver raggiunto dei grandi risultati ai giochi olimpici“.

 

25 commenti

25 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Raffaella Di Michele - 1 settimana fa

    mi sembra giusto ha già dato tanto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Adamo Musacchio - 1 settimana fa

    Fa’ bene

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Pierluigi Puca - 1 settimana fa

    “L’ ultima grande stagione disputata risale al 2012, con la vittoria di Wimbledon. Negli anni successivi, ha dovuto affrontare una serie d’infortuni ed un evidente calo di forma”
    Perdonatemi, ma il 2014 e il 2015 li avete visti?
    Ma poi un articolo con toni sensazionalistici quando è praticamente da dopo averla vinta nel 2014 (a proposito di annate pessime come dite voi) che Federer in Davis non ci va quasi più.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Roberto Zambrelli - 1 settimana fa

    Veramente articolo ridicolo…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Roberto Zambrelli - 1 settimana fa

    Che idiozie…. Post inutile….. La Coppa Davis era già da un bel po’ che aveva deciso…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Marco Ravera Chion - 1 settimana fa

    Ma lo vogliono vedere morto? Davis, olimpiadi…Ha quasi quarant anni…povero. Grandissimo ROGER!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Teo Meloni - 1 settimana fa

    Fa benissimo, si è tolto diverse soddisfazioni in entrambe le manifestazioni. Giusto concentrarsi su altro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Cristiano Guardo - 1 settimana fa

    Io spero solo che anche nella prossima stagione non metta piedi su di un campo in terra.. solo quello!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Antonio Di Giovanni - 1 settimana fa

      secondo me se Nadal dovesse mollare, al RE potrebbe venirgli in mente di prendersi Roma e Montecarlo, poi avrebbe vinto tutto

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Cristiano Guardo - 1 settimana fa

      Boh… secondo me sulla terra Roger accumulerebbe una grande fatica anche a prescindere da Nadal.. Tutte energie che potrebbero poi mancargli a Wimbledon.. speriamo di no. . Io cambierei il nono wimbledon solo con una tripletta sulla terra.. mi sembra difficile

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Rita Crivelli - 1 settimana fa

    Neppure io Antonio, una settimana scrivono Roger vicino al ritiro, la settimana dopo viene smentito!!ciao

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Rita Crivelli - 1 settimana fa

    Mi sono incavolata leggendo il pezzo di F.Gasparella, soprattutto quando scrive! ” Prima di quest’anno si ricorda che Federer non ha vinto nulla di importante!” Questa e’ la frase che mi ha fatto arrabbiare! Voi come la pensate, per me e’ ingiusto!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Trimonti Maurizio - 1 settimana fa

    La coppa davis non la giocano in tanti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Michele Sciuto - 1 settimana fa

    Giusto così a 36 anni…. credo sia l ultimo anno il prossimo….Vorrà arrivare a quota 20 slam , spero lo faccia a Wimbledon, il posto in cui è incominciata la sua storia incredibile… Ci sta preparando al suo ritiro… 2017 anno da leggenda, ha fatto qualcosa di veramente speciale…. numeri dell’ altro mondo…. prepariamoci ragazzi , il giorno in cui il Vate si ritirerà si avvicina inesorabilmente… Non credo che nasceranno altri talenti paragonabili al Re…. rappresenta veramente l’ anello di congiunzione perfetto tra il tennis antico e quello moderno… ma la sua ultima partita sarà uno spettacolo…. qualche altra magia, qualche altra demi-voleè, un ultima bomba di dritto per salutare il mondo intero, per far commuovere noi tifosi e per andare a scolpire il suo nome tra i più grandi di questo bellissimo sport.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Vincenzo Santarpia - 1 settimana fa

      Solo a pensarci mi viene una tristezza infinita…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Michela Poletti - 1 settimana fa

      Vincenzo Santarpia appunto una giornata di lutto sportivo …. come si farà!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Ana Capellan - 1 settimana fa
      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Vincenzo Santarpia - 1 settimana fa

      Michela Poletti Una giornata è poco purtroppo :'(

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. Selene Eleonori - 1 settimana fa

      Non saremo mai pronti per quel momento pur essendo consapevoli che si avvicina sempre di più

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    6. Alessandra Bragion - 1 settimana fa
      Rispondi Mi piace Non mi piace
    7. Alessandra Bragion - 1 settimana fa
      Rispondi Mi piace Non mi piace
    8. Tiziana Ponsicchi - 1 settimana fa

      Sarà durissima

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Antonio Di Giovanni - 1 settimana fa

    giocatori con 15 anni meno di Lui sono arrivati distrutti a fine stagione, pur giocando meno tornei del Re. Non vedo niente di “allarmante” in queste dichiarazioni.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Francesco Misuraca - 1 settimana fa

    Giusto così. Io credo che il prossimo anno sarà l’ultimo. Proverà a portare a casa un ultimo slam e a chiudere in bellezza una carriera ineguagliabile, in cui ha vinto meno di quanto il suo talento avrebbe meritato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Rosario Occhipinti - 1 settimana fa

    Da non osservatore direi che se avesse detto “Da oggi mi gioco tutti i tornei possibili e immaginabili” sarebbe al contrario un suicidio (sportivo ovviamente)…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy