Roger Federer: “Non mi sentivo così bene da Miami”

Roger Federer: “Non mi sentivo così bene da Miami”

Il campione svizzero, intervistato dopo il match contro M.Zverev, commenta la sua prestazione e analizza il suo prossimo avversario, Florian Mayer.

2 commenti

Rilassato, soddisfatto e convinto. Questo è Roger Federer ai microfoni dopo una buona prestazione contro M.Zverev, sconfitto ma che è uscito a testa alta perché la prestazione anche del tedesco è stata convincente e positiva. Il Federer visto ieri è stato sicuramente un Federer bravo e concentrato, che non si è fatto prendere dalla foga e rimorsi per le palle break sprecate nel primo set, ma è rimasto li concentrato aspettando il momento giusto.

LA PARTITA- Roger commenta cosi la partita. “Oggi è andata in maniera completamente diversa (ricordando il doppio 6-0 di qualche anno fa proprio tra i due), ha iniziato servendo alla grande e ciò mi ha messo pressione visto che non riuscivo a leggere granchè bene il suo servizio, è’ stato importante rimanere calmo dopo aver mancato le opportunità di vincere il set sul 5-4 e poi vincere il tie-break. Sono questi i set da vincere se vuoi conquistare il titolo. Non mi sentivo così bene da Miami, quindi è un buon segnale in chiave futura”.

SU MAYER- Proprio oggi, Re Roger affronterà Florian Mayer, giocatore che su questa superficie ed in particolare ad Hale gioca veramente bene : “Ho affrontato Sugita che è un destro che gioca da fondo, un mancino che fa serve and volley sempre, mentre Mayer gioca in maniera molto diversa da entrambi. Usa lo slice, entra in campo, fa chip and charge, un po’ di serve and volley quindi rappresenterà una sfida completa. So che vorrà vincere, quindi sarà un match duro, ma la prestazione odierna mi dà un po’ di fiducia per domani”.

Florian Mayer
Florian Mayer

RAFA, MURRAY…- Su Murray e la sua crisi:”Dopo essere diventato numero uno ha accusato tanta stanchezza, quindi può darsi ci sia stato un calo, è anche stato infortunato e la seconda parte di stagione sarà cruciale sia per lui che per Novak.”. Termina infine con una domanda fatta su Nadal, con il quale risponde :” Ha fatto una cosa fantastica a Parigi, è probabilmente il giocatore più forte sulla terra rossa di sempre, battendo Stan in finale che comunque ha giocato bene durante tutto il torneo

2 commenti

2 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Sabatini Gianni Lara - 5 mesi fa

    Un grandissimo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Carmine Ferrara - 5 mesi fa

    Mi pare un’analisi molto lucida ed obiettiva

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy