Roger Federer: “Non voglio essere ricordato solo per le mie vittorie”

Roger Federer: “Non voglio essere ricordato solo per le mie vittorie”

In una recente intervista il fuoriclasse svizzero ha rivelato per cosa gli piacerebbe essere ricordato in futuro.

di Pierluigi Serra, @pierluigi_serra

20 Slam, 97 titoli, record di precocità e di longevità; sono questi gli straordinari dati che, solitamente, vengono snocciolati per descrivere e celebrare l’incredibile carriera di Roger Federer. Lo svizzero, però, non è solo questo, non è solo numeri e statistiche strabilianti, ma è anche molto altro, ed è per questo che vuole essere ricordato.

“Non voglio essere ricordato solo per le mie vittorie”, ha ammesso Roger. “Spero che in futuro le persone penseranno a me come un buon ambasciatore per il tennis, il mio paese e la mia famiglia anche fuori dal campo”.

“Mi piacerebbe aiutare a sviluppare il tennis anche in quei paesi dove non è molto praticato”.

Alla domanda sulla motivazione che continua a spingerlo a migliorarsi Federer ha risposto: “La mia motivazione deriva dalla passione smisurata che ho per questo gioco. Mi piace ancora allenarmi e lavorare per innovare il mio tennis. Ho avuto la grande opportunità di giocare in così tanti posti diversi e nelle più importanti arene sportive. È una sensazione che amo e che spero di poter provare ancora a lungo. E poi c’è la mia squadra, la mia famiglia i miei fan. Il loro supporto è incredibile e ha avuto un ruolo decisivo nello spingermi a continuare dopo i trent’anni”.

“Se avessi la macchina del tempo? Mi piacerebbe giocare contro Bjorn Borg. Era un giocatore estremamente completo ed elegante da fondo campo. È stato il mio capitano nella prima edizione della Laver Cup ed è stato super. Abbiamo parlato molto e mi ha raccontato del tennis del suo periodo”, ha concluso un sorridente Roger Federer.

13 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Milena Ginocchio - 7 mesi fa

    INDIMENTICABILE!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Patrizia Maffei - 7 mesi fa

    I grandi non si dimenticano maiiiiiiiiiii

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Patrizia Maffei - 7 mesi fa

    I grandi non si dimenticano maiiiiiiiiiii

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Claudia Moreno - 7 mesi fa

    Sempre un signore, sempre educato, sempre sensibile pronto a emozionarsi, a trasmettere passione ed educazione. Il coraggio di essere se stesso umile e grande allo stesso tempo.
    GRAZIE REROGERFEDERER
    SEMPRE SEMPRE!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Angela Bruni - 7 mesi fa

    Anche per le due coppie di gemelli

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Gianni Debella - 7 mesi fa

    Nn preocuparti tra qualche anno nessuno ti caghera

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Anna Maria Citron - 7 mesi fa

      Superficiale

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Cristina Copello - 7 mesi fa

      Che scemenza..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Gianni Debella - 7 mesi fa
      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Marisa Martini - 7 mesi fa

      Probabilmente un po’ di anonimato gli potrebbe anche far piacere ma lo vedo improbabile… Tra cento anni chi amera’ e parlera’ di tennis citera’ sicuramente ancora Roger Federer.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. Gianni Debella - 7 mesi fa

      Jajajajajaj

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Alberto Mingione - 7 mesi fa

    No. Mo ti ricordiamo pure per tutti i soldi che hai fatto….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Silva Feruglio - 7 mesi fa

    Non sei ricordato solo x le Vittorie ma per la Tua signorilita

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy