Roger, Rafa e la diversa programmazione e gestione della stagione

Roger, Rafa e la diversa programmazione e gestione della stagione

Arrivati alla fine della stagione, Nadal è costretto al ritiro mentre Roger Federer appare in una forma smagliante. Merito dell’acuta programmazione dello svizzero, ma c’è altro?

21 commenti

Che Roger e Rafa siano diversi non lo scopriamo certo oggi, non solo in campo dove sono contraddistinti da uno stile inconfondibilmente agli antipodi, ma anche fuori se si parla di programmazione e gestione della stagione. Con il passare degli anni i giocatori non si possono più permettere di disputare incessantemente tutte le partite e di conseguenza devono maturare una qualità fondamentale, quella di sapere dosare le proprie energie scegliendo in modo accurato i tornei a cui partecipare in base alle proprie condizioni, per evitare di incorrere in infortuni o di logorarsi eccessivamente sia fisicamente che psicologicamente. Non dimentichiamoci che Nadal spende molte più energie emotive rispetto al tennista svizzero, anche questo è un fattore che può incidere dopo un anno nel circuito nelle valutazioni finali sulle partecipazioni ai vari tornei.

Inutile sottolineare che i due, anche attraverso le consultazioni con i rispettivi team, hanno optato per scelte estremamente differenti: lo Spagnolo ha chiesto il massimo al suo corpo e alla sua mente, giocando 77 partite su tutte le superfici, Federer invece ha centellinato le sue partecipazioni giocando 53 match, togliendo però dalla sua programmazione tutta la stagione sulla terra rossa che ha sempre rappresentato per lui un dispendio enorme di energie. Non esiste scelta giusta o sbagliata, anche perché se andiamo a vedere i rispettivi risultati ottenuti questi due fenomeni si sono spartiti i tornei più importanti dell’anno, ristabilendo un’egemonia che sembrava ormai volta al termine. Certo è che ancora una volta, giunti all’ultimo torneo dell’anno, le ATP Finals di Londra, si rivede un Nadal logoro fisicamente che accusa i consueti dolori al ginocchio incrementati dalla superficie dura, e che di conseguenza è costretto a ritirarsi e a rinunciare al tentativo di vincere l’unico prestigioso trofeo che manca alla sua “discreta” bacheca.

Rafael-Nadal-Tennis-Twitter-ATP-World-Tour-e1507378090617-nfklca9pbn4hzgqlatsdpc7pa2f0dqf6pyv8phe3uo

E allora i più maliziosi potrebbero pensare che invece di blindare a tutti i costi la prima posizione del ranking, si sarebbe potuto preservare e giocarsi le sue carte fino all’ultimo nel torneo dei maestri avendo comunque possibilità di rimanere in testa alla classifica. In sostanza, la partecipazione, seppur breve a Bercy, si sarebbe potuta evitare ma questi sono dettagli, minuzie che però possono rivelarsi decisive. Ecco che quindi si apre lo scenario sottilmente polemico proposto dal campione spagnolo di giocare una parte di stagione finale in terra rossa indoor, ma per la maggior parte degli addetti ai lavori sarebbe un cambiamento troppo drastico e non necessario, e parzialmente ingiusto visto che la terra è comunque la seconda superficie più giocata durante l’anno (basti pensare che sull’erba non si gioca neanche un Master 1000).

Per quanto riguarda lo svizzero, è arrivato a Londra dopo aver saltato Bercy, decisione intelligente ma comunque dolorosa perché ha sancito la fine delle speranze dell’elvetico di chiudere l’anno in vetta alla classifica, ma che fino ad ora sta pagando. Federer ha maturato una consapevolezza e una conoscenza del suo corpo magistrale, magistrale si, e chissà che grazie a questa sua nuova attitudine non possa riuscire a vincere per la settima volta proprio il torneo dei “MAESTRI”.

Di Daniele Turrini

21 commenti

21 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Giorgio Codeluppi - 4 settimane fa

    Si ma alla fine nadal.davide luna ha anche 6 anni in meno che nn sono pochi.a federer essere il n.1 nn gli interessa piu di tanto ,perche sa di essere il n1e cosi la pensano il 75/80 x 100 degli sportivi ,nadal e’molto meno tecnico di federer ha meno varieta’di colpi e si basa su.un tennis fisico agonistico che al primo problema ti fa rendere il 50/100 in meno ,federer anche lui ha avuto dei problemi soprattutto alla schiena ,ma spesso ci salta fuori con i colpi e correndo meno.nadal mi ricorda come tennis e anche come atleta guillermo vilas tennista argentino di 35 anni fa ,tennis esplosivo un braccio sx mostruoso tanto era grosso ,cannonate a dx e sx poi dopo qualche anno ciao ,ritiro obbligato .federer sono 22. dico 22anni che vince e vincera’ancora .giocatore incredibile.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Roberto Zambrelli - 4 settimane fa

      Ti correggo 5 anni in meno. È Dell 86.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Giorgio Codeluppi - 4 settimane fa

      Se non e’zuppa e ‘pan bagnato….grazie comunque

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Maria Paris - 4 settimane fa

    Ok si sarà anche ritirato….ma da numero 1

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Roberto Zambrelli - 4 settimane fa

    Roger 12 tornei 7 vittorie… Direi più che sufficiente. Il fatto che Nadal sia n. 1 è solo perché ha giocato 17 tornei.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Andrea Angeletti - 4 settimane fa

    Roger ha giocato molto meno, il paragone non regge

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Rosanna Simeone - 4 settimane fa

      Non regge soprattutto perché hanno 5 anni di differenza che nel tennis sono tantissimi, specialmente quando a 36 anni giochi come se danzassi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Andrea Angeletti - 4 settimane fa

      certo, c’é qnche questo, ma l’etá media dei giocatori si sta alzando e ci sta a mio parere, mi sembra ben piú rilevante il numero di partite giocate. Poi max rispetto per Roger, ci mancherebbe

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. G.d. Pippaccio - 4 settimane fa

    Roger ha saltato tutta la stagione sulla terra.. e ha avuto , ha giocato meno e non ha puntato a tornare n.1 del mondo. Rafa ha fortissimamente voluto tornare in vetta e c’è riuscito… nonostante i guai fisici che tutti conoscono..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Giovanni Pierro - 4 settimane fa

    Roger Federer . Tutto il resto è noia.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Andrea Mennilli - 4 settimane fa

    Non giudico due campioni, diversa età, diversa programmazione, grande stagione entrambi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Rita Laudani - 4 settimane fa

    Il gioco di Rafa è più dispendioso!!! Ogni punto è una fatica!!! Invece Roger su ogni punto passeggia !!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Cristina Failla - 4 settimane fa

      Anche perché non gioca sulla superficie a lui più ostica…La terra battuta.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Davide Luna - 4 settimane fa

    Si ma alla fine Nadal ha fatto più punti di Federer, lo svizzero ha saltato tutta la stagione sulla terra che è la più provante a livello fisico, è ovvio che nell ultimo torneo stagionale va più degli altri, oltre al maggior talento ha anche molte ma molte partite in meno sulle gambe!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Luca Dal Fitto - 4 settimane fa

      Chiamalo scemo!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Davide Luna - 4 settimane fa

      Scemo non è, condivido la sua programmazione ma condivido pure quella di Nadal che gli ha permesso di vincere due Slam e di tornare numero uno al mondo giocandosi al meglio le chances per i suoi obbiettivi

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Roberto Valvieri - 4 settimane fa

      Hanno fatto entrambi la cosa giusta….certo poteva rinunciare a bercy e dare il meglio qui rafa

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Andrea Russo - 4 settimane fa

      Appunto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Andrea Varriano - 4 settimane fa

    Lo stile di gioco fa.sì che roger a 36 anni riesca ad essere fenomenale, ho i miei dubbi che rafa (ma non.solo lui) riuscirà ad essere competitivo a quell’età

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Roberto Valvieri - 4 settimane fa

      Nessuno sarà mai come lui…figuriamoci a 36 anni

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Massimiliano Agnello - 4 settimane fa

    Basta che Nadal tolga Acapulco e Pechino

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy