Rusedski: “Prima Nadal, Federer e Djokovic si spartivano tutti i tornei, adesso è cambiato qualcosa”

Rusedski: “Prima Nadal, Federer e Djokovic si spartivano tutti i tornei, adesso è cambiato qualcosa”

L’ex tennista britannico e opinionista televisivo Greg Rusedski ha analizzato l’attuale situazione del circuito maschile, soffermandosi in particolare sull’inaspettata vittoria di Fabio Fognini nel Principato di Monaco.

di Pierluigi Serra, @pierluigi_serra

L’era dei Fab Four si sta avviando verso la fine? È proprio quello che sembra suggerire Greg Rusedski, ex n. 4 del mondo e attuale opinionista per la trasmissione a tema tennistico di Amazon Prime Video. L’ex tennista britannico, sulla scia dell’inaspettato successo di Fabio Fognini a Montecarlo, ha, infatti, sottolineato come, anno dopo anno, stiano sensibilmente aumentando le possibilità per i giocatori meno quotati di imporsi nei tornei più importanti della stagione, anche ai danni degli stessi Fab Four.

“Si può considerare anche Murray (insieme a Federer, Nadal e Djokovic) in questo discorso. Ogni fine settimana erano loro a spartirsi i Master 1000 o gli Slam o qualsiasi altra cosa a cui prendessero parte. Rarissimamente e a malapena qualcuno è riuscito a interrompere questo dominio. Ora invece si comincia a parlare seriamente delle nuove generazioni. Si inizia a parlare anche di giocatori che potrebbero finalmente dire la loro come Fognini. È questo a rendere la situazione del circuito maschile particolarmente affascinante”, ha dichiarato Rusedski.

Alle parole del britannico ha fatto eco Daniela Hantuchova, collega di Rusedski nella trasmissione di Amazon Prime Video, che ha aggiunto: “Questa grande incertezza nel circuito è un’ottima notizia per tutti, rende finalmente il nostro sport imprevedibile e interessante. D’ora in poi sarà veramente dura predire qualsiasi cosa. Tutti quanti credevamo che Montecarlo sarebbe andato in un certo modo, invece ci sbagliavamo di grosso; adesso è veramente impossibile fare previsioni. Tutto ciò rende la competizione molto più intrigante per i tifosi, alla fine tutti volevano la vittoria di Fabio”.

Rusedski ha poi elogiato la prestazione di Fognini: “È incredibile ciò che è riuscito a fare Fabio, è stato mentalmente solido dall’inizio alla fine. Questa è stata la sorpresa principale, oltre allo straordinario sostegno del pubblico. Prima della partita le statistiche di Nadal nelle semifinali a Montecarlo recitavano 12-1, l’unico capace di batterlo era stato Djokovic; ora c’è anche Fognini, chissà che questo non posso essere il primo passo verso la top 10 e risultati ancora più importanti e prestigiosi”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy