Severin Luthi: “Djokovic non ha nulla di straordinario che lo renda imbattibile per Roger”

Severin Luthi: “Djokovic non ha nulla di straordinario che lo renda imbattibile per Roger”

L’allenatore di Federer, in una lunga intervista per Tages Anzeiger, ha parlato della stagione dello svizzero, dei suoi avversari, dei successi passati e dei programmi futuri del numero tre del mondo, paventando anche l’ipotesi di un possibile ritorno sulla terra battuta.

di Pierluigi Serra, @pierluigi_serra

Da ben 11 anni Severin Luthi è uno dei più fedeli e fidati collaboratori di Roger Federer; l’allenatore svizzero vive a stretto contatto con il numero 3 del mondo per più di 200 giorni l’anno e, come rivelato in occasione di un’intervista concessa a Tages Anzeiger, ha intenzione di continuare a farlo ancora per un bel po’.

“Qualcuno può pensare che questo potrebbe essere l’ultima volta per Federer a Londra, a 37 anni, ma io non la penso così. Senza dubbio Federer continuerà a a giocare nel 2019. Non abbiamo mai parlato del suo ritiro”, ha detto Luthi, che poi ha continuato: “Se mi avessero detto che undici o dodici anni dopo Roger avrebbe continuato a giocare così bene non ci avrei creduto; anche se ho sempre creduto che potesse fare cose impossibili”.

Roger Federer in action against Borna Coric

Il coach del fenomeno elvetico ha anche citato le vittorie più emozionanti di questi ultimi anni: “Quelle degli Slam occupano un posto speciale, davanti a tutte le altre. La vittoria della Coppa Davis è stata molto bella per me. Il trionfo in Australia nel 2017 è stato decisamente speciale, non ce lo aspettavamo. Quando ha vinto la finale faceva fatica a crederci”.

E le migliori partite? “La finale degli Australian Open del 2017 è stata una prestazione fantastica, ma mi ricordo anche quando giocò contro Djokovic al Roland Garros nel 2011, lo sconfisse in semifinale nell’anno in cui il serbo stava mostrando il suo miglior tennis. È difficile confrontare le partite, dipende dall’avversario. Molti mi chiedono se oggi Federer sia un giocatore migliore di prima, non saprei rispondere. Nadal oggi gioca più vicino alla linea di fondo, forse è per questo che ora le partite tra loro due sono più spettacolari”, ha ammesso Luthi.

0E98EED6-1131-4F70-B054-139771472E42

L’esperto allenatore ha rivelato anche che Federer non vuole assolutamente avere degli adulatori nel suo team: “Si potrebbe pensare che le stelle del tennis vogliano al loro fianco solo persone che dicano loro quanto siano bravi, ma uno dei punti di forza di Roger è che vuole essere criticato e spronato a migliorare; la stessa cosa vale per Stan (Wawrinka), ecco perché sono bravi, perché vogliono essere i migliori”.

Luthi ha poi definito il 2018 di Federer “un anno magnifico. Ha vinto quattro tornei, uno dei quali è uno Slam ed è stato numero uno del mondo”. Nonostante questa soddisfazione, Luthi ha ammesso che rispetto all’anno scorso Roger ha perso un po’ di brillantezza nel suo tennis: “Quando siamo arrivati a Melbourne nel 2017 gli ho sentito dire per la prima volta: “Non ho niente da perdere, posso giocare libero”. Questa cosa mi piacque molto. Senza questo atteggiamento non avrebbe vinto il torneo. Mantenere quel livello non è facile, soprattutto perché dopo quella vittoria è tornato nuovamente ad essere il grande favorito in tutti i tornei”, ha spiegato lo svizzero, che ha rintracciato nella mancanza di pressioni il motivo delle brutte prestazioni di Federer in alcuni commenti: “Per esempio a Parigi. È arrivato con niente da perdere dopo aver vinto a Basilea. Qualche volta mi ha chiesto cosa avesse da perdere. Anche se non vincesse più una partita, avrebbe comunque avuto una carriera incredibile. Nulla può cancellare tutto quello che ha conquistato”.

C95E107E-FDA8-4117-BAA5-EC50F9F818F2

A Londra Federer ha confessato che a volte si sente come se giocasse più per non perdere che per vincere, e questo gli mette molta pressione: “Posso capire il suo pensiero. C’è una linea sottile tra il perfezionismo e il lassismo. Cercare di rendere tutto perfetto può essere controproducente. Per me un fattore importante è la fiducia in se stessi. Quando hai fiducia in te stesso istintivamente riesci a fare la cosa giusta”, ha commentato Luthi. Lo svizzero ha poi rilanciato la suggestione di un possibile ritorno di Federer sulla terra battuta: “Ne discuteremo a dicembre. Nel 2017 fare una lunga pausa prima della stagione sull’erba ha funzionato, ma una delle opzioni che stiamo valutando è di giocare qualche torneo sulla terra. Credo che Roger alla sua età non possa spegnere completamente il motore. Stiamo facendo continui aggiustamenti. Ciò che era giusto fare cinque anni fa, già oggi non lo è più è quello che è giusto fare oggi non lo sarà più già tra tre mesi. È un qualcosa che va valutato allenamento dopo allenamento. Roger non si allena cinque giorni di seguito; a volte tre, e poi si prende un giorno libero”.

ATP Masters Series: Monte Carlo Rolex Masters - Day Seven

Recentemente Federer ha anche ammesso di aver giocato da giugno con un infortunio alla mano destra: “Non gli piace accampare scuse, per questo non lo ha detto. Questo fastidio non lo ha aiutato ed è per questo che ha passato un brutto periodo con il dritto. Per fortuna il problema è completamente risolto”.

Infine, a Luthi è stato chiesto chi è, a suo giudizio, il giocatore più difficile da affrontare per Roger tra Djokovic e Nadal: “Non è una cosa fissa, cambia di volta in volta. All’inizio pensavo che Djokovic non potesse battere Nadal e poi, al contrario, pensavo che Nadal non potesse battere Djokovic. In questo momento Novak è un giocatore molto difficile da battere. È molto solido e estremamente forte in difesa. Però non ha nulla di straordinario che lo renda imbattibile per Roger. Se Roger gioca bene può batterlo”, ha concluso lo svizzero.

40 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Mariangela Mandotti - 4 settimane fa

    Al di là di chi vince e chi perde, il gioco di Djokovic è di una noia pazzesca e lui di un’antipatia allucinante!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Elisa Moro - 4 settimane fa

    Il serbo non ha niente di straordinario tennistica mente parlando per tacere del resto, potrà anche vincere ma non emoziona, non lascia niente, piace solo ai suoi fans

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Claudio Campestre - 4 settimane fa

    Severin Luthi# Nishikori non vince con Djokovic neanche con un set di vantaggio… Cerchiamo di essere realisti, è imparagonabile il livello fisico/mentale di Djokovic con quello di Federer… Quindi comincia a preoccuparti di non perdere con gente come Nishikori prima di pensare di poter vincere con Djokovic….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Sandro Coni - 4 settimane fa

    Luthi con tutto rispetto va cacati

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Edoardo Cacchiata - 4 settimane fa

    Presuntuoso e arrogante.. se gioca bene può batterlo, come se fosse uno qualunque.. evidentemente le ultime stese non gli sono bastate a questa merda svizzera (Luthi)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Mirko Cappilati - 4 settimane fa

      Edoardo cacchiata.alla frase con la parola MERDA ti riferivi a te? Non capisco queste offerse su delle considerazioni fatte a uno che di TENNIS si si intende meglio di noi.comunque da quello che hai scritto si capisce tutto da che persone poco sportive ce in circolazione.comunque VERGOGNATI

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Edoardo Cacchiata - 4 settimane fa

      No no hai capito benissimo.. intendo il caro Luthi che con questa intervista ha dimostrato il suo poco rispetto verso nole.. più che rispetto odio (sportivo chiaramente).. probabilmente come ho scritto prima non ha ancora mandato giù qualche sconfitta

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Nicola Vaselli - 4 settimane fa

    A parte l’età, sei anni di meno, una condizione atletica non paragonabile e un livello di tennis ben superiore al momento. Luhti: cerchiamo di essere realistici, e su !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Diego Indennimeo - 4 settimane fa

    dite ciò che volete ma per me federer in giornata, al massimo del suo tennis offensivo non ti fa vedere palla, è “imbattibile” quanto è più di Djokovic al massimo…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Angela Serusi - 4 settimane fa

      Diego, è relativamente imbattibile come lo è Djokovic, credo l ‘abbiano dimostrato ampiamente entrambi nel corso della loro carriera, non si può affermare che un giocatore è imbattibile a prescindere

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Diego Indennimeo - 4 settimane fa

      Angela Serusi appunto, non ha molto senso

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Angela Serusi - 4 settimane fa

      Diego, è Luthi che ha rilasciato l ‘intervista, mica io

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Diego Indennimeo - 4 settimane fa

      luthi infatti ci da ragione

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. Angela Serusi - 4 settimane fa

      Più o meno

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    6. Shirley Babicz - 4 settimane fa

      Time for Roger to be honest??

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Mark Falzon - 4 settimane fa

    Prima devi battere millman e nishikori

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Deborah Costanzi - 4 settimane fa

    Lutti ma vai a cagare e prima di parlare di Djokovic sciacquati la bocca con candegina!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Giuliana Cau - 4 settimane fa

    Forse Luthi dovrebbe capire come mai Federer perda da Nishikori, non da Djokovic.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Angela Serusi - 4 settimane fa

      Giuliana Cau esattamente

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Gabriele della Vecchia - 4 settimane fa

      Forse bisognerebbe leggere bene tutta l’intervista..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Giuliana Cau - 4 settimane fa

      Gabriele della Vecchia letta molto attentamente e credo che Luthi l’abbia rilasciata prima della partita con Nishikori. E aggiungo che dette al contrario, queste cose, avrebbero suscitato un tantino di indignazione… Giusto appena

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Daniele Priori - 4 settimane fa

      Forse perché ne ha 37 e tifo rafa ma dovete evitare di dire eresie

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. Giuliana Cau - 4 settimane fa

      Daniele Priori la sconfitta di due gg fa non era dettata dall’età. Avremmo ragione a dirlo se Nishikori avesse giocato un partitone e costretto Federer agli straordinari, ma così non è stato. E poi finché c’è libertà di esprimere un’opinione è giusto farlo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    6. Giorgio Codeluppi - 4 settimane fa

      Semplicemente perche ‘a 38 anni non si rende in continuita ‘piu come prima ,la tua domanda e ‘molto scarsa banale

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    7. Giuliana Cau - 4 settimane fa

      Infatti la mia non era una domanda, ma una constatazione.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    8. Gabriele della Vecchia - 4 settimane fa

      Giuliana Cau Non ha detto nulla da crearne un caso, quando sostiene che Djokovic non abbia nulla di straordinario non intende sminuire il campione che é Djokovic, ma che il serbo non sia imbattibile.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    9. Giorgio Codeluppi - 4 settimane fa

      A parte Sampras voglio vedere chi a 37/38 anni arrivera ‘a vincere quanto federer ,r sopratutto quando smettera ‘la noia mortale che ci sara ‘nel vedere pallettari badilatori con rovescio a 2 mani che sparano bordate credendo che a tenni vince chi tira piu forte ,pazzesco nel sentire certi commenti.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    10. Giuliana Cau - 4 settimane fa

      Gabriele della Vecchia mi conosci io non faccio sconti a nessuno, nel senso buono del termine ovviamente. Domenica Federer ha giocato una pessima partita, molto involutiva rispetto a Bercy. Era svogliato e davvero poco centrato; l’età sarebbe stata una scusante se il nippo lo avesse fatto correre e lui fosse andato in apnea. Ma in realtà era anche avanti di un break nel secondo set. Poi stasera sarà un’altra storia, ma quasi tutto dipende da Federer.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    11. Gabriele della Vecchia - 4 settimane fa

      Giuliana Cau Questo é un altro discorso..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    12. Giorgio Codeluppi - 4 settimane fa

      La carta d’identita ‘e ‘l’avversario piu difficile da battere , purtroppo arrivi ad un punto di impotenza fisica che non ti permette di avere lucidità movimenti e tempismo per i tennis attuale FEDERER rimane il miglior interprete del tennis avendo nel suo bagaglio tecnico tutto eccellendo in tutto.Una qualita ‘ha sempre avuto Djiokovic in piu di Roger ,la freddezza e ka gkacialita ‘nei momenti determinanti di un match .Caratteristica che e’ ‘comune a serbi croati in molti sport ,forse CILIC e ‘quello che e ‘piu emozionale nel momento decisivo del match ma Nole in questo e ‘maestro , di tutto il resto il miglior FEDERER NON HA EGUALI .

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    13. Angela Serusi - 4 settimane fa

      Gabriele della Vecchia credo che dal mio commento si evinca benissimo che ho letto l ‘intervista, non è un attacco al re il mio, dovreste vedere al di là del vostro tifo sfegatato

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    14. Nicola Vaselli - 4 settimane fa

      Ho approfondito il mio commento :) Eh si , i problemi di Federer ormai non si chiamano più solo Novak o Rafa :(

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    15. Shirley Babicz - 4 settimane fa

      Lol yes

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Scalzo Orlando - 4 settimane fa

    Contro niski visto roger proprio male male male scarico e svogliato vediamo oggi…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Alberto Ferrara - 4 settimane fa

    Mi sembra un commento molto superficiale. Ovviamente dipende da tante cose e fra queste l’età che non gioca a favore dello svizzero. Premesso che per me Djokovic, Nadal e Federer sono ancora i riferimenti per questo gioco, al massimo della forma fra i tre Djokovic è quello più “imbattibile”, a detta pure di Nadal.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Shirley Babicz - 4 settimane fa

      Plus he doesn’t take anything plus doesn’t screw anyone. To much crap going on like Rogers plays all evenings? Djo at one over 100 was the heat to much crap going on who is paying for what?!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Angela Serusi - 4 settimane fa

    Nessuno è imbattibile questa è una constatazione ovvia, non lo sono nemmeno Federer e Nadal, molto dipende da fattori quali la superficie di gioco, lo stato di forma fisica e mentale, Roger a 37 anni non ha niente da perdere però l ‘ultima prestazione contro Nishikori a Londra dimostra esattamente il contrario

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Izet Kadriu - 4 settimane fa

    Selver Kadriu mah

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Selver Kadriu - 4 settimane fa

      Izet Kadriu tipico idiota geloso

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Izet Kadriu - 4 settimane fa

      Selver Kadriu ahahahahaha

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy