Thanasi Kokkinakis: “Quando gioco al meglio, sento che pochi possono fermarmi”

Thanasi Kokkinakis: “Quando gioco al meglio, sento che pochi possono fermarmi”

Le dichiarazioni a caldo del tennista australiano dopo il match più sorprendente del torneo, nel quale ha sconfitto il n. 1 del mondo e campione in carica Roger Federer, causando la caduta di questo dal gradino più alto del ranking.

di Riccardo Artuso, @i2icky98

TERREMOTO NEL RANKING – Le prime parole del giovane Thanasi Kokkinakis, australiano di origini greche dell’età di 21 anni, fra le promesse del tennis aussie, sono di orgoglio e fiducia ritrovata. Una vittoria insperata, la più importante della sua, ancora breve, carriera, che – oltre a dare una mano al ranking dell’australiano – sortisce l’effetto di ribaltare le prime posizioni della classifica. Fallendo nel difendere la quasi totalità dei 1000 punti conquistati qui a Key Biscayne l’anno scorso, Roger cede definitivamente il primo posto a favore di Rafa Nadal, che dalla prossima settimana tornerà n. 1 del mondo. “È folle! È una settimana surreale per me. Mi sono allenato molte volte con Federer, ogni volta ho imparato da lui qualcosa di diverso e oggi tutto ciò mi ha aiutato a reggere la pressione e dare il mio meglio” ha commentato nella conferenza stampa. Questa era la prima volta che i due si incontravano in competizioni ufficiali, e con la vittoria Kokki si è assicurato l’accesso al terzo turno per la prima volta.

UN’INIEZIONE DI FIDUCIA – Dopo un primo set finito 63 a favore dello svizzero, non sembravano esserci molte possibilità di un ribaltamento. Ma, come ha detto Kokkinakis, “Federer è un giocatore completamente diverso da tutti gli altri. Ci ho messo un po’ a prendere le misure del campo. Quando mi sento a mio agio, senza pressione, libero di sviluppare il mio gioco, credo che siano pochi quelli in grado di battermi. Avevo solo bisogno di trovare il mio gioco e sviluppare aggressività”. Con l’iniezione di fiducia ricevuta in questo match, il classe ’96 di Adelaide si imbatterà in Fernando Verdasco al turno seguente, il quale arriva da una bella vittoria su Garcia-Lopez. Non sarà un match semplice per il giovane australiano, n. 175 del mondo, ancora abbastanza inesperto a tali livelli. Ma egli sostiene di non avere problemi sul piano mentale; di affrontare, anzi ogni match con la vittoria in cima alle sue priorità: “Ricordo che un ragazzo in spogliatoio mi ha chiesto quale fosse il mio obiettivo. Sinceramente, il mio obiettivo non cambia mai. Gioco per vincere. Entrare in campo con l’idea di fare qualche game, non sarebbe l’atteggiamento corretto”.

2018-03-24T225016Z_1_LYNXMPEE2N0PW_RTROPTP_3_TENNIS-795x447

I COMPLIMENTI DI KYRGIOS – Come non si sono fatti attendere i titoloni riguardanti l’uscita a sorpresa di Federer, sono arrivate immediatamente anche le congratulazioni degli amici di Kokkinakis, primo fra tutti Nick Kyrgios. “Quello che ha fatto Thanasi è impressionante, e so come ci si sente a battere Federer. È bello vedere che è tornato a giocare al livello che credo gli competa, e penso che tutti sappiano che è così”. Tornato a Miami dopo un periodo di stop per infortunio, anche Kyrgios si è guadagnato il pass per il terzo turno battendo Dusan Lajovic, e ora incrocerà il nostro Fabio Fognini in un match da spettacolo assicurato.

20 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Giorgio Prencipe - 6 mesi fa

    Minchione!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Cristiano Zatini - 6 mesi fa

    Kokkinachis vediamo dove arrivi ogni tanto dire che ti è andato tutto per il verso giusto farebbe bene all’umidità di solito chi vince con questi campioni poi il match successivo sparisce.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Francesco Irace - 6 mesi fa

    Francesco Rogliani

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Davide Lorenzetto - 6 mesi fa

    Kulovic?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Riccardo Dominici - 6 mesi fa

    Ma va a cagare… ringrazia che non è in forma e ha 36 quasi 37 anni

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Stefano Mignani - 6 mesi fa

    Un Roger distante anni luce dalla forma migliore ha vinto un set in scioltezza ed ha avuto parecchie occasioni non sfruttate per brekkarlo. Forse dovrebbe rivedere le sue dichiarazioni

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Massimo Pagliarulo - 6 mesi fa

    kokkinakis già il cognome è tutto un programma non voglio proprio esprimermi….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Secondo me invece esce con verdasco

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Edoardo Ristori - 6 mesi fa

    Kokkinakis…ma vai cagare

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Emanuela Filippi - 6 mesi fa

    Evviva la modestia

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Carmelo Lanza - 6 mesi fa

    King Roger Federer the best …. Number 1 Forever

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Carmelo Lanza - 6 mesi fa

    Ma va a cagare pidocchio

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Vito Chiavuzzo - 6 mesi fa

    Avasc ca vinn…Roger ne ha schiacciati pivelli come te…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Andrea Varriano - 6 mesi fa

    Simpaticissimo…….soprattutto modesto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Rosy Banni - 6 mesi fa

    Ma dai mi pare nartro Nik…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Fausto Achilli - 6 mesi fa

    Ma Vaffanculo illuso!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. Peppe Schinaia - 6 mesi fa

    Droga ne abbiamo eh?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. Giuseppe La Barbera - 6 mesi fa

    Non ha capito che non è merito suo ma è Federer che ha giocato al 2%

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giulio Gallo - 6 mesi fa

      nooo se giocava al 2% gli tirava un 6-2 6-0
      ha giocato allo 0,2%

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. Alessandro Ongaro - 6 mesi fa

    Modalità delirio

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy