Thiem: “E’ l’infortunio peggiore della mia carriera”

Thiem: “E’ l’infortunio peggiore della mia carriera”

Il 24enne austriaco è alle prese con il recupero dall’infortunio alla caviglia che lo ha costretto al ritiro a Indian Wells, e che lui stesso definisce “il peggiore della sua carriera”. Poche certezze al momento sul suo rientro, ma è possibile che Thiem si veda costretto a saltare la stagione su terra

di Gabriele Congedo

Un Dominic Thiem visibilmente in preda alla frustrazione, nutre speranze di ricominciare ad allenarsi nel giro di una settimana. Thiem si era infortunato alla caviglia destra durante il Master 1000 di Indian Wells dove, durante l’incontro contro Cuevas, ha provato a restare in campo ugualmente ma alla fine ha dovuto ritirarsi nel terzo set, mentre era in svantaggio per 3/6 6/4 4/2.

La risonanza magnetica alla caviglia destra, a cui il tennista austriaco si è sottoposto, ha rivelato un edema del midollo osseo e la presenza di molto liquido. E Thiem stesso, in un lungo post indirizzato ai suoi sostenitori sul suo profilo facebook, lo definisce “il peggior infortunio della sua carriera”. Ecco cosa il 25enne di Wiener Neustadt ha scritto (il link al suo post qui):

“Ciao a tutti dall’Austria. Vorrei ringraziare tutti voi per il vostro supporto e sostegno sin da quando mi sono ritirato a Indian Wells. Mi sono state fatte tante domande: come sto, quando sarò di nuovo in campo, come sta andando la terapia. Ecco gli aggiornamenti più importanti: essere infortunato è un’esperienza completamente nuova per me, ma per quanto fastidioso possa essere, credo faccia parte dell’essere uno sportivo professionista. Inoltre, se guardiamo quanto sono stati sfortunati altri atleti con i loro infortuni, molto più di me, direi che non posso lamentarmi della mia situazione più di tanto. Malgrado ciò, questo è l’infortunio peggiore della mia carriera fino a ora.”

Thiem_MRI

Thiem poi parla del match contro Cuevas ad Indian Wells: “Perchè non mi sono ritirato subito? Faceva molto male sin da subito, quando è successo. Ma, da tennista professionista, sono abituato a lottare, a volte anche contro il dolore. Ho continuato il match sperando che fosse quel tipo di dolore che dopo un po’, continuando a giocare, sparisce. Beh, nel terzo set è stato fin troppo ovvio che quel dolore insopportabile non sarebbe sparito da solo. Come mi sento ora? Ovviamente non sono contento della situazione, non posso allenarmi, ho dovuto saltare Miami e l’unica cosa che posso fare è guardare gli altri giocare in TV. Ma piangermi addosso non aiuta. Devo affrontare la situazione al meglio ora, e fare tutto il possibile per tornare presto in campo. Questo significa: terapia terapia, terapia ogni giorno. Devo concentrarmi sul mio recupero tanto quanto mi concentro sul mio gioco quando mi alleno, e se tutto va come previsto, dovrei ricominciare ad allenarmi di nuovo alla fine di questa settimana. Grazie per il supporto, non vedo l’ora che inizi la stagione su terra!”

E noi ci auguriamo di cuore che Dominic Thiem possa giocare nella stagione su terra rossa, superficie dove l’austriaco ha ottenuto i suoi risultati migliori e dove esprime al meglio le sue potenzialità, come testimoniano le sue prestazioni dello scorso anno (insieme ai tanti punti da difendere): finale a Barcellona e Madrid (sconfitto da Nadal), semifinale a Roma e al Roland Garros (sconfitto da Djokovic e di nuovo dal maiorchino, rispettivamente). Sarebbe davvero un peccato se Thiem non dovesse farcela a rientrare per i tornei sul rosso, poichè questo comporterebbe probabilmente una sua uscita dai top 10, ma anche perchè così il panorama tennistico attuale, già pieno di big fermi ai box o non al meglio della condizione, perderebbe un altro dei suoi protagonisti. Coraggio, Dominic, und Gute Besserung!

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy