Toni Nadal : “Il livello di gioco di Rafa è sufficiente per vincere”

Toni Nadal : “Il livello di gioco di Rafa è sufficiente per vincere”

Toni Nadal fa le sue considerazioni sull ’attuale livello al Roland Garros ed analizza la deludente stagione del nipote, Rafa. “Il suo livello è di gioco è più alto rispetto ad altre volte in cui ha finito per vincere” ha confessato. “Una cosa però è il livello di gioco e un’altra è il risultato, che fondamentalmente è quello che più conta. Secondo me il suo livello di gioco è sufficiente per poter vincere. Abbiamo avuto livelli peggiori in passato e abbiamo fatto bene comunque”, ha detto l’allenatore del campione spagnolo.
Rafael Nadal of Spain plays a shot to Quentin Halys of France during their men's singles match at the French Open tennis tournament at the Roland Garros stadium in Paris

Il primo turno con la Wild Card francese, Quentin Halys (terminato 6-3 6-3 6-4) non ha consentito di trarre molte conclusioni e nemmeno di fare molte considerazioni sullo stato di forma di Rafa, tuttavia Toni ha ritenuto che fosse abbastanza per poter affermare che il nove volte campione del Roland Garros è in grado di poter alzare la decima coppa a Parigi.

Rafa con Halys ha giocato un’ottima partita, soprattutto a partire dalla metà del primo set. Ha iniziato un po nervoso e teso ma, con l’andare dei game si è tranquillizzato ed ha espresso un ottimo tennis, in particolare nel terzo parziale.Sta colpendo molto bene la palla ma i nodi vengono al pettine quando si affrontano avversari più tosti, come per esempio Almagro. Ci stiamo allenando bene e Rafa ha giocato bene per l’intera settimana. Ora è una questione di tempo, vedremo come proseguirà il suo cammino a Parigi”, ha spiegato.

Sicuramente Toni ha l’esperienza necessaria per sapere quali sono le differenze tra il livello del suo allievo durante gli allenamenti e quelli che potranno essere i risultati, ovvero la parte più importante nel mondo dello sport.
Nadal_Reuters_2415421f
Il livello di gioco è sufficiente per vincere. In passato Rafa era al di sotto di come si sente in questo momento, eppure ha fatto comunque un eccellente torneo. Ora dobbiamo cercare di avere un gioco continuo e costante, cosa che fino ad oggi ci è mancata”, ha detto.

L’allenatore del maiorchino ha rimarcato l’incostanza di Nadal, in particolare sulla terra, ricordando le sconfitte con lo svizzero Stanislas Wawrinka a Roma e nella finale di Madrid contro Andy Murray, quest’ultima è considerata da molti un vero e proprio “Caporetto”. “Abbiamo giocato buone partite, ma è mancata la continuità. Rafa non è riuscito a fare quattro partite uguali. Si tratta di una questione di fiducia, non di gioco”, afferma Toni.

“Se le vittorie non arrivano, la fiducia comincia a calare mentre le insicurezze (come quelle che hanno tormentato Nadal in questa stagione) cominciano a riaffiorare. Per me le sensazioni qui a Parigi sono buone, vedremo se si tradurranno in vittorie perché ero fiducioso pure a Madrid e Roma”, dichiara.
rafael-nadal-in-actio-against-quentin-halys-at-roland-garros-2015-1
Toni Nadal confessa che i requisiti per far bene ci sono, ma non se la sente di affermare con certezza che si possano essere una “garanzia di vittoria”. “Abbiamo trascorso anni meravigliosi, cosparsi solamente di vittorie. Non dobbiamo fare un dramma per tre sconfitte, certo non possiamo essere contenti ma ora come ora il gioco è molto buono e questo è ciò che conta” dice.

Toni ha infine dichiarato che il banco di prova era la sfida con il connazionale Nico Almagro, giocatore ostico e imprevedibile. Direi quindi che “l’esame” è stato superato a pieni voti (6-4 6-3 6-1) dimostrando ancora una volta che a Parigi lo spagnolo si trasforma e riesce ad esprimere un livello di tennis superiore.

Sulla carta è stato uno sei secondi turni più difficili qui al RG, è stato un test importante ma siamo già proiettati alla prossima partita”, ha poi concluso Toni.
rafael-nadal-in-actio-against-quentin-halys-at-roland-garros-2015-5
Quindi è una prova che va presa “con le pinze”, in attesa dei match che contano (uno su tutti con Nole), nei quali si vedrà davvero se la leggenda spagnola avrà le carte in regola per vincere la Décima e scrivere ulteriormente la storia.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy