Toni Nadal: “Rafa tornerà al meglio nel 2017. Djokovic è meglio di Murray”

Toni Nadal: “Rafa tornerà al meglio nel 2017. Djokovic è meglio di Murray”

Intervistato da Mallorca Sports TV, lo zio-allenatore di Rafael Nadal parla della condizione del nipote e degli altri tre Fab Four.

2 commenti

“Vedremo il miglior Rafael Nadal il prossimo anno, sarà una grande stagione” – ha detto Toni Nadal, suggerendo che l’ex numero uno del mondo si sta preparando per tornare più forte nella prossima stagione. L’obiettivo sarà essere al miglior livello sulla terra.

OBIETTIVO ROLAND GARROS – Penso che al Roland Garros saremo tra i favoriti assieme a Djokovic. Ovviamente ci sono anche Murray e gli altri, ma sono fiducioso che possa arrivare il titolo a Parigi” – ha detto ad un emittente maiorchina, aggiungendo che la preparazione in vista del 2017 è già cominciata. Tuttavia il livello di tennis in allenamento non è così alto al momento poichè il polso ha ancora bisogno di riposo. “Abbiamo cominciato ad allenarci un’ora al giorno e al momento sta andando bene. Stiamo andando avanti piano piano come hanno suggerito i dottori.

ANDY E ROGER – Toni ha anche parlato del nuovo numero uno del mondo, Andy Murray: “Sono felice per lui, ma penso che Djokovic sia leggermente meglio, l’ha dimostrato nei periodi peggiori. Djokovic ha vinto gli Australian Open, il Roland Garros, ha raggiunto la finale agli US Open ed è calato di livello a causa di un momento in cui la mente aveva bisogno di fermarsi. Sicuramente tornerà al suo miglior livello il prossimo anno.” L’opinione per quanto riguarda Federer è diversa: “Sarà di nuovo in forma ma penso sia difficile per lui vincere uno Slam, a causa dei cinque set. L’anno scorso a Wimbledon ha quasi battuto Djokovic.

2 commenti

2 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Carmine Ferrara - 3 settimane fa

    Mah…se lo dice lui!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Alessandro Pollastrini - 3 settimane fa

    Djokovic meglio di murray ? Proprio no

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy