Verdasco: “Federer e Nadal i migliori della storia del tennis”

Verdasco: “Federer e Nadal i migliori della storia del tennis”

Lo spagnolo, in una chiacchierata con Europa Press, parla del presente e del futuro della propria carriera e del ricambio generazionale nel tennis.

7 commenti
Intervistato ai microfoni del portale spagnolo Europa Press, Fernando Verdasco ha rivisto sia il proprio presente, sia quello del circuito, ancora dominato da giocatori della sua stessa generazione.
Secondo lui, ancora non è avvenuto un gran ricambio generazionale fisiologico nel mondo del tennis, basta vedere infatti i due finalisti dell’ Australian Open: Roger Federer e Rafael Nadal.
ROGER E RAFA I MIGLIORI DELLA STORIA-“Quante volte Federer è riemerso?” E’ abbastanza difficile dare per finiti giocatori con capacità tecniche, fisiche e mentali come Roger e Rafa, che se non sono i migliori della storia, lo sono tra i primi cinque.
VERDASCO 2
I GIOVANI – L’argomento seguente sono i giovani e il loro arrivo nella top 10 e top-5. “Negli ultimi anni c’è stato un ricambio generazionale nel circuito. In questo senso, ci sono giocatori giovani come Thiem, Kyrgios o Zverev che lo stanno evidenziando. Djokovic e Murray, che hanno vinto tutto negli ultimi anni, ne hanno quasi 30, Nadal già compiuti, Federer 35… “.”
“I giovani  di oggi non sono sicuramente al livello dei giovani della mia generazione, infatti Nadal a 18 anni ha vinto il Roland Garros, mentre ora perdono ai quarti di finale.” Non sono allo stesso livello dei migliori di allora. “

VERDASCO 3

Infine, Verdasco ha sottolineato nuovamente la velocità dei campi, per poi analizzare il presente e la sua voglia di continuare a giocare a tennis per altri tre-quattro anni :”Il campo era impraticabile per via della sua velocità. Forse Roger è molto felice di ciò, ma queste  sono le condizioni del torneo e bisogna adattarsi a loro”.
CONTINUITÀ DI PRESTAZIONI – Per quanto riguarda i suoi obiettivi per questa nuova stagione, lo spagnolo ha spiegato che cercherà di rendere come la prima settimana dell’anno a Doha. “Stavo per vincere contro Djokovic e spero di mantenere quel livello per il maggior numero di tornei possibile. Questa sarà la chiave per un ranking più alto. Mi piace il tennis, è stato sempre la mia vita. Ho 33 anni e magari possa continuare a giocare almeno più tre o quattro anni, ma tutto dipende da quello che mi dia il fisico.”
7 commenti

7 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Gabriele Puntoni - 9 mesi fa

    Federer,Nadal ed un certo djokovic

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Antonio Quarta - 9 mesi fa

    difende il connazionale dopato

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Camolli Marco - 9 mesi fa

      Il tuo cervello e’ dopato. Cambia disco !!!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Alberto Larghi - 9 mesi fa

    verdastro non conta una mazza

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Alberto Mingione - 9 mesi fa

    Ma non diciamo fesserie…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Fabio Remus - 9 mesi fa

    Il campo era impraticabile solo per te….per il resto sono i migliori della storia visti gli slam…..solo Laver avrebbe potuto vincere come loro se non gli avessero impedito di partecipare per sette anni per il professionismo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Anna Altieri - 9 mesi fa

    d’accordissima!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy