Chi sono le giovani promesse del 2014?

Chi sono le giovani promesse del 2014?

Chi sono le giovani promesse dell’anno nuovo? Siete d’accordo?

Commenta per primo!

Simona Halep, Sloane Stephens, Jamie Hampton o ancora Eugenie Bouchard hanno qualcosa in comune. Non avremmo mai pensato un anno fa sarebbero entrate nella top 32. Ma, come si sa, la Wta ci riserva sorprese ad ogni stagione. Per questo ho deciso di fare un piccolo pronostico sulle potenziali sorprese nel 2014 e perché ce la possono fare.

Ashleigh Barty

Australiana, campionessa in junior nel torneo di Wimbledon, l’australiana Ashleigh Barty potrebbe essere una sorpresa nel 2014. Quest’anno si è dimostrata ben determinata a volere entrare nella top 150. Infatti ha raggiunto i quarti di finale nel torneo Wta di Kuala Lumpur ma ancora meglio ha raggiunto il tabellone principale in due slam. Quello di Roland Garros e degli Us Open. Con questi discreti risultati ma convincenti la giovane australiana raggiunge il suo best ranking alla 129esima posizione. La Barty non ha reali obiettivi e vuole solo farsi piacere giocando a tennis provando di raggiungere il suo massimo potenziale. Il potenziale della Barty potra essere sufficiente per fare qualche colpaccio l’anno prossimo? Io penso che questa ragazza ci possa riservare più di qualche sorpresa. Da sapere che Ashleigh ha anche ricevuto il premio dell’atleta junior dell’anno nel tennis australiano una settimana fa.

Jovana Jaksic: la regina dei tornei ITF

Jovana Jaksic vi dice qualcosa? Se seguite il livello ITF questo nome non vi sarà sfuggito. La serba ha dominato questa categoria vincendo 5 tornei ITF quest’anno. Nel torneo di Sharm El Sheik la serba inganna l’estone Kaia Kanepi e realizza la sua migliore vittoria su una top 30. Ma il suo cammino verso le sue connazionali Ivanovic e Jankovic non è finita qui. La Jaksic è ormai a cavallo tra il livello ITF e la Wta. Nel torneo Wta di Monterrey ha disputato il primo turno contro la russa Maria Kirilenko perdendosi solo al terzo set. Tutti questi risultati gli valgono di fare un salto pazzesco nella classifica guadagnando cosi ben 253 posizioni. Come la Barty, la Jaksic non pensa troppo alla classifica: « Voglio solo allenarmi e fare il mio meglio una volta che sto sul campo, poi vedremo cosa succede ». Si definisce anche come una guerriera che non molla niente fino alla fine. La sua amica e connazionale Ana Ivanovic in un’intervista recente ha dichiarato che Jovana potrebbe essere la sorpresa del 2014 e fare grandi cose in futuro ! Vedremo se c’è la farà…

Donna Vekic, la giovane delle giovani

La bella croata Donna Vekic è semplicemente la più giovane delle giocatrici nella top 200 (solo 16 anni). Donna aveva già stupito l’anno scorso quando partecipo al torneo di Tashkent dove arrivo in finale. Quest’anno la storia si ripete! Fa il colpaccio a Birmingham dove sconfisse di fila tre giocatrici della top 50 cioè Urszula Radwanska (38), Sorana Cirstea (24) e Magdalena Rybarikova (47). Tre vittorie che gli valgono di partecipare alla sua seconda finale in un torneo Wta. Purtroppo non c’è la fa e cade all’ultimo gradino contro l’esperimentata Daniela Hantuchova. Ma la croata non si arrende. Una settimana dopo avere raggiunto la sua migliore classifica (62esima), la croata accede ai quarti di finale del torneo di Baku. La Vekic finisce quindi l’anno nella top 100 esattamente 86esima e potrebbe essere in grande spolvero nel 2014. La slovacca Hantuchova ha avuto belle parole sulla Vekic : « E una ragazza molto talentuosa. Si muove bene e ha un forte servizio. Accanto a lei ha un grande team e si sentira parlare molto di lei in futuro».

Un altra croata? Ebbene sì: Alja Tomljanovic

Dopo la Vekic, un altra giocatrice croata sembre fare molto bene nella Wta : Alja Tomljanovic. La croata ha già vinto la sua più bella vittoria sulla tedesca Julia Goerges (26esima all’epoca). Questa grande vittoria gli ha permesso dopo di raggiungere il quarto turno a Miami. La Tomljanovic ha anche fatto un quarto di finale lo scorso settembre a Quebec City. La 20enne conclude cosi questa stagione con un bilancio molto positivo : 43 vittorie per 22 sconfitte compresi tornei Itf e Wta e 16 vittorie per 10 sconfitte solo nel livello Wta. La cosa ancora più favolosa è che Alja pur essendosi infortunata la scorsa stagione ha recuperato ben più di 400 posizioni; ciò le ha permesso di finire l’anno alla 78esima posizione mondiale. Inoltre la connazionale di Vekic è ancora lontana di essere soddisfatta e vuole ancora crescere nella classica mondiale. Un bel traguardo per lei!

In conclusione, per me queste quattro giocatrici possono fare molto bene l’anno prossimo al livello Wta ma è solo un parere personale ! Voi che ne pensate ?

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy