Elina Svitolina parla delle difficoltà della “vita da top player”

Elina Svitolina parla delle difficoltà della “vita da top player”

Elina Svitolina che ha incontato i giornalisti prima dell’inizio del Wta première di Dubai racconta “La difficoltà più grossa per una giovane tennista è quella di riuscire a gestire psicologicamente le sconfitte. E’ sconfortante anche giocare i primi turni quando sei una sconosciuta e non c’è nessuno a vederti. Quando poi approdi a uno Slam è come vedere la luce in fondo al tunnel”

di Anna Lamarina, @annalamarina

UN’UCRAINA DI NUOVO REGINA A DUBAI? – Elina Svitolina è pronta a difendere il titolo a Dubai. La giocatrice ucraina che esordirà sui campi in cemento degli Emirati Arabi giocando contro la vincente fra Kiki Bertens e la lucky loser cinese Qiang Wang si è concessa alla stampa prima dell’inizio del Wta Premier dell’Aviation Sport Tennis Center.

VOGLIO VINCERE UNO SLAM COME SERENA– Svitolina ha grandi obiettivi per il futuro “Ovviamente il mio sogno è vincere uno Slam” dice la n°5 del mondo “Si, Serena Williams potrebbe tornare forte come prima ma anche essere forte in modo diverso, di sicuro è una grande campionessa con un’incredibile esperienza, e una destrezza tennistica inimitabile. Sarà interessante assistere al suo rientro, spero ovviamente di averla come avversaria a New York”

DIFFICILE E’ ACCETTARE LE SCONFITTE – “La cosa più difficile della carriera tennistica professionistica secondo me è la parte mentale. Difficile è accettare le sconfitte, o giocare match che guardano in quattro gatti, di cui due sono i tuoi parenti. Durissima. Non vedi la luce alla fine del tunnel, non sai che cosa ci sarà dopo. Quando poi raggiungi il tuo primo Gran Slam e conquisti un certo numero di fans, questo ti dà una bella carica, ritrovi le tue motivazioni. Per me è stata una grossa spinta, la mia ambizione era di  giocare tornei in luoghi importanti, essere circondata da top players

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy