Gianni Clerici: “Mai viste numero 1 come la Kerber”

Gianni Clerici: “Mai viste numero 1 come la Kerber”

Gianni #Clerici all’attacco: “Nel femminile non ho mai visto annate peggiori di questa”

Attraverso le righe di “Repubblica” arrivano forti parole di Gianni Clerici sul moderno tennis femminile. Lo Scriba non gradisce infatti lo stile tennistico e le continue grida che il tennis del gentil sesso riserva agli appassionati e descrive con la sua solita pungente scrittura uno scenario, a suo dire, povero, dei peggiori di ogni tempo.

TENNIS E RUMORI – Ecco alcuni importanti passaggi del suo editoriale: “Stavamo assistendo alla finale del Masters femminile, giocato a Singapore, e come spesso mi accade preferisco televedere il tennis dal salottino di un Dub. Quando infatti sono solo, mi annoio nell’ascoltare le considerazioni di quasi tutti i commentatori, che sono divenute statistiche-tecniche. […] Infatti ecco ad interloquire Aldo: “Ma avranno proprio bisogno di fare quei versi, proprio sgradevoli? Non doveva essere, il tennis, lo sport del silenzio?”. Visto che l’interrogazione era rivolta a me, così rispondevo: “Lo era, per tradizione non era lecito emettere nessun suono. Poi iniziò, mi pare, la Seles, il papà della quale aveva sentito un esperto di arti marziali affermare che l’emissione rendeva il gesto di chi colpisse un 5% più efficace.”

CIBULKOVA E KERBER – “Queste qui non solo grugniscono, ma giocano anche male”, constatò Antonio a un facile errore della Kerber. “L’altro giorno ho visto la sua avversaria, quella piccolina della Cibulkova, perdere. E come mai che è in finale? […] Perde due partite, e poi vince la finale del Masters. Ma si era mai visto?”. […] “È riuscita a perdere 21 partite quest’anno, anche da una certa Tsurenko, n. 99, e da un’altra ova, Krejcikova, n.192. Ma dimmi un po’ Gianni, hai mai visto un anno simile, per le donne?”. Stavo riflettendo, quando giunse un intervallo pubblicitario, nel quale si vedevano dei maestri insegnare a delle bambine decenni, e tutte giocavano da dietro alla linea di fondo rovesci bimani, e tutte arrotavano i loro diritti a schiaffo. “Temo di non aver mai visto annate peggiori, e n. 1 del mondo come la Kerber”

24 commenti

24 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Simone Pisanu - 1 mese fa

    Mio caro Gianni…il campo ha sempre ragione …

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Antonio Settembre - 1 mese fa

    Credo che ormai sia insindacabile il fatto che nel tennis odierno la velocita’ e la potenza abbiano rimpiazzato tocco e strategia!!! La Kerber e’ migliorata tanto e se si trova in cima alla classifica bisogna riconoscergli questi miglioramenti….Caro Gianni tu non sai quanto io ti stimi e ti abbia letto nel tempo, i tuoi libri sono tra i miei preferiti, le tue telecronache con Rino mi hanno tenuto attaccato alla tv per ore ed i tuoi articoli mi hanno sempre inspirato una sana critica ed appassionato….Ma stavolta non sono dalla tua parte!!! Il tennis femminile oggi forse e’ anche piu’ bello del maschile, l’incertezza nei risultati e’ la chiara espressione di quanta concorrenza ci sia e di quanto sia difficile primeggiare un continuazione!!! Negli anni 70-80 bastava leggere il main-draw per sapere chi avrebbe vinto!! Evert, Navratilova, Evert, Navratilova, Evert Navratilova…..Con enorme rispetto verso lo Scriba!!!!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Roberto François - 1 mese fa

    Ha ragione, la kerber è inguardabile

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Marcello Pronesti - 1 mese fa

    Gianni clerici. rino Tommasi.una coppia fenomenale erano i telecronisti miei preferiti. Clerici l’enciclopedia del tennis

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Mauro Rancitelli - 1 mese fa

    Te raggiò

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Stefano Laurenzi - 1 mese fa

    Sono d accordo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Michele Riccio - 1 mese fa

    Ha ragione stavolta…mediocre livello

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Marisa Stronati - 1 mese fa

    Sempre polemico specialmente con le tenniste!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Egidio Marek Fistetti - 1 mese fa
    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Giuseppe Vavassori - 1 mese fa

    Tutte le giocatrici odierne icon il cognome che termina per ova giocano e grugniscono alla stessa maniera

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Nicola Dealessi - 1 mese fa

    Rincoglionito

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Sergio Seravalli - 1 mese fa

    Ha perfettamente ragione!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Michele Michele - 1 mese fa

    Concordo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Simone Masuero - 1 mese fa

    Visto che è un dei maggiori esperti di tennis del mondo,andasse lui a dare dei consigli,sicuramente sarebbe utile…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Giovanni Pierro - 1 mese fa

    Voglio indietro J,P. MCENROE

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Giuseppe Mealli - 1 mese fa

    Clerici ha sempre ragione!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. Luca Shalfi Dal Fitto - 1 mese fa

    Se leggi le 8 qualificate alle finals qualche dubbio sul valore del movimento ti viene….se una giocatrice normalissima come Radwanska viene definita mago o genio significa che di qualità ce n’è veramente pochissima

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. Livio Chiametti - 1 mese fa

    semplicemente perchè non te lo ricordi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. Francesca Sarzetto - 1 mese fa

    Mah, non so quanto meglio fossero la Wozniaki o la Jankovic come n.1… almeno la Kerber ha vinto degli slam

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giuliana Cau - 1 mese fa

      Concordo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Fabio Savastano - 1 mese fa

      Esatto appena l’ho letto ho pensato esattamente la stessa cosa

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. Carlo Lai - 1 mese fa

    Una volta tanto non sono d’accordo con il “vecchio”. Più equilibrio, meno cannonate e più scambi. Sarà perché manca Roger, sarà perché Nole é in crisi mistica, sarà perché i giovani tardano ad imporsi, sarà, sarà….. (meno male che almeno Andy tiene alla grande), ma quest’anno mi intriga di più (salvo eccezioni) gustarmi una partita della WTA.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Stefano Gariboldi - 1 mese fa

      Equilibrio non signfica spettacolo, é innegabile che dal punto di vista qualitativo il tennis femminile sia ai minimi storici

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. Patrizia Zotti - 1 mese fa

    Vero

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy