Il caso Sharapova e una seria lotta al doping

Il caso Sharapova e una seria lotta al doping

Il terremoto scatenato dalla positività della russa può , forse, aprire una seria riflessione sull’ uso di sostanze e pratiche illecite nel tennis.

3 commenti

Dopo dodici ore lo tsunami che ha travolto il mondo del tennis non accenna a fermarsi, anzi. Il popolo tennistico e non solo,  vista la celebrità della russa, è spaccato in due: innocentisti e colpevolisti.

Il tutto segue  l’ormai abusato schema del facile e inappellabile giudizio su  un fatto che, in realtà, facile da inquadrare non è, assolutamente.

Maria Sharapova è apparsa nel suo vestito nero, quasi luttuoso,  a dichiarare che sì, nel tennis l’uso di sostanze proibite esiste.Bene,  il vaso di Pandora è aperto , lo scalpo d’oro  cui sommessamente   si dava la caccia da qualche anno è finalmente stato conquistato.

Una negligenza, una superficiale distrazione che Maria Sharapova pagherà a caro prezzo.

L’entità del danno d’immagine per la russa è gravissimo , anche superiore a quello provocato dal progressivo abbandono dei suoi sponsor. Tuttavia , questo può esser certamente mitigato dall’aver dato l’annuncio della positività in prima persona ed in diretta.

sharapova doping 1

Ciò non stupisce, vista l’attitudine al coraggio che Masha  ha sempre ed innegabilmente dimostrato; niente compromessi, si va verso una squalifica  la cui entità non è al momento definibile.

Dunque , una vittoria per lo sport pulito sembrerebbe arrivata.

Eppure, a ben vedere,  in questa triste vicenda c’è qualche nota che suona  stonata, e molto.

Il principio attivo che inchioda la tennista siberiana  è l’ormai famosissimo  mildrate o mildonium ; una  sostanza assunta da lei per molti anni e , presumibilmente, da molti altri atleti e solo di recente aggiunta alla lista nera.

Dunque , si tratta di una sostanza che , oltre ai benefici terapeutici invocati da Maria,  altera le performance  sportive ma , dettaglio affatto trascurabile, è facilmente individuale ad un banale controllo anti-doping.

Questo  elemento sembra rafforzare molto la tesi della “banale negligenza” di Masha ma, al tempo stesso, può paradossalmente indebolire l’immagine del movimento tennistico che si vorrebbe impegnato in una vera crociata contro il doping.

La frontiera del doping, come da più parti e da tempo spiegato, si è spostata infatti molto più avanti. Individuare le sostanze dopanti significa ormai   cercare  di rintracciare le sostanze che  coprono il doping stesso, com’è proprio  nel caso del mildrate,  utile a coprire l’epo.

Eppure parliamo di una sostanza lecita e normalmente in uso fino a settanta giorni fa!

sharapova doping 2

Risulta , quindi, quanto mai chiaro e preoccupante che la lentezza della WADA e dell’ITF siano proporzionalmente inverse  alla velocità con cui il dolo , presumibilmente, percorre nuove ed al momento insondabili strade.

Bando alle facili illusioni, dunque.

Una la vera lotta al doping  non passa, non può passare, solo  attraverso la vicenda di cui Sharapova è protagonista;  tutto questo non basta a dichiarare guerra vera ai traditori dello sport.

Agitare l’immagine dolente , ieratica eppure coraggiosa di Sharapova  nella conferenza stampa di ieri  come simbolo di un successo in questa lotta dà uno strano sapore : quello vago ed amaro di capro espiatorio.E questa, per coloro che amano il tennis,  è  davvero l’ultima cosa di cui si sente il bisogno.

 

 

 

 

 

3 commenti

3 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Marisa Stronati - 2 anni fa

    Qualcuno comincerà a tremare!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Impollonia Alessandro - 2 anni fa

    Nadal,lo stesso spilungone oggi ai vertici della classifica,ecc ecc..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Carlo Rombolà - 2 anni fa

    La questione è molto interessante, anche dal punto di vista del diritto sportivo. Ho scritto un commento qui: http://www.sportbusinessmanagement.it/2016/03/sharapova-positiva-al-test-antidoping.html

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy