Il circuito WTA torna a Palermo!

Il circuito WTA torna a Palermo!

Dopo il purgatorio malese ritornano finalmente a Palermo gli Internazionali femminili. Un’occasione, forse l’ultima, per la città ma anche per tutto il mondo sportivo italiano per dimostrare quanto di buono sappiamo fare e quanto davvero amiamo lo sport!

9 commenti

Si è tenuta, oggi, a Palermo, nella splendida cornice di Villa Niscemi, la conferenza stampa di presentazione del progetto sottostante la 31° edizione degli Internazionali WTA di Palermo che dopo il purgatorio malese tornano finalmente a casa. Presente il gotha del tennis palermitano, le istituzioni (nella persona del sindaco Leoluca Orlando e dell’assessore allo sport) ed, ovviamente, il direttore del torneo, Oliviero Palma ed il presidente del Country Tennis Club, circolo che ospita il torneo, Giorgio Cammarata.  “E’ la prima volta”, dice qualcuno, “che qualcosa di bello torna a Palermo dopo essersene andato!” Sono lontani i fasti della mitica Targa Florio che animavano le strade siciliane facendovi confluire nobili ed appassionati da tutto il mondo. Sono lontani  i tempi in cui a Palermo si disputavano gli internazionali di tennis maschili tra i cui vincitori spiccano i nomi di ROd Laver, Bjon Borg,  Nicola Pietrangeli, MAts Wilander, Thomas Muster, Thomas Berdych. Sono finiti i tempi del Windsurf World Festival che vedeva sfidarsi nelle acque del golfo di Mondello campioni di fama mondiale mentre tutto il litorale si animava con concerti, tornei di beach volley, beach tennis. Palermo o Aziz (fiore) come la chiamavano I fenici e bellissima ma purtroppo lascia partire I suoi pezzi migliori.

I FATTI. Nel 2013, per problemi economici i vertici organizzativi del WTA International di Palermo, si rifiutano di cedere il torneo alla FIT e preferiscono affittarlo alla Malesia con un contratto triennale, rinnovabile per altri tre anni ma, come dice il direttore del torneo, Oliviero Palmacon la promessa di riportarlo in Italia non appena le condizioni economiche fossero migliorate.” E le condizioni ora sembrano migliorate. Approfittando di un ritardo nei pagamenti del partner malese i vertici del Country sono riusciti a rescindere il contratto che avrebbe legato il torneo palermitano per ancora due anni al partner asiatico. Hanno ottenuto il benestare dalla WTA e quindi dal 2018 sono nuovamente a pieno titolo i titolari dei diritti. “Già dal 2018 avevamo chiesto alla WTA di potere riorganizzare il torneo” dichiara Palma, “anche in una data diversa ma, come deliberato dalla federazione internazionale non è stato possibile trovare una data libera. Quindi il torneo per la prima volta nella storia del WTA rimarrà fermo per un anno, senza pagare penalità, e si disputerà a partire dal 22 luglio 2019.  La data verrà comunque ufficializzata solo in occasione di Wimbledon,  quando si riunirà  la commissione calendari della WTA.”

Oliviero Palma in una foto d'archivia con Aga Radwanska
Oliviero Palma in una foto d’archivia con Aga Radwanska

Il torneo è giunto alla 31° edizione: ventisei quelle disputate a Palermo, quattro quelle disputate a Kuala Lumpur. I costi stimati sono di circa 500.000 € Come intendono affrontarli i vertici del torneo? “Non faremo alcun ricorso a soldi pubblici”, dichira Palma. “Contiamo di reperire circa 150.000€ dalla biglietteria, 150.000€ dalla vendita dei diritti televisi internazionali alla WTA, oltre che quelli nazionali, al pari di altri tornei, a Supertennis; 200.000€ dalla pubblicità.”

Nonsi improvvisa nulla. Gia’ da tempo al Country si lavora per innalzare gli standard del club cosi da renderlo ancora piu adeguato ad ospitare campionesse da tutto il mondo.  “Con i soldi ricavati dall’affitto del torneo abbiamo realizzato una foresteria dove ospiteremo arbitri,  fisioterapisti, direttori WTA”, continua Palma, “abbiamo ristrutturato gli spogliatoi e la clubhouse e siamo in procinto di realizzare un nuovo campo centrale con 2.500 posti a sedere. Il nostro “progetto per la vecchiaia”  sarebbe quello di costruire un campo coperto stabile con 2500 posti ed una copertuta mobile come quella di Wimbledon. La spesa non è così esagerata come possa sembrare ma, al momento mancano tuttavia gli spazi”

 

SISTEMI E SINERGIE. Parola d’ordine di Palma è “fare sistema cercando di creare sinergie con tutti gli attori del mondo sportivo, economico ed istituzionale al fine di allargare sempre la base di interesse verso il torneo che rappresenta un vero patrimonio”  L’Italia era fino a qualche anno fa una delle prima nazioni al mondo per presenza di tornei ATP/WTA ma, oggi sono rimasti soltanto gli Internazionali di Roma! Oltre che i WTA di Palermo e nè la ATP nè la WTA concedono nuove licenza. Va da se quindi capire quanto possa valere il torneo palermitano. Ma per renderlo un evento appetibile bisogna lavorare parecchio e tutti insieme. Il sindaco Orlando ha annunciato a tal fine che cercherà di mettere a punto tutta una serie di attività collaterali quali concerti e spettacoli. “Penso ad un abbonamento unico per il tennis e per gli spettacoli dice il sindaco che consenta a chi voglia trascorrere una settimana di vacanza con la famiglia di vivere a pieno la città. Per fare questo occorrerà già dal prossimo anno realizzare il cartellone della manifestazione”

 

thumbnail_IMG_20171102_123753
Giorgio Cammarata, presidente del Country Tennis Club di Palermo, il circolo che ospita la manifestazione

“Il torneo è un patrimonio di tutto il mondo sportivo italiano”, continua Palma e “crediamo  che la federazione debba avere un ruolo importante nel sostenere questo torneo non dandoci finanziamenti ma, opportunità. Ovvero: gestione della Wild card come si fa per Roma con tornei satelliti in tutta italia che quindi sfocino in un master finale da disputarsi a Roma o Palermo ( non per forza al Country am anche in un altro circolo cittadino).  Legare la comunicazione del torneo di Palermo a quella degli Internazionali di Roma, così da pubblicizzare quanto più possibile il torneo. Cercheremo di coinvolgere anche gli altri circoli cittadini ai quali chiederemo di formare e fornire volontari e giudici di linea nonchè realizzare degli eventi collaterali ai quali prenderanno parte le giocatrici impegnate nel torneo”

Insomma come chiude il Presidente del Country tennis di Palermo, Giorgio Cammarata: “riportiamo il tennis a Palermo!”

9 commenti

9 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Edoardo Russo - 3 settimane fa

    Fabrizio Lucignano

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Fabrizio Lucignano - 3 settimane fa

      Fixed si

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Angelo Genovese - 3 settimane fa

    Raffaella Sansone

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Michele Monfasani - 3 settimane fa

    E atp quando?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Pietro Valerio Baiamonte - 3 settimane fa

    Guarda quaaaaa! Non sapevo che Aga fosse venuta

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Pietro Valerio Baiamonte - 3 settimane fa

    2019

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Angelo Ortega - 3 settimane fa

      Come 2019???

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Angelo Ortega - 3 settimane fa

    Quando?????

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Pietro Valerio Baiamonte - 3 settimane fa

    Finalmente

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy