Da Ashe a Serena: il razzismo nel tennis, un male da estirpare

Da Ashe a Serena: il razzismo nel tennis, un male da estirpare

Oggi, purtroppo, il diverso va ancora troppo poco di moda, si viene giudicati fin da bambini per i proprio gusti, sessuali e non, per la propria religione, per il colore della pelle e per come ci si veste. Il tennis, lo sport dovrebbe essere esempio di tolleranza.

“Odio intensamente le discriminazioni razziali, in ogni loro manifestazione. Le ho combattute tutta la mia vita, le continuo a combattere e lo farò fino alla fine dei miei giorni.” (Nelson Mandela).
Negli ultimi giorni i principali media di tutto il mondo, Italia compresa, hanno annunciato il ritorno, dopo 14 anni, di Serena Williams a Indian Wells. Nel 2001, la numero 1 del mondo sconfisse Kim Clijsters in finale, ma trascorse ore nello spogliatoio a piangere. Il perchè è ben noto a tutti ormai. L’americana fu fischiata e, insieme alla famiglia, fu vittima di insulti razzisti. A distanza di tutti questi anni, Serena ha deciso di concedere una seconda chance al pubblico californiano, anche se ha ammesso che non sa come potrebbe reagire se si ritrovasse coinvolta in una situazione simile.
Per lei, la via del perdono è durata 14 anni, ma il coraggio di ritornare a giocare per il pubblico che l’ha fatta soffrire, dimostra che Serena Williams ha vinto anche contro il razzismo deponendo l’ascia di guerra e facendo trionfare il senso del perdono.
williams Ricordiamo che le sorelle Williams, non molto tempo fa, sono state vittime di un commento poco gradevole da parte del presidente della Federazione russa, Shamil Tarpischev, che nel corso di un programma televisivo ha fatto riferimento alle americane chiamandole “fratelli”. La WTA lo ha inibito per un anno e inflitto una multa di 25 mila dollari. Stacy Allaster, presidentessa della Women’s Tennis Association, ha commentato la vicenda definendola offensiva e umiliante. Il presidente russo si è poi scusato dichiarando: “Non volevo essere offensivo o prendermi gioco di nessuno, mi dispiace che la mia battuta, una volta tradotta in inglese, sia stata estrapolata dal contesto e che abbia attirato così tanta attenzione”. Serena Williams, a sua volta, non si è risparmiata ed ha riservato al presidente poche parole ma significative e dirette: “Penso che sia stata un’uscita molto indelicata ed estremamente sessista e razzista allo stesso tempo. Credo sia stata anche, in un certo senso, un’affermazione da prepotente. Non mi e’ piaciuta e penso non sia piaciuta a molta gente”. williamsdd Se ci si sofferma a fare un’indagine alla ricerca di episodi di razzismo nel tennis, si rimane sconcertati. Si scopre che, in realtà, il razzismo è radicato nel tennis quanto in uno sport come il calcio e alcuni espisodi risalgono addirittura a molti anni fa. Tra i moltissimi che abbiamo riscontrato navigando sul web, decidiamo di riproporre quelli più significativi, che dimostrano quanto il razzismo sia presente nello sport che amiamo e che noi appassionati continuiamo a definire a gran voce che “lo sport che non sarà mai il calcio”. Eppure, anche solo effettuando una veloce ricerca, gli episodi razzisti non sono poi così rari nel tennis. ArthurAshe Il più clamoroso risale al 1975 e il protagonista fu Arthur Ashe. Quello stesso anno vinse Wimbledon, ma fu vittima di uno degli episodi razzisti della storia tennis che è d’obbligo citare. ArthurAshe2“Non ho mai cercato di diventare una parte della società bianca. Bisogna dimenticare le barriere di nazionalità, di religione, di razza. Io sono americano, capitalista, ma amo il mondo. Arthur Ashe.” Alle finali Wct di Stoccolma, prese borsa e racchette e si allontanò dal campo per evitare di litigare con il rumeno Ilie Nastase che aveva cercato di provocarlo per tutto il match. Ancora peggio è  scoprire che, tre anni prima, in finale agli Open USA, lo stesso Nastase ad ogni cambio campo gli mormorava “Adesso mi bevo un Negroni…”. Ashe perse la partita e ne rimase colpito profondamente. Ciò che però gli fece grande onore è che, quando si presentò in conferenza stampa, disse semplicemente che Nastase aveva vinto perchè era stato più bravo di lui. Altro caso che ha attirato la nostra attenzione ci porta a viaggiare proprio nel 1993, anno della scomparsa di Ashe (6 febbraio del 1993, malato di AIDS).

ZinaGarrisonZina Garrison

PamShriverPam Shriver

L’episodio vide protagoniste Zina Garrison e Pam Shriver (entrambe statunitensi) al torneo femminile di Birmingham. Garrison accusò Shriver (presidentessa delle giocatrici) di razzismo e minacciò anche di dimettersi dal consiglio dell’associazione. Secondo la ex tennista statunitense di colore, l’avversaria Shriver l’avrebbe più volte insultata durante il match. E pensare che insieme vinsero la medaglia d’oro olimpica nella categoria di doppio femminile!

BrydanKleinBrydan Klein

Facendo un salto temporale, il 13 giugno del 2009, l’allora 19enne Brydan Klein, fu squalificato per 6 mesi per aver rivolto insulti razzisti all’avversario sudafricano Raven Klaasen durante un match di qualificazione del torneo di Eastbourne. In più, fu chiamato a rispondere di una multa di 7000 euro.

KlaasenRaven Klaasen

Il giovane tennista australiano usò l’espressione “Kaffir”  rivolgendosi all’avversario. In un primo momento, non risultò chiaro cosa volesse dire esattamente la parola in questione, ma a seguito di un’indagine condotta dall’ATP, il significato del termine fu inequivocabile: “Negro”. Klein fu dichiarato colpevole di condotta antisportiva e qualche mese dopo gli venne offerta la possibiltà di ridurre i mesi di squalifica da sei a due, a patto che frequentasse un seminario di sensibilizzazione sul tema del razzismo.

israelShahar Peer

Lo stesso anno, durante il torneo del Dubai Tennis Championships, Andy Roddick, detentore del titolo, decise di non partecipare al torneo in segno di protesta contro la decisione degli Emirati Arabi di negare il visto all’atleta israeliana Shahar Peer. Nel 2012, il razzismo colpì anche un allenatore del mondo del tennis.

MinnisTony Minnis

Tony Minnis, ex allenatore della squadra femminile di tennis della Louisiana State University, fu protagonista di una forte discriminazione razziale della quale volle sporgere denuncia. Il coach Minnis denunciò il fatto che gli allenatori “bianchi” ricevessero stipendi molto più alti rispetto agli allenatori di colore. Si parlò di ben 30.000 dollari in più all’anno. In più, secondo l’ex allenatore l’ambiente in cui lavorava era minato da azioni a sfondo razzista. “Io amo la notte perché di  notte tutti i colori sono uguali e io sono uguale agli altri… (Bob Marley)” Tutti casi che fanno ricredere sul fatto che il mondo del tennis fosse “incontaminato” dalla macchia scura del razzismo. Tra tutti i casi trovati, sottoponiamo al vostro giudizio quello della bella Caroline Wozniacki, accusata di razzismo nei confronti delle donne di colore per aver imitato Serena Williams durante un’esibizione a Rio de Janeiro, servendosi di  imbottiture di carta per imitarne meglio le forme.

Wozniackihttps://www.youtube.com/watch?v=HO-fHOHR8B8

Quello che voleva semplicemente essere un divertente intrattenimento, si è trasformato in caos mediatico e, nel giro di poche ore, alcuni blogger si sono scatenati contro la bella danese accusandola di razzismo. WozniackiWilliams Ora, se pensiamo che Caroline e Serena sono “amiche per la pelle” fuori dal campo, sicuramente non potremmo pensare che la danese abbia “imitato le gentil forme” dell’amica per disprezzarla o per discriminazione nei confronti delle donne di colore. A maggior ragione, considerati gli espisodi di razzismo di cui è stata protagonista la più giovane delle sorelle Williams, siamo certi che, se si fosse trattato di un episodio discriminativo, non si sarebbe risparmiata neanche nei confronti dell’amica. amiciazia Dopo avervi sottoposto alcuni dei tanti casi di razzismo nel tennis, è doveroso aggiungere una nota. Non è vero che il razzismo appartiene al passato, non è vero che siamo nel 2015 e che la diversità è apprezzata e amata quanto la “normalità” (o quella che definiamo tale). Oggi, purtroppo, il diverso va ancora troppo poco di moda, si viene giudicati fin da bambini per i proprio gusti, sessuali e non, per la propria religione, per il colore della pelle e per come ci si veste. Lo sport dovrebbe essere esempio di tolleranza perchè su qualunque campo si disputi un incontro, gli avversari si misurano con le proprie capacità, non secondo il colore della pelle o qualsiasi altro gusto personale.
nerobianco “La tolleranza è il biglietto da visita con cui gli stati occidentali si presentano agli importanti incontri internazionali per discutere non si capisce mai di cosa. Tollerare significa accettare che ognuno possa pensare ed agire in base a ciò che è e alla propria coscienza: esempi lampanti di mancata tolleranza li possiamo riscontrare nelle disastrose dittature del Novecento, anche se in tali casi parlare di razzismo sembra estremamente riduttivo. Non lo è, invece, se si considera il tentativo di una ‘categoria umana’ di soverchiarne un’altra: puntare il dito contro neri, gay e donne è razzismo, prendersela con il compagno di classe secchione e mingherlino è bullismo, ricorrere a improbabili teorie scientifiche che provano la superiorità genetica del maschio bianco caucasico è stupidità, fonte di tutti i guai.”

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy