Inarrestabile Venus Williams: obiettivo le Olimpiadi del 2020

Inarrestabile Venus Williams: obiettivo le Olimpiadi del 2020

Ritiro? Venus Williams non ci pensa e rilancia: prossimo obiettivo le Olimpiadi di Tokyo 2020.

Commenta per primo!

Venus Williams non prende in considerazione l’ipotesi ritiro a fine stagione. Anzi, rilancia: “I giochi olimpici 2020 sono all’orizzonte. Non rappresentano qualcosa di impossibile e proverò a raggiungere questo obiettivo”. 37 anni compiuti a giugno e un rapporto speciale con le Olimpiadi, appuntamento al quale tiene tantissimo. Non è la prima volta che Venus manifesta il proposito di esserci a Tokyo. Si era espressa in merito anche nell’estate 2016 al termine dei giochi di Rio dove era salita sul podio in coppia con Rajeev Ram, dopo la finale tutta americana di doppio misto vinta da Jack Sock e Bethanie Mattek-Sands. 6 giochi olimpici disputati e 5 medaglie: oro in singolare e doppio a Sydney 2000, oro in doppio a Pechino 2008 e Londra 2012, argento in doppio misto a Rio. In una sola partecipazione Venus è rimasta senza medaglia, in quel di Atene 2004. Già il rendimento di Venus nel 2018 ci dirà se questi propositi saranno fattibili o meno. Non sarà semplice ripetere una annata come il 2017 che ha visto Venus Williams chiudere l’anno da numero 5 al mondo con due finali slam (Australian Open e Wimbledon), la semifinale agli Us Open e, per concludere in bellezza, la finale alle Wta Finals. Ha messo in riga avversarie molto più giovani e fresche con doti che possiede certamente in misura maggiore rispetto a tante: esperienza, classe, personalità. Molto più che dettagli, ma qualità che permettono a Venus di sopperire al fatto che servizio, guizzo felino a rete e fiato, non siano più quelli di qualche anno fa. Aggiungiamo anche la programmazione oculata (tornei dello Slam nei quali si gioca ogni due giorni e appuntamenti principali) che le ha consentito di presentarsi a Singapore in grande forma fisica. Il 2018 di Venus Williams partirà da Sydney, unico torneo di preparazione che disputerà in prospettiva Australian Open. E’ un rientro in grande stile, perché Venus a Sydney non giocava dal 1999. E i progetti di Venus, non sono solo a lungo termine, come quello di puntare a Tokyo 2020. Nelle intenzioni dichiarate dalla “Venere nera” c’è un titolo Slam, sigillo che manca in bacheca dal 2008.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy