L’arte di denigrare una campionessa

L’arte di denigrare una campionessa

Nel nostro paese l’usanza di criticare gli atleti è molto diffusa, e Sara Errani è una delle vittime del tennis italiano. I numeri, però, parlano chiaro e smentiscono le opinioni dei leoni da tastiera.

di Andrea Lombardo

Gli italiani, come pochi al mondo, amano criticare i propri atleti in qualsiasi tipo di sport. Per quanto riguarda il tennis, Sara Errani è sicuramente una delle giocatrici meno apprezzate.
Il suo gioco basato sulla difesa e sul contrattacco può non piacere, così come altri possono invece non amare il gioco basato solo sulla potenza. L’errore sta però nelle critiche infondate. Quando si inizia a mettere in dubbio le capacità tecniche di una giocatrice, c’è il rischio altissimo di fare brutte figure soprattutto quando i risultati e le statistiche parlano sole. Non solo critiche ma anche insulti che arrivano da persone che probabilmente non hanno mai preso una racchetta in mano e che si concedono il lusso di contestare le qualità di una giocatrice.

I NUMERI CONTRO OGNI CRITICA – Probabilmente chi attacca Sara Errani ignora tutti i risultati ottenuti in carriera dalla romagnola. Partiamo da quel famoso 2012 che ha visto Sara entrare tra le migliori. Agli Australian Open raggiunge i suoi primi quarti di finale a livello slam, perdendo solo da una certa Petra Kvitova, non una giocatrice qualunque.

Proseguiamo in ordine cronologico: nelle settimane a seguire Sara raggiunge la semifinale a Monterrey, vince ad Acapulco in finale su Flavia Pennetta. Sulla terra rossa vince consecutivamente a Barcelona e Budapest, mentre perde a Roma da Samantha Stosur.
Arriviamo poi al magico Roland Garros 2012: vittorie in sequenza su giocatrici come Ana Ivanovic (ex numero uno e vincitrice del Roland Garros 2008), Svetlana Kuznetsova (ex numero due e due volte campionessa slam), Angelique Kerber e Samantha Stosur.
Qui iniziano a crollare i muri di critiche degli haters: come può una giocatrice ritenuta “pallettara” battere giocatrici del genere?

Sara Errani al Roland Garros 2012.
Sara Errani al Roland Garros 2012.


SARA E LA “FORTUNA” NEI SORTEGGI – 
Come si evince dai nomi elencati precedentemente, per raggiungere la sua prima e unica finale slam la romagnola ha dovuto battere due top 10 e campionesse slam. Eppure c’è chi ha da ridire anche su questo, parlando di “fortuna” nei sorteggi. Negli anni in cui Sara è stata al vertice, la top 10 era composta da giocatrici del calibro di Williams, Azarenka, Sharapova, Li, Kvitova, Kerber, Wozniacki e Radwanska. Per far parte di questo gruppo sicuramente Sara è andata ben oltre la buona sorte, che è di tanto in tanto presente nella carriera di ogni atleta ma che non giustifica traguardi di tale spessore.

Sara Errani ha ricevuto anche l’appellativo di “terraiola”, che induce a pensare che sia semplicemente una giocatrice da terra rossa, ma la sua carriera dice ben altro. Nello stesso anno raggiunge la semifinale agli US Open, torneo in cui la superficie risulta essere cemento. Nello stesso torneo Sara ha anche raggiunto i quarti di finale nel 2014, mostrando quindi di essere competitiva anche sui campi veloci.
L’unica superficie in cui Sara ha sempre avuto difficoltà è l’erba, vantando comunque un terzo turno a Wimbledon nel 2012.

I RISULTATI PIÙ IMPORTANTI – Oltre ai 9 tornei vinti in carriera, Sara ha ottenuto altri piazzamenti degni di nota.
Errani è diventata la prima e attualmente unica azzurra a raggiungere i quarti di finale ad Indian Wells, Miami, Madrid e Pechino, vale a dire tutti i Premier Mandatory (i tornei WTA più importanti, dopo gli slam). Una semifinale e una finale agli Internazionali BNL d’Italia, arrendendosi solo ad Azarenka e Williams. Finale al torneo di Parigi indoor, adesso cancellato dal circuito; una semifinale a Stoccarda e alla Rogers Cup, ed infine il risultato più recente: la prima vittoria a livello Premier a Dubai.

Sara Errani dopo la vittoria a Dubai 2016.
Sara Errani dopo la vittoria a Dubai 2016.

NON SOLO SINGOLO –  Pochissime giocatrici ai vertici della classifica in singolo si dedicano al doppio, ma Sara è riuscita a conciliare le due discipline in maniera ottimale. Non accontentandosi del best ranking al numero 5 in singolo, la bolognese si è spinta fino al primo posto in doppio con la connazionale Vinci, vincendo 5 slam e completando il Career Grand Slam. Anche in questo caso, i leoni da tastiera non potevano che dare merito solamente a Roberta Vinci ignorando il fatto che in doppio, come dice la parola stessa, si vince e si perde in due.
Dopo la separazione con la tarantina però, Sara ha continuato ad ottenere ottimi risultati anche con altre compagne: semifinale agli US Open con Flavia Pennetta, ad Indian Wells con Oksana Kalashnikova e a Dubai con Carla Suárez Navarro, con cui ha fatto finale a Doha.  Negli ultimi mesi ha anche vinto consecutivamente Tianjin ed Auckland con Irina Camelia Begu e Bibiane Schoofs, arrivando a quota 27 titoli.

LA FASE DI CALO – Come avviene a tutte le giocatrici, dopo un lungo periodo ad alti livelli arriva una fase di calo, a cui si è aggiunta la squalifica per doping di cui si è parlato già tanto. Nelle ultime settimane Sara, però, sembra essere tornata ad alti livelli nonostante il ranking dica altro. Dal weekend di Fed Cup contro la Spagna, Sara ha vinto 6 partite consecutivamente (battendo anche Suarez Navarro, Sabalenka, Pera, Tsurenko), perdendo solamente da una Angelique Kerber tornata ai livelli del 2016.

Per il bene di Errani stessa e del tennis italiano, sarebbe fondamentale ritrovare una giocatrice di alti livelli, e in attesa che arrivino le giovani azzurre l’Italia punta su Sara. Nessuno pretende che Sara torni in top 10 o che vinca slam, ma non è certamente una giocatrice che merita di stare fuori dalla top 100 e avrà la possibilità di mostrarlo.

57 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Patrizia Passini - 9 mesi fa

    Mai denigrato Sara, l’unico tennista che ho criticato (non per capacità) è Fognini che continua a starmi sullo stomaco

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Sergio Serrecchia - 9 mesi fa

    Avercene di giovani con la stessa forza di volontà, caparbietà, impegno, testa, etc, con quel “servizietto” che si ritrova ha raggiunto grandi risultati…solo da ammirare!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Sauro Botti - 9 mesi fa

    Saranno i soliti ultrà zotici da curve da stadio

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Massimiliano Mancini - 9 mesi fa

    La Errani, ha capitalizzato al massimo il suo tennis, N.5 in singolo e 1 in doppio sono risultati al di la’ di ogni previsione, considerando che ha un servizio equivalente a quello di un buon terza categoria, ha compensato con una grande forza di volontà questa grave lacuna. Caratterialmente non la conosco, per cui evito di dare giudizi e’ molto generosa in campo ed ha onorato se non altro sempre il tennis italiano, in nazionale e nei tornei individuali, questo conta.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Cristina Criswald - 9 mesi fa

    I ‘leoni da tastiera’ devono essere semplicemente ignorati.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Francesco Perreca - 9 mesi fa

    Premetto che le riconosco i meriti per le belle stagioni disputate e per gli innumerevoli allori conquistati però non posso che criticare il suo gioco frutto inevitabilmente dei suoi limiti fisici oggettivi e non inventati. Detto questo preferisco il gioco esteticamente più bello sia della Vinci che della Schiavone. Non entro in merito a questioni di doping perché io che stravedo per la Sharapova non parlo a vanvera ma ho delle fondate convinzioni che tante cose siano andate così perché un buco nel sistema lo ha permesso.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Massimo Marini - 9 mesi fa

    per me gioca il tennis a 90 gradi p bravissima dritto rovescio smorzate l unico suo andicap e come tante altre tennoste che non hanno la sua completa capacita e mi dispiace dirlo ,,,non e molto alta qualora avesse avuto qualcosa in piu avrebbe reso isuoi colpi imprendibili come ha sempre dimostrato ,QUANDO GIOCA la vedo sempre volentieri perche gioca a TENNIS,,,,,,,,,,BRAVA

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Elisa Casoni - 9 mesi fa

    Sbaglio o non si menziona la vicenda “tortellini”? Solo per questo motivo non riesco (almeno io) a soprassedere….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Sara Tax - 9 mesi fa

    Bellissimo articolo, un bravo all’autore

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Andrea Lombardo - 9 mesi fa

      Grazie mille

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Francesco Genna - 9 mesi fa

    Vero Gianmaria Simioni e Claudio Cavallin ?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Gianmaria Simioni - 9 mesi fa

      Essendo di dubbi gusti sessuali non è idonea….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Claudio Cavallin - 9 mesi fa

      The arcion and her friends

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Rosaria Leoni - 9 mesi fa

    GRANDE SARA

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Giusy Sodi - 9 mesi fa

    Sara è un’atleta molto brava, ha dato tante soddisfazioni all’Italia e chi la critica non sa niente di Tennis o di sport. Sara siamo con te anche quando non ce la fai a vincere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Alessandra Bragion - 9 mesi fa

    Grande Sara!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Federico Rosati - 9 mesi fa

    La parola campionessa e Errani nella stessa frase no. Abbiate pazienza

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Impollonia Alessandro - 9 mesi fa

    La verità sta nel mezzo In passato buona giocatrice in singolare con buoni risultati per le sue capacità.Grande giocatrice con la Vinci nel doppio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Romeo Sterlicchio - 9 mesi fa

    SARA. Se avesse avuto il Servizio, sarebbe stata sempre nelle Top Ten. Altro che urletti. Forza SARITA!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. Marco Perri - 9 mesi fa

    Arrivare dove è arrivata lei è una cosa non accessibile a tutti, partendo dal suo bagaglio tecnico

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. Mino Sciolto - 9 mesi fa

    Giocatrici come Pennetta, Schiavone e Vinci….tanta roba! Di certo la Errani non rientra in questa categoria…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Andrea Lombardo - 9 mesi fa

      Posso chiedere il perché? Nell’articolo ho riportato anche dei numeri che certamente non sono campati in aria. Poi ognuno tifa chi vuole ma dire che Errani non rientra in questa categoria è una stupidaggine, lo dicono i numeri, non lo dico io.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Mino Sciolto - 9 mesi fa

      Mi sembra alquanto riduttivo parlare solo di “numeri”. Per quanto mi riguarda, confermo quanto scritto sopra e se può sembrarti una stupidaggine, non preoccuparti, me ne farò una ragione

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. Andrea Giacchi - 9 mesi fa

    Personalmente l’ho criticata per la sua manifesta non sportivi ta’…andate a rivedere il suo atteggiamento nella partita contro Venus Williams negli Stati Uniti ….semplicemente vergognosa e imbarazzante…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Andrea Lombardo - 9 mesi fa

      Quella è stata una partita assurda, con tutto l’Artur Ashe contro di lei ma che alla fine non ha esitato ad applaudire per Sara. E poi se è per questo anche il famoso gesto di Roberta Vinci contro Serena dovrebbe essere considerato antisportivo, no?
      Per me si tratta più di trance agonistica che di antisportività, ma poi ognuno la vede diversamente.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Andrea Giacchi - 9 mesi fa

      Andrea Lombardo ricordami il gesto antisportivo di Roberta perché mi sfugge…tra le altre cose mi sembra che fu Serena a darle della puttana

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Andrea Lombardo - 9 mesi fa

      Io infatti non giudico il “ora applaudite anche me” antisportivo, ma se tu reputi il comportamento di Sara vs Venus antisportivo dovresti trovare antisportivo anche quello.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Andrea Giacchi - 9 mesi fa

      Andrea Lombardo probabilmente abbiamo diversi metri di giudizio…e ovviamente non è un problema…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. Massimo Crisoliti - 9 mesi fa

    Nessun pregiudizio, ma la vicenda del doping e la relativa “giustificazione” mi hanno lasciato senza parole. Fior di atleti sono stati squalificati per queste vicende senza attenuanti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Andrea Lombardo - 9 mesi fa

      Appunto perché altri atleti sono stati squalificati, penso che la vicenda di Sara sia stata molto meno grave rispetto ad altri casi. Come ho scritto nell’altro commento, usare una sostanza utilizzata per le pillole antitumorali è da folli e non penso sia il suo caso.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Massimo Crisoliti - 9 mesi fa

      Andrea Lombardo meno grave … c’è anche una graduatoria di abuso di “farmaci” considerati doping? … ripeto nulla contro la Errani. Ma nella fattispecie la sua “giustificazione” è veramente paradossale … un insulto anche alla più volenterosa buona fede

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. Brava Sarita, va avanti !!@

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. Elena Gatto - 9 mesi fa

    Vamos Sara

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  23. Andrea Mennilli - 9 mesi fa

    Sara Errani è commovente, il gioco del tennis senza il suo colpo fondamentale, il servizio. Ha dato più di quello che ci si poteva aspettare. Un leone, grande lavoratrice, atleticamente perfetta, in risposta tra le migliori di tutto il circuito.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  24. Stefano Pedro - 9 mesi fa

    Ha fatto il massimo,giocare senza praticamente la battuta e’ un grave handicap…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  25. Ivana Campagnolo - 9 mesi fa

    Solamente invidia e cattiveria

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  26. Paola Pedrelli Drudi - 9 mesi fa

    Sara è una ragazza che ha fatto tanti sacrifici x giocare a tennis non x niente è arrivata n. 5

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  27. Massimo Marini - 9 mesi fa

    dico

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  28. Claudia Piscaglia - 9 mesi fa

    Avercene…….dal divano tutti bravi a criticare

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  29. Francesco Carollo - 9 mesi fa

    Bravissima e fortissima

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  30. Antonio Di Giovanni - 9 mesi fa

    tanti leoni nella vita coglio…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  31. Cristina Piano - 9 mesi fa

    Non può risultarmi semplicemente antipatica senza sentirmi definire leone da tastiera?
    Preferisco di gran lunga la Robertina Vinci.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Andrea Lombardo - 9 mesi fa

      Certo che può risultarle antipatica, ognuno è libero di pensare ciò che vuole. Il problema è nel modo in cui alcuni esprimono il loro pensiero. Non è necessario insultare o criticare qualsiasi cosa pur di sfogarsi su una persona.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Cristina Piano - 9 mesi fa

      Se mi parli di “alcuni” ok, l’importante è non generalizzare.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Cristina Piano - 9 mesi fa

      Pardon, “se mi parla”, dato che ha usato il lei

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Elisa Casoni - 9 mesi fa

      Robi forever ❤️

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  32. Isabelle Anzalone - 9 mesi fa

    Ma lei non fa in modo che tutto questa idiosincrasia nei suoi confronti cessi. Io la trovo antipatica e fastidiosa quando gioca con i suoi urletti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Manuel Neuer Ferrari - 9 mesi fa

      Vabbè allora la Sharapova cos’è?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Isabelle Anzalone - 9 mesi fa

      Va bene essere grintosi ma lei esagera in campo, sembra una dannata.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Andrea Lombardo - 9 mesi fa

      Non intendo assolutamente questo. Può stare simpatica o no, ognuno ha le sue simpatie nello sport ed è normalissimo. Sarebbe giusto però non sfociare nell’odio. Questo è il problema, bastarebbe esprimere il proprio pensiero in maniera civile senza screditare o offendere.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Isabelle Anzalone - 9 mesi fa

      Sinceramente italiana o no io cambio canale quando gioca. Mi dispiace, è inguardabile, in più ha un atteggiamento molto antipatico che dà fastidio. Ho espresso un mio parere da spettatrice senza offendere.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. Paolo Polo - 9 mesi fa

      Il tennis è uno sport nobile. La errani prova sempre in tutti i modi e soprattutto contro giocatrici fragili emotivamente di metterle in difficoltà al di fuori del gioco. Antipatici i suoi seeeeee sull errore dell avversaria. Anche sui doppi falli. Questo comportamento la rende antipatica ai puristi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  33. Selene Eleonori - 9 mesi fa

    era necessario difendere Sara Errani dai cosiddetti leoni da tastiera? Non sarà invece che qualche tifoso è rimasto un po’ deluso dalla faccenda del doping???

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Andrea Lombardo - 9 mesi fa

      Salve signora Selene. Innanzitutto, essendo Tennis Circus una testata giornalistica che si occupa di tennis dalla A alla Z, mi pare ovvio che dia importanza anche alle nostre giocatrici.
      Se Sara Errani ha bisogno di essere difesa? Questo non sta a lei deciderlo. Se leggesse i commenti di certi elementi su Sara, forse capirebbe il motivo di questo articolo. Una ragazza, che sia atleta o che sia una contadina, non merita di ricevere parole del genere.
      Riguardo alla vicenda doping: non c’entra proprio niente. Sara riceve critiche da sempre, anche prima della squalifica. Evidentemente è poco informata o magari lei è una di quelle che le rivolgono commenti poco gradevoli. Le auguro una buona serata.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Selene Eleonori - 9 mesi fa

      In primis Non le permetto neanche di insinuare che io possa rivolgere commenti offensivi verso chicchessia! In secondo luogo tengo invece a precisare che faccio parte dei tifosi che si sono sentiti traditi e delusi quando Sara Errani è stata accusata di aver assunto sostanze non consentite.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Lorenzo Fersini - 9 mesi fa

      Riguardo la questione doping si informi a dovere e capirà che si è solo trattato di sfortuna

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Andrea Lombardo - 9 mesi fa

      Doparsi con una sostanza utilizzata per le pillole antitumorali? Una ragazza di 31 anni deve essere FOLLE per compiere un atto simile. Sarò di parte ma ritengo che sia stato un errore e ne ha già pagato le conseguenze.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy