Le magnifiche otto: Elina Svitolina

Le magnifiche otto: Elina Svitolina

L’ucraina ha disputato la miglior stagione in carriera ottenendo successi prestigiosi e giocandosi fino alla fine la prima piazza mondiale.

Una stagione da incorniciare, la stagione della definitiva consacrazione. Elina Svitolina ha disputato la miglior annata della carriera e si è garantita con ampio margine la prima partecipazione alle Finals di Singapore.

La stagione della tennista ucraina parte subito con un acuto battendo a Brisbane, primo appuntamento dell’anno, la numero uno del mondo Angelique Kerber, uscendo poi sconfitta in semifinale dalla futura vincitrice del titolo Pliskova. Il preludio di una stagione che tante soddisfazioni le avrebbe dato. La campagna australiana, però, giunge al termine a Melbourne dove viene estromessa al terzo turno dalla Pavlyuchenkova. La tourneé asiatica comincia col botto, a Taipei da prima testa di serie riesce a portare a casa il trofeo in maniera piuttosto agevole, battendo in finale Peng. Si ripete una settimana dopo a Dubai dove centra il primo successo Premier in carriera mietendo vittime illustri, Kerber e Wozniacki su tutte. Dopo la poco proficua primavera statunitense tra Indian Wells e Miami, Elina Svitolina si aggiudica il terzo titolo stagionale a Istanbul, delude a Madrid e poi centra il secondo successo Premier in carriera al Foro Italico, torneo in cui riesce ad eliminare in serie Pliskova, Muguruza e Halep.

Sull’onda positiva del best ranking segnato (n.6) in seguito al successo di Roma, la Svitolina partecipa al Roland Garros dove raggiunge per la seconda volta in carriera ai quarti di finale, battuta dalla finalista Halep. L’avvio della stagione su erba non è dei migliori, a Birmingham viene eliminata al secondo turno per mano di Camila Giorgi. A Wimbledon si riscatta centrando per la prima volta in carriera gli ottavi di finale, persi contro la Ostapenko.

Anche a Toronto la Svitolina fa incetta di vittorie prestigiose ed elimina in serie Venus Williams, Muguruza, Halep e Wozniacki ottenendo il quinto titolo dell’anno e terzo Premier in carriera. Agli Us Open perfeziona il suo miglior risultato e raggiunge per la prima volta, anche a Flushing Meadows, gli ottavi di finale dove viene estromessa dalla futura finalista Keys.

A Pechino butta via l’occasione della vita, perdendo ai quarti contro Caroline Garcia, e si chiama definitivamente fuori dalla corsa alla prima piazza mondiale, raggiunta poi dalla Halep sconfitta in finale proprio dala transalpina. La meravigliosa stagione dell’ucraina si chiuderà in bellezza con il primo pass per le Finals di Singapore, ottenuto, tra l’altro, con ampio margine di punteggio rispetto all’ultima partecipante.

Elina proverà a migliorarsi anche l’anno prossimo mettendo nel mirino quell’obiettivo – non dichiarato – raggiunto ed abbandonato (rapidamente) da molte sue colleghe nella stagione corrente.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy