Margaret Court non presenzierà agli Australian Open

Margaret Court non presenzierà agli Australian Open

La polemica che ha investito il circuito femminile non sembra essere destinata a concludersi. Margaret Court, ex tennista pluricampionessa Slam australiana, aveva rilasciato diverse dichiarazioni omofobe che avevano acceso un’aspra polemica. Diverse associazioni e alcune giocatrici si erano schierate apertamente contro la Court, tanto che la Federazione australiana aveva avanzato l’ipotesi di cambiare il nome dell’arena centrale a lei dedicata, soluzione poi però accantonata.

di Aureliano Fiorini

Margaret Court non parteciperà ai prossimi Australian Open. Viene rispedito al mittente l’invito pervenutole dall’organizzazione del prestigioso Slam australiano che inizierà proprio in questi giorni.

La tennista australiana è un monumento della storia del tennis, avendo vissuto una carriera straordinaria condita da ben 24 titoli del grande Slam in singolare e 62 titoli complessivi di doppio e doppio misto; in quanto tale a lei è dedicata una delle arene maggiori del torneo, nel quale si svolge la finale del tabellone femminile.

Tuttavia negli ultimi anni, da convinta tradizionalista cristiana, è intervenuta più volte con dichiarazioni contro la omosessualità e in particolare contro i matrimoni fra coppie dello stesso sesso, atteggiamento ampiamente criticato da diverse giocatrici del circuito, prima fra tutti Samantha Stosur; molte di loro sono arrivate a minacciare di non voler giocare nello stadio intitolato proprio alla Court. Per questa ragione una parte degli organizzatori si è interrogata sulla possibilità di cambiare il nome dell’arena, recentemente restaurata; la decisione però, nonostante le diverse pressioni, è stata accantonata, e Tennis Australia si è limitato a prendere le distanze dalle dichiarazioni della Court, definite non in linea con la politica di inclusione e rispetto reciproco portata avanti dalla Federazione australiana.

La decisione di non cambiare il nome all’arena sembra frutto del grandissimo rispetto per la carriera della Court, che di fatto rappresenta ancora una istituzione del tennis mondiale e soprattutto australiano, alla pari di Rod Laver. Su questa questione era intervenuta anche Billie Jean King, la quale, nonostante sia sempre stata una paladina nella lotta al maschilismo e alla omofobia, aveva espresso parole di rispetto verso la carriera della Court e soprattutto la sua contrarietà al cambiamento del nome dell’arena.

La polemica sembra però lontano dalla sua conclusione. La Court, per la prima volta quest’anno, nonostante la polemica vada avanti da diversi anni, ha rifiutato l’invito degli organizzatori e ha insistito sulla sua presa di posizione, definendo i matrimoni gay solo una moda passeggera e paventando i rischi cui tutta la società australiana potrebbe andare incontro per tale pratica. Come se non bastasse ha anche messo le mani avanti su un eventuale boicottaggio dei match giocati sulla arena a lei dedicata: “Credo che boicottare i match sia qualcosa di meschino, dimostrando cosa realmente c’è nel cuore dei tennisti. Sarebbe un comportamento infantile; per fortuna non dipende da me e non mi toccherà”.

Un passo indietro in questa situazione non farebbe di certo male. Indipendentemente dalla questione del nome dell’arena, che rischia quasi si sviare l’attenzione dal tema centrale, certe dichiarazioni all’alba del 2018 sono completamente fuori luogo.

16 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Spaventosa

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Gennaro Cibelli - 6 mesi fa

    Non mi pare abbia detto “Gli omosessuali devono bruciare vivi nei forni dei Campi di Concetramento…”. Ecco…questa è una dichiarazione omofoba…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Claudio Ragnini - 6 mesi fa

    Mamm cie brut

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Flavio De Martino - 6 mesi fa

    Per me è semplice: basta che funzioni. Però se non la pensi così hai il diritto di poterlo dire

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Alessandro Boesso - 6 mesi fa

    Ormai c’è il pensiero unico…se non ti conformi il minimo che ti può capitare è di essere insultato da qualche integralista e depositario del “giusto”.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Salvatore Sanguigni - 6 mesi fa

      Stavo scrivendo la tua stessa cosa

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. …quindi, fatemi capire, dichiarare di essere contrari ai matrimoni tra persone dello stesso sesso, e alle adozioni di bambini da parte di coppie omosessuali significa essere omofobi? Ma vergognatevi…e andate affanculo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Edoardo Mereghetti - 6 mesi fa

      No, significa essere dei COGLIONI

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Paolo Rizzo - 6 mesi fa

      Siamo in Australia, non in Italia dove le leggi sono pesantemente influenzate dallo stato del Vaticano…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Comunque come ha detto qualcuno…dal bucio del…non è mai nato nessuno…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Buongiorno a tutti… Non sono assolutamente omofobo ma contrario ai matrimoni tra persone dello stesso sesso e alle adozioni dei bambini, il problema va osservato e poi valutato oltre il palmo dal naso.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. Anna Galbani - 6 mesi fa

      Ben detto!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    6. Anna Galbani - 6 mesi fa
      Rispondi Mi piace Non mi piace
    7. Edoardo Mereghetti, il primo della lista sei tu?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    8. Stefano Bernardini - 6 mesi fa

      Ognuno può avere delle opinioni, ma francamente a leggere qualche commento mi fate terrore

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Trimonti Maurizio - 6 mesi fa

    Fornero

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy