Maria Sharapova è tornata “unstoppable”

Maria Sharapova è tornata “unstoppable”

Maria Sharapova torna a vincere a Tianjin a due anni e mezzo dall’ultima vittoria di Roma 2015 superando in due set la bielorussa Aryna Sabalenka nonostante sia stata sotto in tutti e due i set. A questo punto dopo una partita combattuta, come questa, all’ultima palla viene da chiedersi: ma la bravura di Sharapova era davvero dovuta al meldonium?

4 commenti

Maria Sharapova torna a vincere a Tianjin. Questa è una vittoria veramente speciale per lei, perché la prima che arriva e che si può godere a distanza di due anni e mezzo dall’ultimo titolo vinto a Roma nel  2015 e i 15 mesi di squalifica per la storia del doping al Meldonium.

LE LACRIME DI MARIA – Maria Sharapova ha pianto di gioia quando ha vinto il punto che le ha permesso di conquistare il torneo Wta di Tianjin. Per la campionessa russa è il 36mo trofeo. Dopo l’incontro,  Sharapova è corsa ad abbracciare Sven Groenefeld, il suo coach scoppiando in lacrime. “Questo successo ha per me un significato speciale – ha sottolineato durante la premiazione – dopo un lungo percorso di oltre due anni. È stata una settimana fantastica. E in questo momento desidero complimentarmi con Aryna per il tuo tennis: hai davvero un grande futuro davanti e spero di poterti incontrare ancora tante altre volte…”. 

 UN NUOVO RANKING Alla 59ma finale della sua carriera, Maria Sharapova ha superato per 7-5 7-6, in poco più di due ore, la 19enne bielorussa Aryna Sabalenka. Con i punti di questa vittoria Sharapova tornerà nella top 60 del ranking mondiale sarà infatti numero 57 del ranking e da lunedì la vedremo come protagonista alla “Kremlin Cup” di Mosca.

LA BIELORUSSA PER DUE VOLTE IN VANTAGGIO SU MARIA – A fare le spese della fame di vittoria della tigre siberiana è stata la 19enne bielorussa Aryna Sabalenka di cui sentiremo sicuramente parlare in un vicinissimo futuro, in un match in cui era stata in vantaggio in entrambi i set, prima 4-2 poi 5-2

SHARAPOVA ADDITATA DAL MONDO DEL TENNIS – Quindici mesi di squalifica per doping, il ritorno ad aprile tra le roventi polemiche delle wild card e l’ostilità delle colleghe, l’esclusione moralistica dal Roland Garros,  e poi gli infortuni che le hanno imballato i muscoli irrigiditi per l’inattività di tanti mesi. La wild card al torneo “International” di Tainjin non ha fatto più scalpore come quelle ottenute a  Stoccarda e a  Roma subito dopo il rientro.

UNSTOPPABLE SHARAPOVA – Masha è arrivata in finale “in sordina” e si è accaparrata il suo 36esimo titolo. La russa è stata in grado di sopportare tutte le ostilità delle colleghe e del mondo del tennis  senza perdere la lucidità del suo gioco e gli obiettivi che si era posta. Forse la bravura di Masha non era legata così a doppio filo all’assunzione del meldonium!  Forse Sharapova è proprio di suo Unstoppable!

4 commenti

4 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Riccardo Dominici - 2 mesi fa

    MASHA ❤️ 5 SLAM nell epoca delle sorelle Williams … tanti titoli tante gioie … CHI LA CRITICA NON GIOCA A TENNIS O NON È CAPACE … finalmente sei tornata… ALTRO CHE N1 SENZA SLAM… forza

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Roberto Zunino - 2 mesi fa

    Non credo

    Brava maria

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Alfredo Orrico - 2 mesi fa

    Ma quale Meldonium? Ma basta!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Elisa Malfetti - 2 mesi fa

    Eee. Se. Ce. La. Rumena riparti

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy