Naomi Osaka dovrà scegliere la sua cittadinanza: Giappone o Stati Uniti?

Naomi Osaka dovrà scegliere la sua cittadinanza: Giappone o Stati Uniti?

In base alla legge nipponica, i cittadini in possesso della doppia cittadinanza sono costretti, al compimento dei ventidue anni, a scegliere definitivamente tra i due passaporti. Il 16 ottobre sarà il turno di Naomi Osaka, divisa tra Giappone e USA.

di Pierluigi Serra, @pierluigi_serra

Come viene stabilito dalla rigida legge giapponese, un cittadino nipponico in possesso della doppia cittadinanza, al compimento dei 22 anni, è costretto a scegliere in maniera definitiva tra i due passaporti. Sarà, dunque, questa l’importante scelta di vita che Naomi Osaka sarà chiamata a fare il prossimo 16 ottobre, data del suo ventiduesimo compleanno. Al momento, la numero uno del mondo, oltre alla cittadinanza nipponica, possiede anche quella statunitense, ottenuta dopo essersi trasferita, a tre anni, negli USA; la Osaka, infatti, ha compiuto la sua intera formazione tennistica nelle migliori accademie americane tra New York e la Florida.

Nel giro dei prossimi mesi, dunque, Naomi dovrà decidere quale Paese vorrà rappresentare nel prosieguo della sua carriera, già a partire dai Giochi Olimpici del 2020, che, ironia della sorte, si svolgeranno proprio in Giappone, a Tokyo. In ogni caso, sembra altamente improbabile che la Osaka scelga di mantenere la cittadinanza americana; i suoi genitori, sin dalle prime apparizioni nel circuito professionistico, hanno più volte dichiarato che, nonostante i numerosi anni trascorsi all’estero, Naomi si sente giapponese e che la Federazione nipponica, al contrario di quella americana, ha sempre appoggiato e sostenuto il percorso di crescita della fresca campionessa degli Australian Open.

Nonostante queste rassicurazioni, le voci su una possibile scelta a stelle e strisce della Osaka hanno scatenato un vero e proprio pandemonio in Giappone. Questa sorprendente ipotesi è stata avanzata, in particolare, dall’esperto giornalista Michio Ushioda, che, in un tweet, ha aggiunto che un eventuale rifiuto della cittadinanza nipponica da parte della numero uno del mondo potrebbe generare un grande caos nel dibattito pubblico del Paese e, addirittura, avere ripercussioni sul governo giapponese. Al di là di questi esagerati allarmismi, la Osaka rappresenta sicuramente un patrimonio inestimabile per lo sport giapponese; perdere un talento di questo livello sarebbe un vero e proprio peccato.

17 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Qualche italiano che la sposi, così gli facciamo scegliere quella italiana?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Michal Walkow - 1 mese fa

    Speriamo che scelga il Giappone e che inizi seriamente lo studio del giapponese.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Matteo Teodori - 1 mese fa

    Movimento giapponese inesistente meglio gli USA che una chance di vincere la fed cup te la danno

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Cristiano Pasciuti - 1 mese fa

    Una che in giappone risponde in inglese alle domande dei giornalisti come la chiami ? Ma tanto si sa che scegliera’ gli stati uniti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Fabio Baldi - 1 mese fa

    Questa è una che ha le potenzialità di scrivere un bel pezzo di storia del tennis….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Cristiano Zatini - 1 mese fa

    La Signorina non mi è chiara… con il sorriso orientale sgancia il suo coach, sicuramente ne avrà preso un migliore ai posteri l’ardua sentenza… Vediamo anche la scelta della Nazionalità…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Cristiano Pasciuti - 1 mese fa

    Dopo aver cacciato un coach che le ha fatto vincere 2 slam la capra scegliera’ gli USA fregandosene delle 2 atomiche

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Valentina Baroncini - 1 mese fa

      Che brutta persona. Grazie Cri per la segnalaziond

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Cristiano Pasciuti - 1 mese fa

      ahahahahah

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Alfredo Orrico - 1 mese fa

      Cristiano Pasciuti capra? Mi sembra un po’ eccessivo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Emanuela Filippi - 1 mese fa

    Speriamo scaglia di rappresentare il suo popolo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Giampiero Bisognani - 1 mese fa
    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Rosario Occhipinti - 1 mese fa

    Premetto che ritengo i giapponesi un “popolo avanti” (almeno 20 anni rispetto a tutti)… Io sceglierei di fare la storia per il mio Paese che tennisticamnete non ha mai avuto niente di che a livello femminile. Ma soprattutto eviterei di essere concittadina di un popolo guerrafondaio, governato da matti e ubriaconi come gli Stati Uniti…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Alfredo Orrico - 1 mese fa

      Rosario Occhipinti piu’ che altro matti.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Rosario Occhipinti - 1 mese fa

      Beh Bush era anche alcolizzato

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Damiano Caravetta - 1 mese fa

      Qualche anno fa questo popolo guerrafondaio, governato da matti e ubriaconi ci ha salvati dal fascismo ma evidentemente non ci è servito da lezione.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Rosario Occhipinti - 1 mese fa

      Ci ha salvati… O ci ha resi loro schiavi? Loro non fanno mai nulla per solidarietà… Mai

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy