Navratilova: “Il dominio di Serena Williams potrebbe finire presto. Ora c’è spazio per tutte”

Navratilova: “Il dominio di Serena Williams potrebbe finire presto. Ora c’è spazio per tutte”

“Nel circuito Wta ora c’è una grande lotta tra le top-player: è tutto molto eccitante, perché fino all’ultimo nessuno può sapere chi la spunterà”. Così ha detto l’ex tennista Martina Navratilova, che ha elogiato le imprese di Kerber e Azarenka.

“Non è detto che Serena a fine anno sarà ancora n. 1 del mondo”. Questa l’opinione di Martina Navratilova, leggenda del tennis e vincitrice di 18 Slam, sulla minore tra le sorelle Williams, consecutivamente sul trono del ranking Wta dal 18 febbraio 2013.  “Sarà difficile per lei mantenere il vantaggio, anche se è ancora la vera regina. Il margine si sta assottigliando sempre di più e lei ha molti punti da difendere”, ha aggiunto la campionessa ceca. “Ci sono diverse giocatrici che hanno dimostrato di tenerle testa. Sono molto colpita dall’impresa di Victoria Azarenka, che ha vinto a Indian Wells e a Miami con grande autorità. E naturalmente da Angelique Kerber, che ha sconfitto Serena in una lottatissima finale [agli Australian Open]”.

Dopo oltre due anni di dominio incontrastato Serena, 35 anni il settembre prossimo, non è più la tennista imbattibile che avevamo imparato a conoscere. L’ultimo torneo vinto risale al 23 agosto 2015, quando sconfisse in finale Simona Halep a Cincinnati. La statunitense aveva vinto i primi 3 Slam dell’anno e la sua vittoria agli Us Open, per completare il Golden Slam, sembrava ormai scontata. Poi quella sconfitta nella (per noi) fantastica semifinale contro Roberta Vinci, quindi l’assenza dal Masters di fine anno. Nel 2016 lì solo finali perse, agli Australian Open (contro la Kerber) e Indian Wells (contro Azarenka), e una bruciante sconfitta agli ottavi di Miami, contro Svetlana Kuznetsova. Qualcosa si è rotto nella testa di Serena Williams, e le altre non sono certo rimaste a guardare. Il suo ritiro “per febbre” dal torneo di Madrid, il primo dei tre grandi appuntamenti femminili nella stagione su terra rossa, annunciato oggi dagli organizzatori del torneo, non fa che rendere ancora più incerto il suo futuro.

Secondo Navratilova la fine della ‘dittatura-Williams” è un bene per il tennis femminile: “Abbiamo sempre detto che c’era bisogno della rivalità, e ora finalmente la abbiamo: è fantastico vedere come le altre giocatrici possano avvicinarsi a lei, a farle sentire di avere il fiato sul collo“. L’ex n. 1 del mondo è felice della lotta tra tenniste ai vertici della classifica Wta: “L’anno scorso diverse giocatrici si sono battute fino all’ultimo per qualificarsi al Masters di fine anno [torneo che comprende le prime otto del mondo, N.d.a.]. Ci dobbiamo aspettare una grande lotta anche quest’anno: è tutto molto eccitante, perché fino all’ultimo non sapremo chi la spunterà. Per me il Masters – spiega – è un po’ come il quinto Slam, una fantastica opportunità per finire la stagione in grande stile e anche il modo per salvare una stagione non sempre positiva”. Un po’ come è successo ad Agnieszka Radwanska, regina del Masters nel 2015. “E’ essenziale essere coerenti durante tutto l’anno, altrimenti non è possibile dare la caccia alle prime della classe”, ha concluso Navratilova, campionessa ai Wta Championships per ben otto volte, tra il 1978 e il 1986.

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Alberto Dall'ava - 11 mesi fa

    che scoperta! La carta d’identità è impietosa per tutti

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy