Roberta Vinci giocherà anche nel 2018

Roberta Vinci giocherà anche nel 2018

Roberta Vinci giocherà anche nel 2018. Fino allo scorso fine settimana la tennista tarantina non aveva ancora preso una decisione definitiva, ma valutava se era giunto il momento di chiudere una carriera ricca di soddisfazioni o se ci sono i presupposti per proseguire per un’altra stagione.

5 commenti

Il 2017 di Roberta Vinci è stato avaro di soddisfazioni. Tra infortuni, sorteggi non proprio fortunati (Coco Vandeweghe al primo turno agli Australian Open o Sloane Stephens al primo degli Us Open), partite che potevano segnare una svolta e perse a un passo dai festeggiamenti, come quella di Madrid contro Simona Halep nella quale Roberta era stata avanti 5-2 e a due punti dal match nel terzo set. Non gioca un incontro da Wuhan e si è cancellata dai tornei di Pechino e Lussemburgo nei quali era in tabellone principale. Un fine estate che ha riservato anche la separazione dallo storico coach Francesco Cinà e di fatto ha chiuso una collaborazione vincente dalla quale sono scaturite alcune tra le pagine più belle per la storia del tennis italiano. Su tutte, la straordinaria partita giocata contro Serena Williams che ha permesso a Roberta Vinci di staccare il pass per la finale agli Us Open 2015. Ma il fatto che si alleni con continuità a Milano con Lorenzo Di Giovanni, che già la seguiva prima dell’ufficializzazione della fine del sodalizio con Cinà, lascia intendere che l’addio al tennis è rimandato.

I DUBBI DI ROBERTA – Staccare la spina dalle pressioni, gli allenamenti, i ritmi frenetici, dopo tanti anni nei quali il quotidiano, i progetti per Roberta sono stati esclusivamente in funzione del tennis o concedersi e concederci un’altra stagione per prendersi ancora qualche soddisfazione? Questo è stato il nodo da sciogliere. E Roberta Vinci lo ha esternato in una intervista concessa nel fine settimana a una emittente televisiva pugliese: “Mi sto ponendo qualche domanda e a breve comunicherò la mia decisione”, ha spiegato la giocatrice tarantina, che entrando nello specifico ha aggiunto: “Ho avuto tantissimo, ma ho una età e devo valutare se lasciare e godermi spaccati di vita che vadano oltre il tennis o se andare avanti per prendermi qualche altra soddisfazione”.

L’ENNESIMA SFIDA – Alla fine ha prevalso l’amore per lo sport e la determinazione di rimettersi ancora in gioco e in discussione da parte di Roberta Vinci. Per la gioia degli appassionati di tennis che erano quasi rassegnati all’idea del ritiro. Gli scenari sono completamente diversi rispetto a dodici mesi fa, quando Roberta si era trovata a fronteggiare gli stessi interrogativi. Allora concluse il comunicato che confermava la sua presenza anche nel 2017 scrivendo “Ci vediamo in Australia”. Essere in top 20 le assicurava l’accesso diretto in main draw per Brisbane, Sydney e gli Australian Open. Attualmente, Roberta è numero 117 Wta e per competere a quei livelli dovrà passare attraverso le qualificazioni o cercare di ottenere qualche wild card, con lo spettro dei sorteggi che già al primo turno potrebbero riservarle avversarie insidiosissime. Ci sarebbe anche la possibilità di riguadagnare terreno disputando qualche torneo minore. Roberta ha da difendere i quarti di finale a Brisbane, quelli di San Pietroburgo (torneo Premier vinto nel 2016) e, più avanti, i quarti a Maiorca. Le pressioni, sotto questo aspetto, sono decisamente inferiori rispetto alla stagione scorsa e questo potrebbe essere un punto a favore di Roberta che avrebbe la possibilità di giocare libera dal dover bissare i risultati e quindi esprimere con maggiore serenità il proprio splendido tennis. La storia di Angelique Kerber è l’emblema di quanto le aspettative, il dover ripetere le prestazioni di un anno prima per non precipitare in classifica possano essere devastanti. Considerazioni, queste, che Roberta avrà certamente fatto. Il resto lo vedremo in corso d’opera, come la programmazione o la scelta del coach e Roberta già nei tornei americani, prima dell’ufficializzazione della fine del sodalizio con Francesco Cinà era seguita da Lorenzo Di Giovanni. E con Di Giovanni ha continuato ad allenarsi.

5 commenti

5 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Velia Fede - 2 settimane fa

    Vai avanti, non mollare……

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Silvia Barbara - 2 settimane fa

    Dai Roberta, il tennis rosa ha bisogno del tuo gioco fuori dagli schemi e dei tuoi ricami sul campo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Cristina Benvenuti - 2 settimane fa

    Sono molto contenta non vedo l ora di vederla giocare brava roberta

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Nicola Bonelli - 2 settimane fa

    Sono sincero, pensavo che alla fine di quest’anno mollasse e la avrei compresa assolutamente ……..se però gioca ancora tutto l’anno prossimo benissimo perché evidentemente ha ancora delle forti motivazioni

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Francesco Susca - 2 settimane fa

    caraRoberta se ti senti in forze e di spirito continua x 1 anno.almeno gli interni.li di Roma!!.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy