Schiavone e Vinci, la fine di un’era

Schiavone e Vinci, la fine di un’era

Con ogni probabilità, Roberta Vinci e Francesca Schiavone giocheranno al Foro Italico per l’ultima volta. Non si tratta solamente del ritiro, immediato e non, di due giocatrici, ma della fine di un’era.

di Andrea Lombardo

Gli Internazionali BNL d’Italia si avvicinano sempre di più, e come annunciato mesi fa dalla stessa Roberta Vinci, il Foro Italico sarà la sede del suo ultimo match in carriera. Il torneo di Roma è da sempre uno dei tornei più importanti per la tarantina, ma la pressione del pubblico di casa ha sempre avuto la meglio sulla voglia di vincere e di far bene. Il bilancio di Roberta è di 6 vittorie in ben 13 partecipazioni, a dimostrazione delle sue grosse difficoltà sui campi del Foro.

Questo non sminuisce minimamente gli immensi risultati di Roberta Vinci, che all’età di 35 anni e in evidente fase di declino, chiuderà in bellezza la sua carriera. A prescindere da quale sarà il suo risultato, non si potrà parlare di delusione, non si potrà parlare di rammarico. Pur non conoscendo l’avversaria, nessuno si aspetta una grande prestazione o il torneo della vita: si tratta di una giocatrice che scenderà in campo ufficialmente per l’ultima volta in carriera. Nonostante la voglia di smettere sia sicuramente tanta, non potranno non ritornarle in mente le immagini della sua infanzia, della prima partecipazione a Roma, di tutti i momenti vissuti in campo. Porre fine ad una carriera da tennista dopo ben 19 anni di professionismo significa iniziare un nuovo capitolo della propria vita. Nessuno, se non gli altri giocatori, può immaginare ciò che comporta rimanere ad alti livelli per circa 10 anni, la fatica e gli sforzi per mantenersi sempre motivati. Nella sua carriera non sono mancati alti e bassi, ma non bisogna dimenticare che parliamo di una delle giocatrici più forti nella storia del tennis italiano, senza tralasciare la meravigliosa carriera da doppista con Sara Errani. Citare i risultati, le vittorie e le sconfitte sarebbe ripetitivo e quasi inutile. Adesso non ci sono più punti da difendere, non c’è più un ranking da scalare, c’è solo la voglia di raggiungere la meta nel migliore dei modi.

Negli ultimi mesi (soprattutto), numerosi tifosi azzurri si sono schierati assolutamente a favore del ritiro di Roberta Vinci, complici anche le numerose sconfitte quasi inspiegabili per un talento cristallino come quello della pugliese. Tra i vari commenti non sono di certo mancate le critiche, quasi un must al giorno d’oggi.  Arrivati a pochi giorni dal ritiro ufficiale dal tennis, non possiamo che ringraziare una giocatrice come Roberta. Le critiche e i pareri negativi, così come gli ultimi tornei e le uscite premature contano davvero poco: si viene ricordati per i risultati migliori, non di certo per un’eliminazione al primo turno in un WTA International.

Grazie Roberta per averci fatto emozionare, grazie per averci anche fatto soffrire, perché lo sport è questo. Abbiamo gioito ed esultato con te nei momenti migliori e ti abbiamo sostenuto nei momenti peggiori. Il circuito WTA sente già la mancanza del tuo gioco, tanto elegante quanto insidioso per le avversarie. Grazie per aver riscritto pagine intere di storia.

roberta-vinci-d0297b13a2de7edf

Sebbene il ritiro di Roberta Vinci sia già difficile da affrontare, potrebbe arrivare nel giro di pochi mesi il ritiro di un’altra colonna portante del tennis italiano: Francesca Schiavone. Dopo la mancata Wild Card dello scorso anno al Foro Italico, si pensava che l’azzurra non avrebbe più avuto la possibilità di giocare a Roma. Invece, come un fulmine a ciel sereno, è arrivata la notizia di una WC alla Leonessa grazie ad una nuova regola della WTA, che permette alle ex vincitrici slam di richiedere un invito riservato alle top 20.

Lo scorso anno, solo in teoria, doveva essere l’ultimo nel circuito maggiore per Francesca Schiavone, ma la sua immensa voglia di competere e anche alcuni buoni risultati l’hanno convinta a continuare anche in questo 2018. In questa stagione, però, ha finora disputato solo 4 match, perdendoli tutti. Nell’ultimo periodo ha preferito dedicarsi ad una lunga serie di allenamenti per essere al massimo della forma sia a Roma che a Parigi, sperando in una wild card per la vincitrice dell’edizione di 8 anni fa del Roland Garros.

Non si parla di certezze, ma è molto probabile che questa sia l’ultima apparizione di Francesca sui campi del Foro Italico. Ciò che ci induce a pensarlo non è solo un fattore anagrafico (classe 1980, 38 anni) ma anche un fattore prettamente tennistico: i pochi match disputati l’hanno portata a scendere in maniera vertiginosa in classifica, che la vede attualmente al numero 262.

Se Schiavo dovesse annunciare il ritiro in questa stagione, rischieremmo di perdere non una ma ben delle giocatrici che hanno fatto la storia del tennis italiano. Francesca è stata la prima azzurra a spingersi lì dove nessuna era ancora arrivata, è stata l’ispirazione per le altre, che di lì a poco avrebbero dato vita ad un’era splendida del tennis italiano, culminata con la finale agli US Open 2015 tra Pennetta e Vinci.

Comunque vada il loro torneo, Roberta e Francesca hanno già vinto. 

Francesca-Schiavone2

21 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Peps1981 - 5 mesi fa

    Ma ce l’hanno fatta a far fuori la GIORGI! VERGOGNOSI! Giorgi end family hanno mille responsabilità per la distruzione di una carriera ma la GIORGI è la n° italiana! Non c’è nulla da fare tutto ciò che ha sede a Roma o passa per ROMA diventa sterco umido!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Pietro Vadalà - 6 mesi fa

    Emozioni

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Isanna Salvemini - 6 mesi fa

    Grande

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Isanna Salvemini - 6 mesi fa

    Che tristezza

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Benedetta Rugo - 6 mesi fa

    Grande Schiavone

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Mimma Comi - 6 mesi fa

    Grandi…….giocatrici

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Rosanna Albani - 6 mesi fa

    Brave!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Andrea Varriano - 6 mesi fa

    Era speciale per il tennis femminile italiano, giocatrici piene di grinta e talento, ci mancheranno visto il vuoto che c’è alle loro spalle

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Jessica Falchetti Chiara Nigro

    Avete i fazzoletti?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Chiara Nigro - 6 mesi fa

      Mi sono già commossa questa mattina a leggere l’articolo, partiamo molto male

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Molto, moltissimo male.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Una valle di lacrime, al Foro Italico

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Jessica Falchetti - 6 mesi fa

      Io ho già dato al foro la prima volta, speriamo di contenermi ma la vedo dura

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Virginia Valdinocci - 6 mesi fa

    Vi adoro vi amo non mi scorderò mai piu di voi mi avete dato tantissime ore felici ciaooo❤❤❤❤❤

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Dalila Antognazza - 6 mesi fa

    Purtroppo prima o poi doveva arrivare questo momento!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Elisa Casoni - 6 mesi fa

    Una grande tristezza. Grandi giocatrici e grande modello per le italiane. Guardando in questi giorni le “emergenti” alle pre-quali mi è venuto da piangere Luca Mingori

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Luca Mingori - 6 mesi fa

      Triste abbandono.
      dovevano fare come Flavia Pennetta… All’apice della Carriera.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Miranda Di Giacomo - 6 mesi fa

    Brave e cazzute!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Rosella Rossa Rosa - 6 mesi fa

    Per me le migliori!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Gianni Garberoglio - 6 mesi fa

      Io ci metterei anche la Pennetta

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Rosella Rossa Rosa - 6 mesi fa

      Si ,, è vero ,,ci sta anche lei !!

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy