Simona Halep a tutto tondo

Simona Halep a tutto tondo

La giocatrice romena ha rilasciato delle interessanti dichiarazioni in occasione di una conferenza stampa organizzata dal Porsche Tennis Grand Prix (competizione che si sta svolgendo a Stoccarda). In particolare, ha parlato delle importanti vittorie raggiunte con la nazionale in Fed Cup e delle difficoltà incontrate negli utlimi mesi di gare. Si è poi pronunciata sul caso Nastase. Infine, ha rivelato qualche particolare sul suo attuale stato di forma, in relazione a questa fase della stagione che si giocherà prevalentemente sulla terra rossa.

I successi in Fed Cup –  Le vittorie di Simona Halep contro Johanna Konta e Heather Watson hanno consentito alla nazionale romena di superare la Gran Bretagna per 3-2, durante i playoff di Fed Cup (Gruppo II) disputati lo scorso fine settimana. La numero 5 del ranking mondiale ha espresso un livello di gioco piuttosto elevato in entrambi i confronti. Al riguardo ha affermato: “sono molto soddisfatta della mie prestazioni, sono un po’ stanca poiché in quei giorni abbiamo attraversato dei momenti di grande stress. Ma ora sto cercando di recuperare al meglio e di prepararmi ad affrontare le partite di questo torneo”. La Halep, fra l’altro, ha potuto prendersi una bella rivincita nei confronti di Johanna Konta. Si ricorda che ai quarti di finale del torneo di Miami, era uscita sconfitta in tre set per mano della britannica, dopo aver lasciato sfumare diverse opportunità che le avrebbero permesso di portarsi in vantaggio e di fare propria la partita. In quell’occasione, aveva rivelato qualche problema nella conduzione della gara dal punto di vista mentale. Proprio su questo aspetto ha confessato: “Credo che tutti abbiano visto il mio comportamento rinunciatario a Miami.  E’ così difficile ammettere a se stessi quella condizione mentale così negativa. Ho perso una serie di importanti partite a causa di quell’atteggiamento. Ho parlato molto con il mio allenatore Darren dopo quell’incontro. Mi ha detto che devo cambiare. Lui era un po’ sconvolto ad essere onesti. Da allora ho deciso di disintossicare la mia mente, di vedere cosa ho fatto di sbagliato e di capire cosa devo migliorare per essere più incisiva e positiva in campo”.

Simona Halep e Johanna Konta
Simona Halep e Johanna Konta

Il caso Nastase – Nel corso del secondo singolare di Fed Cup fra Sorana Cirstea e Johanna Konta, il capitano della nazionale rumena, Ilie Nastase, ha letteralmente perso la testa. Mentre si stava discutendo sulla correttezza o meno di una segnalazione del giudice di linea, Nastase ha iniziato ad offendere pesantemente la Konta e la capitana della squadra avversaria, Anne Keothavong. A quel punto, gli ufficiali di gara sono stati costretti a sospendere la partita per qualche minuto e a condurre Nastase negli spogliatoi. E’ stata una reazione spropositata e fuori luogo, tale da indurre in una crisi di pianto la giocatrice britannica, Johanna Konta. In merito a questa vicenda, la Halep ha espresso dei giudizi fortemente critici nei confronti del proprio capitano, “quello che ha fatto è sbagliato a mio parere. Non posso difenderlo in quell’ambito. Il modo con sui si è rivolto nei confronti degli avversari non mi è piacuto ed è inaccetabile” – La Halep, al termine della partita, si è recata nello spogliatoio dell’avversaria per comunicarle il proprio rammarico – “Dopo la partita contro Cirstea sono andata dalla Konta e le ho manifestato il mio dispiacere per quello che aveva subito in campo”. Ma si è parlato fin troppo di questa vicenda. A tal punto, che è passata in secondo piano la buona prova complessiva della nazionale romena ed in particolare della Halep.

Ilie Nastase
Ilie Nastase

La terra rossa – In questa fase della stagione, le più importanti competizioni si svolgeranno sulla terra rossa. Nonostante solo 5 dei suoi 14 titoli siano arrivati su questa superficie, la tennista romena non ha mai nascosto di prediligere tale condizione di gara , “ho giocato ovunque e bene, conseguendo degli ottimi risultati dappertutto, ma sulla terra rossa mi sento a casa”. La Halep ha uno stile di gioco che certamente viene esaltato sulla terra battuta – sulla terra rossa mi sento più al sicuro perché ho il tempo di pensare. Si può scivolare, si può aprire con più facilità il campo, per questo motivo preferisco giocarci. Nella conclusione dell’intervista, ha nuovamente fatto riferimento al cambio di mentalità che sta tentando di raggiungere in questo periodo, “Ho lavorato duramente sul mio atteggiamento, voglio essere positiva. A Miami sono stata molto negativa, anche perché ero spaventata dall’infortunio al ginocchio che ho subito di recente. Ho deciso di cambiare fin dalle ultime partite di Fed Cup. Sembra che qualcosa  abbia funzionato. Ora devo mantenere questo atteggiamento fino a migliorarmi ancora di più, perché ne ho bisogno”. Parole che rivelano una grande determinazione e che potrebbero condurre la numero 5 del mondo ad una svolta definitiva.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy