TC intervista Irina Falconi: «La mia avversaria preferita? Martina Hingis»

TC intervista Irina Falconi: «La mia avversaria preferita? Martina Hingis»

Noi di Tennis Circus siamo riusciti ad intervistare Irina Falconi, venticinquenne tennista statunitense attuale numero 75 del ranking della Women’s Tennis Association.
Ad oggi, qual è l’avversaria preferita contro cui hai giocato?

Martina Hingis. Dopo avermi battuto in un incontro tra le nostre nazionali mi disse: ‘Wow, mi sentivo come se stessi giocando contro me stessa’. E’ stato il miglior complimento che abbia mai ricevuto.

Quale tennista ti ha ispirato quando eri più giovane?
Amo Steffi Graf. Sia mia sorella che io giocavamo ed adoravamo vederla giocare. Abbiamo avuto modo di incontrarla con Jimmy Connors un giorno a New York, al Central Park. Dopo quell’incontro l’amiamo ancora di più.

Irina Falconi Irina Falconi

Qual è il tuo torneo preferito?

Il mio preferito è il duro US Open. Parigi è la città del mondo che preferisco maggiormente, dunque il Roland Garros è anche fantastico. Birmingham è grandioso perché hanno un tavolo da biliardo. Se ci fosse un biliardo in ogni torneo sarei contentissima.

Un aggettivo per descrivere Serena Williams?

La più grande lottatrice di sempre. Una leggenda. Una campionessa. Per lei non aggettivi, soltanto sostantivi. (risata)

Un aggettivo per descrivere te stessa?

Direi ambiziosa.

Abbiamo notato che sei solita condividere immagini di cibo sul tuo profilo Twitter: ti piace il cibo italiano?

Il cibo italiano è fantastico! Sono stata a Roma per la prima volta quest’anno e ho amato la vostra cucina. La pasta è una cosa fuori dal mondo.

Ora sei la numero 75 del mondo, molto vicina al tuo best ranking. Qual è il tuo prossimo obiettivo? Irrompere nelle migliori 50?
Assolutamente sì. Penso che la top 50 sia un grande obiettivo, ma alla fine della giornata l’importante è essere in buona salute e continuare ad amare lo sport.

Antonio Pagliuso
@AntoPagliu

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy