Vesnina: “E’ veramente difficile giocare con questo clima”

Vesnina: “E’ veramente difficile giocare con questo clima”

La campionessa uscente di Indian Wells ha analizzato, dopo la sua sconfitta, le condizioni meteorologiche californiane, le quali sono state letali per molte giocatrici, una di queste è la russa la quale ha espresso il proprio disappunto.

di Lino Di Bonito

Nel 2017 Elena Vesnina ha conquistato il trofeo di Indian Wells al termine di un torneo veramente rocambolesco che l’ha vista trionfare sulla connazionale Kuznetsova. Quest’anno le cose non sono andate come si aspettava, eliminata nettamente al terzo turno dalla Kerber. In conferenza stampa, post vittoria in doppio, si è lamentata delle condizioni atmosferiche, le quali non hanno permesso un regolare svolgimento degli incontri.

“DIFFICILI CONDIZIONI”  – In una recente conferenza stampa  la russa si è lamentata dell’eccessivo vento qui in California, il quale è stato letale per molte giocatrici: “E’ veramente difficile giocare con queste condizioni, abbiamo visto le partite precedenti e molti hanno lottato contro il vento. Siamo felici quando giochiamo in modo più fluido. In tutto il match non abbiamo perso il servizio e questo è molto importante per noi.”

SUL DOPPIO – Finite le polemiche sulle condizioni climatiche, la Vesnina si è concentrata sul suo torneo di doppio, dove con la sua compagna Makarova è arrivata in semifinale: “In tutto il torneo non abbiamo perso neanche un set e questo è molto importante per noi. In questo torneo abbiamo affrontato prima una coppia australiana, poi una bielorussa ed infine una spagnola, è come un’Olimpiade! Siamo molti felici di essere in semifinale.” Inoltre durante la conferenza stampa ha parlato anche dell’ottimo rapporto che si è instaurato tra le due: “Il segreto principale del nostro successo è che entrambe siamo sulla stessa lunghezza d’onda, entrambi abbiamo fatto le stesse cose per molti anni e se adesso discutessimo su chi è più forte sicuramente finiremo per spezzare il nostro legame. Vinciamo insieme e perdiamo insieme, siamo una squadra, posso considerarmi il team leader e Katya segue con piacere i miei consigli. Ci supportiamo a vicenda, sia sul campo che fuori, siamo molto amiche e le nostre famiglie sono molto legate.”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy