Vika Azarenka: storia di una carriera interrotta

Vika Azarenka: storia di una carriera interrotta

Sembra ormai non avere una fine la vicenda dell’affidamento del piccolo Leo, e la campionessa bielorussa non riesce a rientrare nel circuito come desidererebbe. Intanto è rimasta praticamente senza team.

10 commenti

Come annunciato da Ashcon Rezazadeh sul suo account Twitter, il preparatore atletico di Vika Azarenka, a causa delle ormai note circostanze personali della bielorussa, impegnata in una vera e propria battaglia legale per la custodia di suo figlio, la relazione professionale che li ha uniti è finita. Il preparatore apprezza l’opportunità che l’ex numero 1 del mondo gli ha dato ma le loro strade si dividono. Giorni prima, Michael Joyce, allenatore di Azarenka, aveva deciso di separarsi dalla tennista per lo stesso motivo, affermando di comprendere la scelta di mettere suo figlio al primo posto ma di non poter più aspettarla ( i rumors lo vogliono vicino ad un accordo con la britannica Johanna Konta).

La ex numero 1 del mondo ha dato alla luce il piccolo Leo a dicembre dello scorso anno. Ha iniziato a lavorare già da marzo in Bielorussia per tornare alle competizioni e per farlo ad alto livello. Riesce a tornare presto, giocando a Maiorca a metà giugno e poi a Wimbledon. Poco dopo Wimbledon, Lei ed il padre del bambino si separano. Iniziano la causa per l’affidamento del bambino e questo porta la Azarenka a dover saltare alcuni tornei. Pare che il motivo siano stati i continui spostamenti ad indurre il padre del bambino a chiederne la custodia. Prima dell’inizio dello US Open fu proprio la Azarenka attraverso una lettera ai suoi fan a comunicare che non avrebbe potuto prendere parte al torneo.

Occuparsi di un bambino e della propria carriera non è facile per qualsiasi genitore ma dover scegliere tra lui e il lavoro per una madre credo sia davvero ingiusto”. La bielorussa non aveva più la custodia legale del figlio affidato al padre a Los Angeles tramite sentenza del tribunale e non poteva portarlo al di fuori della California La Bielorussa aveva proposto al padre del bambino di seguirlo a New York facendosi carico di tutte le spese, ma anche questo tentativo è stato vano. I rapporti si sono inaspriti e da quanto trapelato dai giornali la Azarenka avrebbe chiesto, tramite il suo legale, un maxi risarcimento per circa 10 milioni di euro. Fatto sta che da allora la Azarenka non ha ancora risolto questa intricata vicenda legale e molto probabilmente non sarà pronta neppure per l’inizio della nuova stagione. Nel frattempo il suo team e la sua carriera da tennista professionista sono completamente da ricostruire. Sembra davvero non esserci pace per Vika né come madre e ancor meno come tennista.

Franco Campagna

10 commenti

10 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Marinella Di Felice - 1 settimana fa

    Troppi soldi di mezzo??

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Luca Migliori - 1 settimana fa

    Che peccato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Ezio Mariotti - 1 settimana fa

    Non capisco. ..un minorenne non va alla madre

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Teo Meloni - 1 settimana fa

    Che ingiustizia.. :(

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Alessandro Boesso - 1 settimana fa

    Ma che coppie ci sono in giro…mah…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Claudio Cavallin - 1 settimana fa

    Beh non sentire il suo ululato non mi manca molto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Maura Cefeo - 1 settimana fa

    Mi spiace…forza Vika mettila tutta

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Caterina d'Attis - 1 settimana fa

    Mi spiace per lei proprio una brutta storia

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Rosella Rossa Rosa - 1 settimana fa

    Ma che cosa è successo con questo bambino !????

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Maria Teresa Pucci - 1 settimana fa

    Brutta storia…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy