Vika non si ferma più, conquistata anche a Miami

Vika non si ferma più, conquistata anche a Miami

La bielorussa bissa il successo di Indian Wells, sbaragliando anche Svetlana Kuznetsova, nonostante una giornata storta al servizio.

Commenta per primo!

Dopo la California, Victoria Azarenka conquista anche la Florida, ed ora possiamo tranquillamente dire, che la bielorussa è tornata, candidandosi al ruolo di prima antagonista di Serena per il resto della stagione.

Una finale a senso unico quella andata in scena a Miami, con la neo numero cinque del mondo che è riuscita ad avere la meglio anche su… se stessa: proprio così, perché se Vika non avesse dovuto fare i conti ripetutamente con il suo servizio, la povera Kuznetsova avrebbe rischiato di essere umiliata nel punteggio.

Nel primo set soprattutto, la Azarenka fatica a mettere in campo la prima palla, e arricchisce il suo repertorio con cinque doppi falli, ma riesce a sopperire a queste difficoltà, dominando in lungo e in largo gli scambi, spingendo sia con il dritto che con il rovescio, da qualsiasi parte del campo, in una continua ricerca del colpo risolutore. La russa dal canto suo, dopo aver subito un doppio break in apertura, resta aggrappata al primo parziale, trasformando le tre palle break avute a disposizione.

Nel secondo parziale la bielorussa smette di litigare con il suo servizio, e continua a comandare lo scambio, lasciando ben poco spazio ad una Kuznetsova, artefice comunque di una prova più che dignitosa, ma che al cospetto di questa Azarenka non poteva fare di più.

La giocatrice russa si consola con il ritorno fra le migliori quindici del mondo  (da lunedì sarà numero 13), fallendo il bis a Miami, dopo il suo successo del 2006. Per la Azarenka invece aumenta la curiosità, alla vigilia della stagione sulla terra battuta, che potrebbe rilanciarla ulteriormente.

V. Azarenka b. S. Kuznetsova 6-3 6-2

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy