Wta Cincinnati: Madison Keys ingiocabile, fuori Camila Giorgi. Si salva Kerber, Wozniacki si ritira contro Bertens

Wta Cincinnati: Madison Keys ingiocabile, fuori Camila Giorgi. Si salva Kerber, Wozniacki si ritira contro Bertens

La pausa per pioggia nel primo set (sul 3 a zero per Keys) non frena la furia della statunitense, che piega l’italiana con un doppio 6-2 in 59 minuti. Sospeso al terzo il match fra Simona Halep e Ajla Tomljanovic.

di Michele Alinovi, @MicheleAlinovi1

La sessione serale dei secondi turni femminili di ieri nel Premier 5 statunitense di Cincinnati (cemento, $2.874.299) viene interrotta per oltre due ore da una fitta pioggia, che ferma gli incontri di Angelique Kerber e Anastasija Pavlyuchenkova e Camila Giorgi, sotto 3 a 0 e due break nel set iniziale. Poco centrata la maceratese, che non riesce a trovare la prima e trova la furia della 23enne tennista di casa, che risponde in modo perfetto con apparente tranquillità. Alla ripresa, intorno a mezzanotte e 45, sul gremito GrandStand Madison riprende da dove aveva iniziato, sempre in spinta e senza praticamente un momento di passaggio a vuoto, non permette a Camila di esprimere il suo gioco, come raramente accade per una tennista abituata a sovrastare le avversarie per velocità e potenza.

Poca storia il match, con l’ex finalista degli Us Open che chiude con un doppio 6-2 in meno di un’ora. La chiave di Keys (si perdoni il gioco di parole) è stato il servizio: 8 ace e un rendimento incredibile: non tanto la percentuale del primo servizio (un pur discreto 66%), ma quella dei punti vinti con esso (addirittura il 93%) e con la seconda (un ottimo 50%). Molto più basso in rendimento di Giorgi, ma soprattutto grazie alle risposte della statunitense, una serie di dritti e rovesci tirati a tutto braccio che raramente uscivano dal rettangolo di gioco. Sfiduciata, nel secondo Giorgi ha iniziato a sbagliare un po’ troppo, nel tentativo di provare a spingere ancora di più contro un’avversaria in stato di grazia.

Pochi rimpianti, dunque, per la nostra, che comunque in questo quarto Premier 5 dell’anno deve sorridere per il ripescaggio nel main draw come lucky loser (grazie al forfait di Venus Williams) e per la bella vittoria al primo turno contro la n. 18 del mondo, la lettone Anastasija Sevastova. D’altra parte, Madison, dopo averla vista brutta all’esordio contro la connazionale Bethanie Mattek-Sands (era sotto di un break dopo aver perso il primo parziale), ha mostrato una condizione impeccabile e una sicurezza inusuale per i suoi match.

Al prossimo turno la tennista di Rock Island sfiderà la fresca vincitrice di Wimbledon Angelique Kerber, che ha avuto ragione della picchiatrice russa Anastasija Pavlyuchenkova, al termine di un match durissimo durato 2 ore e 42 minuti e terminato 4-6 7-5 6-4. La tennista tedesca ha dovuto sudare le sette camicie contro un’avversaria in gran spolvero, riscattandosi dalla brutta sconfitta della scorsa settimana a Montréal contro Alizé Cornet. Questo risultato aveva fatto sorgere molti dubbi sullo stato della tedesca, che però ha saputo uscire da un match in salita dopo aver perso il rocambolesco primo set, fenomenale in difesa ma brava anche nell’azione aggressiva, sfruttando la minore mobilità della moscovita.

Ultimo match di giornata, quello tra la n. 1 al mondo e vincitrice di Montréal Simona Halep contro la 25enne tennista croata naturalizzata australiana Ajla Tomljanovic, interrotta per pioggia sul 4-6 6-3 4-3 (15-30, con Tomljanovic al servizio). La vincitrice delle due dovrà poi giocare sempre oggi contro Ashleigh Barty per recuperare la programmazione del torneo. Comprensibile la stanchezza della rumena, ma non bisogna togliere i meriti alla n. 58 del mondo, molto aggressiva sin dal primo set, vinto 6-4. La rumena si è ripresa comunque nel secondo (dopo aver sprecato tre chance del 2 a 0), dove ha chiuso 6-3. Prima del terzo, l’australiana ha chiamato il fisio per un problema muscolare; alla ripresa Halep vola 3 a 0, dando l’illusione di una rapida conclusione. A quel punto però è Halep che chiama il MTO, per un dolore alla parte bassa della schiena: Tomljanovic ne approfitta e mette in serie 8 punti consecutivi, portandosi sul 3 pari. Proprio sul 4 a 3 per la rumena e servizio per l’australiana, cade di nuovo la pioggia, che posticipa le sorti dei match alla giornata di oggi.

Nella notte si ritira infine Caroline Wozniacki, dopo aver perso il primo set 5-4 contro l’olandese Kiki Bertens, per un problema al ginocchio sinistro (poche settimane fa si era ritirata a Washington per uno stiramento alla coscia destra): è dal 2007 che la danese, che tornerà in campo solo agli Us Open, non vince alcun punto nei tornei nordamericani pre-Flushing Meadows.

Wta Cincinnati – Risultati secondo turno:

[1] S. Halep vs [Q] A. Tomljanovic 4-6 6-3 4-3 sospesa
[16] A. Barty b. [Q] K. Kanepi 7-5 6-3
E. Makarova b. [Q] A. Cornet 6-2 6-0
L. Tsurenko b. [7] G. Muguruza 2-6 6-4 6-4
[4] A. Kerber b. A. Pavlyuchenkova 4-6 7-5 6-4
[13] M. Keys b. [LL] C. Giorgi 6-2 6-2
A. Sabalenka b. [9] K. Pliskova 3-6 6-2 7-5
[15] E. Mertens b. [Q] R. Peterson 3-6 6-2 7-6(1)
[3] S. Stephens b. T. Maria 6-3 6-2
[WC] A. Anisimova vs [Q] P. Martic 5-4 sospesa
A. Kontaveit b. M. Sakkari 6-1 6-3
K. Bertens b. [2] C. Wozniacki 6-4 rit.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy