WTA Cincinnati, quarti: soffrono Pliskova e Kerber; nessun problema per Muguruza

WTA Cincinnati, quarti: soffrono Pliskova e Kerber; nessun problema per Muguruza

La 24enne ceca si è imposta a fatica con una ritrovata Kuznetsova (6-3, 4-6, 6-2); anche per la finalista di Rio non è stato semplice eliminare la spagnola Suarez Navarro (4-6, 6-3, 6-0). Invece, match agevole per la campionessa di Parigi: 6-4, 6-3 a Timea Babos.

Nella parte alta del tabellone si sfideranno Karolina Pliskova e Garbine Muguruza. Angelique Kerber attende la vincente tra Agnieszka Radwanska e Simona Halep.

Cronache

Pliskova vs Kuznetsova – La ceca, dopo un avvio titubante, appare più in palla rispetto alla russa, accettando anche il confronto sugli scambi prolungati. Le due contendenti si scambiano il servizio tra il terzo e il quarto gioco. Però, nel game seguente la numero 17 del mondo piazza l’allungo alla seconda chance di break, aggredendo con un rovescio potente e preciso la battuta della rivale. La campionessa degli US Open 2004, invece, perde lucidità, dato che commette una serie di gratuiti. A questo punto la Pliskova deve soltanto aspettare l’errore dell’avversaria per chiudere 6-3. Nel gioco di apertura del secondo parziale, la Kuznetsova riesce a raggiungere il deuce (da 40-15). Al primo vantaggio esterno piazza un infido slice, al quale la Pliskova non riesce a replicare. Da questo momento in poi la trama dell’incontro viene stravolta: la numero 17 del ranking perde le sue certezze, regalando troppi punti sia durante gli scambi che al servizio. Di contro, l’ex numero 2 del mondo non rischiando più nulla (zero palle break fronteggiate), porta la sfida al terzo set. Nel parziale decisivo la Pliskova parte in quarta: ruba il servizio all’avversaria alla seconda occasione, grazie ad un perfetto lungo linea di rovescio; poi si fa trovare pronta, quando annulla di prepotenza tre possibilità di controbreak. Un’autentica mazzata per la Kuznetsova, che di fatto fa calare il sipario sulla partita.

Suarez Navarro vs Kerber – Inizia in salita il match per la finalista di Rio. La tedesca sull’uno pari perde il servizio; quando, lontana dalla riga di fondo, colpisce un dritto che termina in rete. Il vantaggio della spagnola, numero 12 WTA, non dura a lungo; perché si fa riagganciare da un imprendibile rovescio incrociato nel sesto gioco. La Kerber, a causa di due sanguinosi doppi falli, sprofonda nel nono, concedendo tre palle break. Suarez Navarro non può non approfittarne, meritando di fissare sul 6-4 il primo set. Quando il gioco riprende, le contendenti si scambiano vicendevolmente la battuta, sinonimo dei tanti gratuiti che commetteranno entrambe. Nel terzo gioco la vincitrice di Doha non riesce a convertire tre palle break. Per lei è un’occasione persa, poiché pochi minuti dopo vede scappare la Kerber 4-2. Invece, per quest’ultima è l’iniezione di fiducia che le permette, seppur a fatica, di agguantare il set conclusivo. Adesso la numero 2 del mondo si è trasformata, infatti conquista i quattro punti fila che le permettono di ottenere l’uno a zero e servizio. La Kerber rischia di farsi riprendere, concedendo due occasioni di controbreak. Ma la Suarez Navarro non ne ha più sia dal punto di vista mentale che fisico. Gli spettatori ne ottengono la prova pochi istanti dopo, quando la spagnola perde per la seconda volta il servizio. Così il sogno di vincere questo torneo, ma soprattutto diventare numero 1 per la tedesca può continuare.

Muguruza vs Babos – L’ungherese, per usare una metafora pugilistica, si trova fin da subito chiusa nell’angolo. Infatti, soltanto dopo 22 punti riesce a salvarsi nel terzo gioco, dove annulla tre palle break. La sua ostinata difesa crolla nel quinto: quando, anche a causa di due doppi falli, permette alla detentrice del French Open di breakkarla. La Muguruza, ottenuto il vantaggio, rischia nell’ottavo game. Fornisce due palle del controbreak, che annulla con la complicità del nastro e dell’occhio di falco. La Babos è stizzita, perché sa di aver preso il treno; pertanto si sfoga lanciando la racchetta. Così dopo 52 minuti, la spagnola mette a referto il 6-4. La situazione della numero 41 del mondo si complica ancor di più nel quinto game. Alla seconda palla break commette il gratuito che dà il il 3-2 e servizio alla Muguruza. Poi sul 40 pari grazie a un dritto della spagnola rigettato dal nastro, si accende un lumicino per la Babos. Però un altro errore di misura pregiudica il pareggio dell’ungherese. Questo è l’ultimo sussulto che precede l’ingresso in semifinale della 22enne nata a Caracas.

Seguono aggiornamenti

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy