Wta, ecco cosa aspettarsi dalla Rogers Cup

Wta, ecco cosa aspettarsi dalla Rogers Cup

Il torneo di Toronto parte lunedì. Il testa a testa tra Halep e Pliskova per il numero 1 del ranking continua ma le contendenti non mancano

E’ pressoché delineato il quadro delle partecipazioni al Wta Premier 5 di Toronto, che prenderà il via lunedì. C’è da registrare la rinuncia alla Rogers Cup da parte di Maria Sharapova, che mercoledì si era ritirata dal torneo di Stanford per via di un problema al braccio sinistro. Alla giocatrice siberiana gli organizzatori di Toronto avevano da tempo riservato una wild card, che è stata poi assegnata alla giovanissima Bianca Andreescu.
Ora tutti gli inviti sono targati Canada. La Andreescu, che è di Toronto, va ad aggiungersi alla beniamina del torneo, nonché “migliore nemica” della Sharapova, Eugenie Bouchard, e a François Abanda. Tre le italiane in gara: Roberta Vinci nel tabellone principale, mentre Camila Giorgi e Sara Errani dovranno passare attraverso le qualificazioni. Serena Williams (15) sarà l’unica assente tra le top 20, mentre leggermente più nutrito il numero delle top 30 che hanno dato forfait: Timea Bacsinszky (22), Kiki Bertens (27), Annet Kontaweit (28) e Shuai Zhang (29).

Toronto sarà un importante banco di prova per la campionessa uscente Simona Halep, la quale dopo aver perso una rocambolesca finale al Roland Garros a Wimbledon si è lasciata ancora clamorosamente sfuggire l’opportunità di afferrare lo scettro di numero 1 al mondo. La giocatrice rumena, che attualmente ha un distacco nel ranking di 1181 punti da Karolina Pliskova, potrebbe giocare più tranquilla e deresponsabilizzata, perché l’appuntamento con la vetta della classifica che tanto ha patito psicologicamente è rimandato. Ghiotta è comunque l’occasione per Karolina Pliskova che approfittando di un eventuale passo falso della Halep, potrebbe ulteriormente incrementare il vantaggio in un testa a testa che andrà avanti fino agli Us Open. E nell’ultimo slam dell’anno sarà proprio l’atleta della Repubblica Ceca a difendere la finale del 2016, nella quale fu sconfitta da Angelique Kerber. Osservate speciali saranno anche Jelena Ostapenko che sul cemento troverà senza dubbio una superficie più congeniale rispetto all’erba di Wimbledon e Petra Kvitova apparsa in condizioni atletiche ancora non ottimali e in difficoltà negli spostamenti

Questo l’elenco delle teste di serie:
1) Karolina Pliskova
2) Simona Halep
3) Angelique Kerber
4) Garbiñe Muguruza
5) Elina Svitolina
6) Caroline Wozniacki
7) Johanna Konta
8) Svetlana Kuznetsova
9) Venus Williams
10) Agnieszka Radwanska
11) Dominika Cibulkova
12) Jelena Ostapenko
13) Kristina Mladenovic
14) Petra Kvitova
15) Anastasija Sevastova
16) Elena Vesnina

di Monica Tola

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy