Wta Hong Kong, secondo turno: crollano Venus Williams e Radwanska

Wta Hong Kong, secondo turno: crollano Venus Williams e Radwanska

Venus Williams, avanti di un break nel primo set, va a servire per il parziale e subisce il ritorno di Naomi Osaka. E’ il crollo della campionessa americana che perde il parziale e in un attimo si ritrova sotto 5-0 nel secondo. Esce così di scena la testa di serie numero 2 del torneo. Stessa sorte per Agnieszka Radwanska: in vantaggio di un set e un break, subisce la rimonta e incassa un bagel al terzo da Samantha Stosur. Avanzano Gavrilova e Pavlyuchenkova

1 Commento

IL CROLLO DI VENUS WILLIAMS – Si preannuncia una sfida a suon di vincenti e scambi ad altissima velocità quella tra Venus Williams e Naomi Osaka. Vince la giapponese in due set. Venus Williams, avanti di un break nel primo parziale, crolla dopo aver subito il controbreak della Osaka. Parte bene l’americana che a inizio match è più precisa e riesce ad aggiudicarsi anche i punti più combattuti. Non a caso arriva il break nel quinto gioco. Ma qualcosa cambia e lascia presagire che per la numero 5 al mondo sarà una giornata molto infelice. Naomi Osaka, aggiusta il mirino e esce vincitrice anche quando lo scambio si prolunga e si corre. Dal 5-3 Williams parte la progressione della giapponese, che infila 4 giochi di seguito e chiude con un 7-5. E’ il ko per Venus che sul 5-4 era andata a servire per il set. Scendono le percentuali di prime in campo e la Osaka ne approfitta. La Williams con la mente ancora rivolta al break di vantaggio vanificato nel primo set crolla e esce dalla partita. I giochi consecutivi diventano 9 ed è 5-0 per la giapponese nel secondo. Non ci sta Venus Williams che, più che a salvare una partita ormai compromessa con poche energie a disposizione, pensa a evitare il bagel. Interrompe la serie nera di 9 giochi a zero e ne piazza 2, prima di salutare il torneo. Un campanello d’allarme per Venus Williams, perché quello che è accaduto oggi è il replay della finale di Wimbledon: un controbreak che non pregiudica il match e si spegne la luce.

DISASTRO RADWANSKA – Sam Stosur batte in rimonta Agnieszka Radwanska, dopo un brutto primo set e uno spento avvio di secondo. Crolla la polacca che non sfrutta un set e un break di vantaggio e due palle break che l’avrebbero potuta portare a servire per il match. Scende in campo in vena di magie, Agnieszka Radwanska. Opposta a Sam Stosur, Aga gioca a tutto campo esibendo tutto il repertorio di variazioni di gioco. Dagli attacchi in controtempo ai lob velenosi che beffano l’australiana ogni volta che viene chiamata a rete o prova ad avventurarsi per accorciare gli scambi. E’ un break conquistato dalla polacca nel sesto gioco a determinare le sorti del primo set, ma il divario va ben oltre il punteggio. Sbaglia tantissimo la Stosur tra non forzati e i gratuiti che finiscono abbondantemente fuori misura. E dopo aver perso il set, l’australiana cede anche il proprio turno di servizio nel terzo game del secondo. Innalza il livello del prorio gioco la Stosur che si prende il controbreak e centra il sorpasso sul 3-2. Due game, questi, nei quali le giocatrici spesso si sono sfidate a rete per la gioia e il divertimento del pubblico. Le opportunità non concretizzate dalla Radwanska, tuttavia, cominciano a diventare troppe. Al controbreak subito, si aggiungono due palle break non sfruttate sul 4-4 che erano di fatto due mini match point. Tutto da rifare, nel vero senso del termine: la polacca sul 4-5 serve per rimanere nel set e cede malamente. Si va al terzo e Sam Stosur dilaga. Vincenti su vincenti, ottima al servizio e nel passare una Radwanska ormai spenta che si lancia a rete con attacchi approssimativi. Ne scaturisce un impetoso 6-0. Legittimo il quesito: che fine ha fatto la solidissima Radwanska che combatteva fino all’ultimo punto?

VINCONO GAVRILOVA E PAVLYUCHENKOVA – Daria Gavrilova gioca una partita in perfetto “stile Gavrilova”. Domina il primo set, e si complica la vita nel secondo. Nel primo parziale Shelby Rogers ha raccolto le briciole, completamente in balia dell’avversaria che dispone di più soluzioni. Ma a inizio secondo l’australiana si prende una pausa e inizia a sbagliare tutto. Non detta più i ritmi e consente alla Rogers di colpire da ferma. Cede il servizio nel secondo gioco e non approfitta di sei palle break nel quinto. Dal possible 2-3 e servizio la Gavrilova si ritrova sotto 1-4. Il set scivola via e in 38 minuti con un 6-2, la Rogers rimanda tutto al terzo. L’australiana torna a dirigere le operazioni. Tiene i piedi dentro il campo, toglie il tempo all’avversaria e chiude agevolmente. In due set, Anastasia Pavlyuchenkova ha la meglio sull’americana Jaqueline Cako, numero 192 Wta. La russa ha servito due volte per il primo set, ma entrambe le volte si è fatta raggiungere. Chiude al tie break e di fatto per la qualificata statunitense finisce la partita. Nel secondo parziale Jaqueline Cako racimola un solo game.

Risultati

[7] D. Gavrilova b S. Rogers 6-1 2-6 6-2

[6] A. Pavlyuchenkova b [Q] J. Cako 7-6 (3) 6-1

N. Osaka b [2] V. Williams 7-5 6-2

S. Stosur b [4] A. Radwanska 3-6 6-4 6-0

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Alfredo Orrico - 2 settimane fa

    Solo Garcia e’ stata capace di vincerne 11 di fila ultimamente, e forse e’ record dell’anno.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy