Wta Miami: avanzano Muguruza e Kerber

Wta Miami: avanzano Muguruza e Kerber

Ottavo di finale tra Garbine Muguruza e Sloane Stephens. L’iberica ha travolto Christina McHale. La campionessa in carica agli Us Open ha sconfitto Monica Niculescu. La tennista rumena si è ritirata a partita ormai compromessa. Approda agli ottavi di finale anche Angelique Kerber, che ha battuto in due set Anastasia Pavlyuchenkova. Al quarto turno la tedesca affronterà Yafan Wang che, nel derby tra qualificate, ha vinto in rimonta il match-maratona contro Alison Riske.

di Monica Tola

TUTTO FACILE PER GARBINE MUGURUZA – Facile esordio nel torneo per Garbine Muguruza. La numero 3 del mondo (che non ha disputato primo turno perché, come tutte le teste di serie, ha beneficiato di un bye e il secondo per il ritiro di Amanda Anisimova) ha concesso appena tre giochi a Christina McHale, giocatrice statunitense numero 91 Wta. Le due si erano affrontate lo scorso anno proprio a Miami e la spagnola prevalse in rimonta, dopo aver incassato un bagel nel primo set. Oggi è stata tutt’altra storia. Un 6-2, 6-1 che sarebbe potuto essere anche un doppio bagel. Christina McHale è stata graziata da una Muguruza particolarmente fallosa, che a inizio partita ha faticato a trovare le misure del campo. La statunitense, invece, assolutamente impotente quando si è trattato di tenere uno scambio di pochi colpi a velocità medie. Se aggiungiamo anche la scarsa percentuale di prime piazzate e una seconda aggredibilissima, Garbine Muguruza ha trovato un tavolo apparecchiato per divorare l’avversaria. Pur continuando a prendere rischi inutili e sbagliare (di metri) Garbine Muguruza dal quarto gioco del primo set, sul 2-1 McHale, ha dilagato: striscia consecutiva di 5 game consecutivi e set archiviato in 30 minuti. I game consecutivi sono diventati 7 e avanti di un set e un break, l’iberica ha praticamente messo in cassaforte il match. La statunitense per interrompere la grandinata di giochi firmati Muguruza, ha dovuto vincere un game fiume di 20 punti e salvare due palle break per il 3-0 pesante. 6-2, 2-1 con 30 errori gratuiti per Garbine Muguruza. Un dato che attesta quanto la spagnola abbia sprecato in un match senza storia. Quello centrato nel terzo game è stato per Christina McHale il gioco della bandiera nel secondo set. Garbine Muguruza ha chiuso con un più che agevole 6-1, dopo appena un’ora e 11 minuti. Garbine Muguruza se la vedrà agli ottavi con Sloane Stephens.

KERBER IN DUE SET SU PAVLYUCHENKOVA – Doppio 6-4 per Angelique Kerber su Anastasia Pavlyuchenkova. La numero 10 del mondo ha così vendicato le tre sconfitte incassate nel 2017 dalla tennista russa. Era sicuramente una Kerber diversa, quella dello scorso anno. Lo stesso vale per Anastasia Pavlyuchenkova che nel 2018 non sta raccogliendo risultati soddisfacenti. Primo set deciso nel punteggio da un break, finalizzato in avvio da Angelique Kerber. La superiorità della teutonica è però in alcuni dati: la ex numero 1 ha ceduto appena 2 punti al servizio (uno dei quali con un doppio fallo), mentre Anastasia Pavlyuchenkova di punti in battuta ne ha lasciato per strada 23. I turni di servizio della tennista di Samara sono stati sempre tribolati. Tre palle break salvate dalla russa nel quinto gioco e altro break point cancellato nel settimo. In entrambe i game si è andati oltre i dieci minuti. Il copione tattico è stato quello più classico. Anastasia Pavlyuchenkova ha spinto su ogni palla e ha alternato vincenti a colpi completamente fuori misura. Uno schema che è insito nel gioco della russa, ma anche dettato dall’esigenza di non prolungare gli scambi e evitare di sfidare la tedesca sul suo punto forte. Anche le discese a rete della Pavlyuchenkova non hanno prodotto gli esiti sperati. Angelique Kerber con i passanti è stata implacabile. 6-4 tedesco in 51 minuti. Se il primo set aveva seguito la logica dei turni di servizio (sebbene con Anastasia Pavlyuchenkova in evidente difficoltà), lo stesso non si può dire del secondo. Le due tenniste in battuta hanno mostrato davvero il peggio. Per Anastasia Pavlyuchenkova l’11% dei punti messi a segno con la seconda. Poco meglio ha fatto Angelique Kerber, che si è attestata al 40% con 4 doppi falli. 7 break su 10 giochi disputati. La prima ad allungare è stata l’atleta di Samara che è stata in vantaggio 2-0 e 3-1. Tre giochi consecutivi della teutonica che, schizzata sul 4-3 e servizio, ha sprecato tutto immediatamente dopo. Dal 40-15, un doppio fallo e una serie di colpi finiti in corridoio, quando a campo sguarnito non era il caso di cercare angoli impossibili, la Kerber si è fatta raggiungere. Altro turno in battuta perso dalla Pavlyuchenkova (il quarto del set) e 5-4 e servizio per la tedesca. Angelique Kerber ha chiuso, ovviamente con tanto di palla per il controbreak salvata. Agli ottavi di finale la tennista di Brema affronterà la cinese Yafan Wang, numero 125 Wta. La Wang ha battuto in rimonta Alison Riske nel derby tra qualificate, al termine di un match maratona durato 2 ore e 39 minuti e chiuso al tie-break del terzo set.

RITIRO PER MONICA NICULESCU, PASSA SLOANE STEPHENS – Tra Sloane Stephens e Monica Niculescu c’è stata partita fino al 3-3 del secondo set. Il primo, equilibratissimo, se lo era aggiudicato la tennista rumena al tie-break. Sloane Stephens era stata peraltro avanti 4-1, ma Monica Niculescu ha ribaltato le sorti del parziale, fino al 6-5 e servizio. La campionessa in carica degli Us Open ha agguantato il break che le ha permesso di allungare al tie-break. Jeu décisif dominato dalla tennista rumena. Dal 3-3 del secondo, come raccontato sopra, la partita per Monica Niculescu si è praticamente chiusa. Score di 7 giochi consecutivi per Sloane Stephens che si si è portata sul 6-3 e 4-0 nel terzo. Monica Niculescu ha gettato la spugna e optato per il ritiro.

Risultati:

[Q] Y. Wang b [Q] A. Riske 4-6 6-3 7-6 (4)

[10] A. Kerber b [23] A. Pavlyuchenkova 6-4 6-4

[3] G. Muguruza b C. McHale 6-2 6-1

[13] S. Stephens b [Q] M. Niculescu 6-7 (1) 3-6 4-0 Ritiro

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy