Wta Miami: il titolo va ad Ashleigh Barty

Wta Miami: il titolo va ad Ashleigh Barty

La tennista di Ipswich ha conseguito la vittoria del “Premier Mandatory” di Miami, il primo in carriera appartenente a questa categoria. Nella finale contro Karolina Pliskova si è affermata con il punteggio di 7-6 6-3, in un’ora e quarantadue minuti di gioco.

di Federico Gasparella

La cronaca – La tennista ceca ha saputo realizzare il suo tipico tennis offensivo in avvio di gara, forzando i colpi appena ne ha avuto l’occasione, onde evitare che l’avversaria potesse prolungare gli scambi ed elaborare delle contromisure. All’interno dei propri game di servizio, inoltre, ha trovato il necessario sostegno dal servizio, non permettendo alla Barty di avere il tempo e gli spazi per azzardare delle risposte insidiose. L’australiana, di contro, non è riuscita ad entrare nei duelli con la regolarità e la robustezza che la contraddistinguono. In particolare, ha sofferto eccessivamente le traiettorie angolate compiute dalla boema, soprattutto quelle indirizzare sul suo rovescio, con il quale ha commesso diversi errori nelle azioni di contenimento. La Pliskova al terzo gioco si è così guadagnata il primo break della gara, concretizzando la seconda di due palle break avute a disposizione. Un vantaggio che ha consolidato senza evidenti ostacoli nel game successivo. La Barty, in seguito, ha finalmente trovato una migliore confidenza con i colpi, oltre ad esprimersi ad un ritmo più intenso, dunque ha iniziato a risultare più consistente nei diversi aspetti del gioco. Al sesto game ha costretto la ceca a cederle il contro break, riprendendola sul 3-3. Le fasi successive del parziale sono state piuttosto combattute, malgrado nessuna delle due giocatrici sia stata in grado di prendere il sopravvento sull’altra. Il parziale si è quindi deciso al tie break, all’interno del quale la Barty si è dimostrata estremamente abile a contenere le accelerazioni dell’avversaria e a contrattaccare in maniera efficace. Conseguentemente si è portata sullo score di 6-1, con tre mini break di vantaggio e quattro set point a disposizione, il primo dei quali è stato decisivo. Il tema tattico della sfida non è mutato nel secondo parziale, in quanto la Pliskova ha continuato a cercare con insistenza la soluzione vincente e a focalizzare le manovre d’attacco sul rovescio dell’australiana, che nella frazione inaugurale si è rivelato essere il tallone d’Achille. Mentre la Barty ha tentato di rallentare gli scambi, spesso attraverso l’esecuzione di rovesci in back, comunque si è prodigata in difficili manovre difensive, al fine di procurarsi gli spazi necessari per contrattaccare o indurre la ceca a commettere l’errore nella sua voglia spasmodica di chiudere immediatamente il punto. Tra le due strategie quella dell’australiana si è dimostrata più efficace. Anche in ragione di un lieve calo atletico evidenziato dalla giocatrice di Louny nel corso di tutto il set, in quanto l’ha resa meno resistente nei duelli prolungati e in generale poco reattiva. In merito al punteggio, la Barty ha conquistato un break in apertura, alla quinta circostanza propizia ottenuta durante i vantaggi. Nel game seguente ha blindato il vantaggio. Al terzo gioco ha rischiato di avvantaggiarsi ulteriormente, non riuscendo tuttavia a capitalizzare due palle break ai vantaggi. Successivamente la Barty ha perseverato nel condurre dei turni di servizio impeccabili, dove non ha praticamente concesso nulla, realizzando tra l’altro diversi ace  (con una percentuale di prime in campo che al termine della gara si è attesta sopra l’85%). Quanto meno la Pliskova è stata capace di difendere i due game seguenti, ma sul 5-3 in favore dell’avversaria si è trovata nuovamente in grave difficoltà, a tal punto da consegnare ben tre palle match, la prima delle quale le è stata fatale.

Il punteggio:

[12]A.Barty b. [5]Ka.Pliskova 7-6(1) 6-3

9 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Tomka Subašić - 3 settimane fa

    Čestitam na osvojenom WTA Miami!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Cristiana Pagliari - 3 settimane fa
    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Constantin Voicu - 3 settimane fa

    FELICITĂRI BARTY!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Andrea Varriano - 3 settimane fa

    Gioca un tennis vario e piacevole

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Carla Gileno - 3 settimane fa

    Una Pliskova inesistente dal tie-break in poi! Bah!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giuseppe Fabrizio - 3 settimane fa

      Carla Gileno no tutto il primo set….. Ha fatto degli errori di dritto madonnali. Specialmente quando si è fatta brekkare.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Carla Gileno - 3 settimane fa

      Giuseppe Fabrizio si hai ragione! Un po’ ha giocato nel primo set ma con fatica .Forse ha dato contro la Halep! Pensavo recuperare. La Barty e’ forte anche mentalmente!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Samuel Sartori - 3 settimane fa

    Tecnicamente si può dir che sia la numero uno?
    Sa fare tutto, e lo fa bene

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Alessandro Ongaro - 3 settimane fa

    Bravissima, se lo merita

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy