Wta Miami, nuova sconfitta per Serena, best ranking per la Vinci

Wta Miami, nuova sconfitta per Serena, best ranking per la Vinci

La Williams crolla contro la Kuznetsova, che vince in rimonta. Eliminata anche la Radwanska. Azarenka ok. Continuano i colpi di scena a Miami. Con l’ eliminazione della Svitolina, da lunedì prossimo Roberta Vinci nuova numero otto del mondo.

2 commenti

Giornata ricca di spunti al Wta Premier Mandatory di Miami, su tutti fa scalpore l’ eliminazione di Serena Williams, per mano di Svetlana Kuznetsova, che apre mille interrogativi sulla numero uno del mondo: Calo di forma? Inizio del declino? È diventata umana? La risposta non la sappiamo, o forse è un insieme delle tre opzioni, sta di fatto che il mondo Wta sta vivendo un periodo di “anarchia”, che lo rende imprevedibile e sempre pieno di colpi di scena, e anche a Miami è proseguito questo trend.

Il match fra Williams e Kuznetsova, ha mostrato una Serena quasi svogliata, che ha dato l’ impressione di non voler lottare, impegnata in una continua ricerca del colpo vincente, o comunque risolutore, che ha mantenuto gli scambi su una durata relativamente breve, e fatto salire alle stelle il numero degli errori gratuiti della numero uno del mondo. E pensare che era stata proprio la Williams ad aggiudicarsi il primo set, ma una caparbia Kuznetsova, e i 50 errori non forzati di Serena, si sono trasformati nel 6-7 6-1 6-2, che prolunga il digiuno di vittorie, della dominatrice delle ultime stagioni.

In precedenza, a sorpresa, era arrivata anche la sconfitta di Agnieszka Radwanska, di cui fino a ieri avevamo decantato lo stato di forma eccellente; la polacca è uscita sconfitta, dopo una prestazione negativa, in cui è apparsa appannata, non brillante fisicamente, costretta ad arrendersi ai colpi di una Timea Bacsinszky, che arrivava da un periodo avaro di risultati.

Si rilanciano così le ambizioni di Simona Halep, che in attesa del match notturno della Kerber, resta la più alta testa di serie ancora in corsa. La rumena si è imposta senza troppi problemi, sulla wild-card britannica, Heather Watson, soffrendo solo nelle prime fasi dell’ incontro, come le era già accaduto nel turno precedente, contro Julia Goerges.

26FE096C00000578-0-image-a-38_1427327632317

Chi invece provede a vele spiegate, è Vika Azarenka, che nel big match di giornata, piega una ritrovata Garbine Muguruza, al termine di due tie-break, e di una battaglia durata oltre due ore. La bielorussa riesce a prevalere sulla spagnola, dopo aver disputato un incontro in cui come sidice in gergo, “se le sono suonate di santa ragione”, dove la Muguruza ha avuto le sue occasioni, (come i due set point non sfruttati nel primo parziale ), ma alla fine è l’ Azarenka ad avere la meglio, e a candidarsi al ruolo di grande favorita per la vittoria finale.

Negli altri incontri, Ekaterina Makarova supera Elina Svitolina in due set, e certifica il best ranking di Roberta Vinci, l’ ucraina infatti, era l’ unica fra le superstiti che poteva sooravanzare l’ azzurra, ma solo in caso di successo finale. Da lunedì prossimo Roberta sarà quindi numero otto del mondo.

johanna-konta2

Si conferma anche Joanna Konta, oramai una presenza fissa nelle fasi conclusive dei tornei, con un doppio 6-2 alla rumena Niculescu, mentre Madison Keys concede il bis, e dopo la grande prestazione di ieri contro la Vinci, si ripete, eseguendo il più classico dei bombardamenti, ai danni della malcapitata vittima di giornata, l’ altra rumena Irina Begu.

 

 

 

2 commenti

2 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Teresa Corrias - 10 mesi fa

    Finita no …però. …..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Alessio Cuntrò - 10 mesi fa

    È finita

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy