Wta New Haven: Camila Giorgi si arrende a Belinda Bencic

Wta New Haven: Camila Giorgi si arrende a Belinda Bencic

Eliminata Camila Giorgi: la tennista italiana si è arresa in due set a Belinda Bencic. Forfait per Kiki Bertens (che resta in gara nel torneo di doppio), sostituita da Pauline Parmentier. La transalpina, ripescata come lucky loser, è stata sconfitta da Anett Kontaveit. Ritiro per Johanna Konta, che di fatto sancisce il passaggio ai quarti di finale di Carla Suarez Navarro. Avanzano Caroline Garcia e Julia Goerges.

di Monica Tola

Era ampiamente prevedibile e i sentori delle ultime 48 ore sono stati confermati: dopo il forfait di Simona Halep, puntuale questa sera è arrivato quello di Kiki Bertens, che contro la tennista rumena aveva disputato e vinto la finale del torneo di Cincinnati. Kiki Bertens è stata sostituita in fretta e furia da Pauline Parmentier, ripescata come lucky loser. La tennista transalpina ha rimediato una sconfitta da Anett Kontaveit che si è imposta in rimonta. Come se non bastasse, a rivoluzionare il programma anche il ritiro di Johanna Konta (colpita da un virus), che di fatto ha sancito il passaggio ai quarti di finale di Carla Suarez Navarro. A proposito di ripescaggi, uno interessava molto da vicino Camila Giorgi che, giova ricordarlo, al secondo turno avrebbe dovuto giocare contro Simona Halep. La rinuncia della numero 1 del mondo ha comportato la sostituzione dell’avversaria e Belinda Bencic, come da regolamento, ha ereditato bye e tabellone della Halep. La tennista azzurra non ha approfittato di un cambio che sulla carta le ha decretato una partita meno proibitiva. Prestazione opaca di Camila Giorgi che si è arresa alla svizzera con un doppio 6-4.

FUORI CAMILA GIORGI – Sconfitta in due set per Camila Giorgi, che oggi ha espresso un tennis tutt’altro che convincente e ha rimediato un doppio 6-4 da Belinda Bencic. Match non particolarmente bello, frammentato dagli errori dell’una e dell’altra. Tutt’altro che avvincente il primo set, caratterizzato dalla pessima resa di entrambe al servizio. Tra un errore e l’altro (19 gratuiti per parte a fine parziale) sia Belinda Bencic che Camila Giorgi si sono espresse  meglio (è più corretto dire meno peggio) in risposta. Non a caso, su dieci giochi disputati i break sono stati sette. Camila Giorgi ha perso 4 turni in battuta su cinque e Belinda Bencic tre su cinque. L’elvetica ha avuto il merito di chiudere e mettere fine alla sagra dei break e controbreak, quando sul 5-4 è andata in battuta per portare a casa il parziale. Eppure, Camila Giorgi era partita bene, e non solo nel punteggio. Oltre ad essere andata avanti 2-0, la tennista di Macerata era scesa in campo con un disegno tattico che per due giochi ha dato i suoi frutti: inchiodare la svizzera sul lato del rovescio e costringerla a perdere sempre più campo per preparare il cambio di direzione fatale, viste anche le difficoltà della Bencic negli spostamenti laterali rapidi. Con il passare dei minuti gli schemi sono saltati: servzio e colpi di inizio gioco hanno smesso di essere efficaci, così Camila si è ritrovata sotto di un set. Nel secondo parziale le cose non sono andate meglio. L’azzurra, sempre più fallosa con il dritto, ha smesso di manovrare e muovere il gioco e si è affidata alle soluzioni istintive di forza. Il risultato è stato che al posto dei vincenti sono arrivati soprattutto gli errori. Dall’altra parte del campo, invece, Belinda Bencic ha migliorato la resa al servizio rispetto al primo set. Quanto è bastato per portarsi immediatamente sul 2-0. Camila Giorgi è riuscita a recuperare il break di svantaggio e pareggiare i conti sul 2-2, ma mai ha dato l’impressione di poter far girare l’inerzia del match. Belinda Bencic è stata più solida e concreta. La svizzera, nel quinto game, si è ripresa il break di vantaggio (3-2 e servizio conquistato a zero) e ha anche avuto anche una opportunità per il 5-2 con doppio break. Camila Giorgi l’ha sventata ma la tennista svizzera ha amministrato il set e messo la parola fine all’incontro nel decimo gioco: 6-4 al secondo match point.

AVANZANO GARCIA E GOERGES – Caroline Garcia ha impiegato tre ore per avere la meglio su Aliaksandra Sasnovich. La numero 2 del seeding e 6 del mondo è stata a un passo dalla sconfitta. Ma con pazienza, combattendo su ogni punto è riuscita a venire a capo di una situazione che sembrava irrimediabilmente compromessa. Vittoria in rimonta per la francese che, nel terzo set, è stata sotto 1-4 e ha salvato una palla per l’1-5 e servizio per Aliaksandra Sasnovich. E’ stato un match agonisticamente bellissimo, con continui capovolgimenti di fronte e ottime giocate da una parte e dall’altra. Primo set, tuttavia, fortemente condizionato dai gratuiti della Garcia: ben 34. Nonostante ciò la numero 6 Wta, in palese difficoltà contro una Sasnovich sicura e scesa in campo con un preciso piano tattico (muovere l’avversaria e costringerla a difendersi) è riuscita a portare il parziale al tie-break. Jeu dècisif perso malamente dalla transalpina. A Caroline Garcia è stato sufficiente ridurre il numero degli scellerati unforced (appena 10 nel secondo set), approfittare di un calo della bielorussa per salire in cattedra e dominare la seconda frazione. Nella terza è accaduto di tutto: Aliaksandra Sasnovich è passata avanti di un break e si è ritrovata sul 4-1, con una opportunità per il 5-1 e servizio per staccare il pass per i quarti di finale. Una piccola interruzione per pioggia (giusto pochi minuti per asciugare il campo e metterlo in sicurezza) e un punto non assegnato alla Sasnovich per una invasione a rete, con la bielorussa che ha contestato la decisione arbitrale, hanno spezzettato il gioco. E, da quel momento, Caroline Garcia dalla quasi rassegnazione è passata all’atteggiamento combattivo di chi non intendeva consegnarsi facilmente. La francese ha servito bene e giganteggiato con il rovescio. Dall’altra parte del campo, Aliaksandra Sasnovich ha commesso qualche errore di troppo e abbassato i ritmi forsennati che era riuscita a imprimere nel primo set e nel terzo fino al 4-1. Risultato: 5 giochi consecutivi di una scatenata Garcia e 6-4 finale. Serata complicata anche per Julia Goerges. La tennista tedesca in due ore e 22 minuti di gioco, ha battuto la giovanissima ucraina Dayana Yastremska. Ottimo il torneo della numero 104 Wta e proveniente dalle qualificazioni che, prima di arrendersi, ha dato filo da torcere a una top 10 e l’ha trascinata al terzo set. Terzo set nel quale la Yastremska è stata avanti 2-0.

Risultati – Primo Turno:

A. Kontaveit b [LL] P. Parmentier 3-6 6-2 6-2

Secondo turno:

[LL] B. Bencic b [Q] C. Giorgi 6-4 6-4

C. Suarez Navarro b J. Konta (Ritiro)

[2] C. Garcia b [Q] A. Sasnovich 6-7 (2) 6-2 6-4

[5] J. Goerges b [Q] D. Yastremska 6-4 3-6 6-4

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy