WTA Pechino, ottavi di finale: avanzano Kvitova, Svitolina e Strycova

WTA Pechino, ottavi di finale: avanzano Kvitova, Svitolina e Strycova

Il tabellone della competizione cinese si è allineato ai quarti di finale. Petra Kvitova si è guadagnata il passaggio del turno, superando nettamente Caroline Wozniacki. La tennista ceca ha realizzato una prova impeccabile, probabilmente la migliore della stagione. Sono avanzate senza troppi ostacoli anche Elina Svitolina e Barbora Strycova.

Una Kvitova in salute domina la Wozniacki – Petra Kvitova ha realizzato una prestazione di rilievo in questo confronto. Nella prima partita, ha gestito gli scambi in modo pregevole, eseguendo per tutta la durata del parziale colpi profondi, potenti e ben indirizzati. Il suo stato di grazia si è rivelato anche all’interno dei propri turni di servizio, dove ha messo a segno una percentuale molto alta di prime, molte delle quali direttamente a punto. Di contro, la sua avversaria non ha potuto fare nulla, salvo rincorrere da una parte e l’altra del campo le iniziative della ceca. Con tre break raggiunti al terzo, al quinto e al settimo game, la Kvitova si è aggiudicata la prima partita per 6-1. Il secondo parziale si è svolto con maggiore equilibrio, scandito da game giocati molto rapidamente. La Wozniacki è entrata negli scambi con maggiore incisività, nonostante la Kvitova abbia mantenuto un elevato standard di gioco, senza soluzioni di continuità rispetto a quanto mostrato nel set precedente. Le due contendenti sono arrivate senza break sul 5-4 (in favore della Kvitova). A quel punto, la ceca ha messo a segno una serie di grandi accelerazioni di risposta al servizio dell’avversaria, conquistandosi due palle break. Infine, alla prima occasione, ha costretto all’errore la Wozniacki, aggiudicandosi il set e la partita. Ai quarti di finale, Petra Kvitova affronterà la connazionale Barbora Strycova.

Prosegue il cammino di Elina Svitolina – La testa di serie numero 3 del tabellone si è aggiudicata l’accesso ai quarti finale, superando Elena Vesnina, con il punteggio di 6-2 7-5. In avvio di gara le due contendenti si sono affrontate subito a ritmi elevati. La russa è partita bene ed è stata la prima a portarsi in vantaggio, con un break raggiunto al secondo game. Alla lunga, tuttavia, la Svitolina ha fatto pesare la migliore capacità nella gestione degli scambi, eseguendo efficacemente il suo tipico gioco, fatto di colpi con traiettorie sempre molto angolate e potenti. Dopo aver recuperato l’avversaria sul 2-2, al sesto game, l’ucraina ha preso definitivamente il largo, grazie ad un break conquistato al sesto gioco. Infine, sul 5-2 in suo favore, ha chiuso il parziale aggiudicandosi un altro break. Nella seconda partita, la tennista russa ha aumentato i ritmi del proprio gioco, rendendosi pericolosa, soprattutto in occasione delle risposte al servizio dell’avversaria. In virtù di questo atteggiamento, al settimo game, è stata capace di strappare il servizio all’ucraina, concretizzando la sesta opportunità di break che si era procurata ai vantaggi. La russa ha così potuto servire per il set, sul 5-4 in suo favore. Ma la Svitolina, come era prevedibile, ha cercato in ogni modo di non concedere il parziale all’avversaria. Di conseguenza, ha attaccato con molta decisione, realizzando tre punti di fila e guadagnandosi 3 palle break: alla seconda occasione ha strappato il servizio alla russa, portandosi sul 5-5. Infine, dopo aver conservato il servizio ed aver raggiunto il punteggio di 6-5, si è conquistata un altro break, chiudendo definitivamente il set per 7-5 e la partita. Gli Highlights:

Strycova batte una spenta Gavrilova – La tennista ceca ha eliminato Daria Gavrilova, con il punteggio di 6-0 6-3. L’australiana è come se non fosse scesa durante la prima partita. Fin dai primi scambi si è rivelata incapace di eseguire qualsiasi strategia nei confronti della sua avversaria. Sotto il profilo atletico, inoltre, è sembrata priva di energie e scarsamente reattiva negli spostamenti. In meno di mezz’ora, l’australiana ha subito un netto 6-0 da parte della Strycova. Quest’ultima, non ha fatto altro che approfittare della fase negativa dell’australiana, realizzando un punto dietro l’altro. La seconda partita si è svolta diversamente. L’australiana si è approcciata alla gara con un atteggiamento diverso, cercando di esprimersi con maggiore incisività all’interno degli scambi. Al terzo game, la Gavrilova ha ceduto la battuta, ma ha saputo reagire nel game successivo, recuperando lo svantaggio. Stessa dinamica alla fine del set: Strycova che strappa un break all’ottavo, facendosi riprendere nel gioco seguente. Alla fine, la ceca ha messo fine alle speranze di rimonta dell’australiana, guadagnandosi il break decisivo sul 5-4 in suo favore e chiudendo definitivamente la partita.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy