Wta Pechino, primo turno: avanti Wozniacki e Radwanska

Wta Pechino, primo turno: avanti Wozniacki e Radwanska

Vittoria in tre set per Caroline Wozniacki sulla cinese Wang. Avanzano la campionessa in carica Agnieszka Radwanska, Ekaterina Makarova e Sam Stosur. A Pechino si è rivista Eugenie Bouchard che ha perso nettamente da Magdalena Rybarikova.

2 commenti

AVANTI LA WOZNIACKI IN TRE SET – Primo turno non semplice per Caroline Wozniacki che ha battuto in tre set, dominando il primo e il terzo, la cinese Qiang Wang. Trentuno minuti per mettere in cassaforte il primo set. Qiang Wang è stata letteralmente travolta da Caroline Wozniacki che ha comandato le operazioni aprendosi il campo con il dritto per poi chiudere con il vicente. Tredici in totale, con il rovescio in lungolinea particolarmente efficace. La cinese ha scongiurato il bagel salvando due set point sullo 0-5. Finisce 6-1 e la danese, dopo i ritmi molto elevati imposti nella prima parte del match, rallenta a inizio secondo. La giocatrice di Odense riprende a martellare e togliere il tempo all’avversaria e sul 2-2 piazza l’allungo. Ma sul 4-2 per la danese, Qiang Wang cambia marcia e attacca su ogni palla. I rischi e il coraggio pagano e rendono in termini di punteggio: arrivano tre giochi consecutivi e sul 4-5 è la Wozniacki a servire per rimanere nel set. Soffre e salva un set point, mentre la cinese non sbaglia e tiene con facilità il proprio turno di servizio. La Wang ci crede e porta al tie break una partita che la vedeva sotto di un set e un break. Nel gioco decisivo alla determinazione della cinese, che approfitta del calo fisico dell’avversaria, si aggiungono gli errori della Wozniacki in piena confusione tattica. Un attacco a rete tirato addosso alla Wang permette alla cinese di sollevare un lob difensivo senza troppe pretese: la Wozniacki si avventa e sbaglia incredibilmente lo smash. Un gratuito di rovescio, proprio quel rovescio che nel primo set era stato letale, consegna il secondo parziale a Qiang Wang. La fase di studio reciproco dura appena tre giochi. Nel quarto la cinese sbaglia tutto e cede il servizio: 3-1 Wozniacki. Finisce là la partita della Wang. In un attimo la ex numero 1 vola sul 6-1. Il prossimo turno della danese sarà un replay della finale di Tokyo. Ad attenderla c’è infatti Anastasia Pavlyuchenkova e la Wozniacki non potrà permettersi passaggi a vuoto come quello odierno che le è costato un set.

IN DUE SET LA CAMPIONESSA IN CARICA, AGNIESZKA RADWANSKA – La polacca amministra senza particolari problemi il match che l’ha opposta a Carina Witthoeft. La tedesca, numero 72 Wta e proveniente dalle qualificazioni, è partita bene ma ha subito la rimonta e la superiorità tecnica della Radwanska, che ha chiuso il primo combattuto primo set in 59 minuti. Quasi un’ora anche per il secondo parziale nel quale è stata invece la polacca a portarsi immediatamente sul 3-0. Un leggero appannamento a metà set per la numero 13 al mondo che, con l’ennesimo ma in questo caso decisivo break della partita, si è portata sul 5-3 e a servire per chiudere il match.

LE ALTRE PARTITE – Tutto semplice per Samantha Stosur che lascia solo cinque giochi a Katerina Siniakova. Particolarmente deficitaria al servizio, la ceca ha messo in campo il 42% di prime con ben sei doppi falli. Doppio 6-4 della beniamina di casa Shuai Zhang, che in un’ora e mezzo ha avuto la meglio su Yulia Putintseva. Primo set dall’andamento incerto con continui break e controbreak, nel quale ha fatto la differenza la concretezza della cinese che ha giocato bene i punti importanti e sfruttato meglio le occasioni. Così è stato anche nel secondo parziale, equilibrato fino al 4-4. La Zhang ha difatti piazzato l’allungo nella fase cruciale del match con un break al nono gioco che l’ha portata a servire per l’incontro e chiudere. Niente da fare per Eugenie Bouchard che si è dovuta arrendere alle variazioni e i colpi lavorati di Magdalena Rybarikova. La slovacca ha sfoggiato tutto il repertorio di slice, lob, passanti che hanno vanificato i tentativi di attacco a rete della canadese. Genie Bouchard aveva giocato la sua ultima partita agli Us Open e era approdata in tabellone principale grazie a una wild card. Ottima partenza per Ekaterina Makarova che in 59 minuti ha battuto l’americana Jennifer Brady (66 Wta) con un doppio 6-3.

Risultati

S. Stosur b K. Siniakova 6-3 6-2

S. Zhang b Y Putintseva 6-4 6-4

M. Rybarikova b [WC] E. Bouchard 6-4 6-3

[5] C. Wozniacki b Q. Wang 6-1 6-7 (4) 6-1

[11] A. Radwanska b [Q] C. Witthoeft 7-5 6-3

E. Makarova b [Q] J. Brady 6-3 6-3

2 commenti

2 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Alfredo Orrico - 3 settimane fa

    La malattia chiamata: ” Non ho voglia di fare sacrifici”.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Daniele Catullo - 3 settimane fa

    ma perché la Bouchard non vince più? che malattia ha ?

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy