WTA Pechino: Shuai Zhang batte Kerber e la Cina festeggia il nuovo momento d’oro

WTA Pechino: Shuai Zhang batte Kerber e la Cina festeggia il nuovo momento d’oro

Prima Qiang Wang e poi Shuai Zhang firmano il capolavoro cinese a casa loro, in quel di Pechino. La ventinovenne di Tientsin ha estromesso la numero tre del mondo Angelique Kerber, rifilandole un sonoro bagel nel terzo set. Le tenniste orientali non sono mai state così competitive se, a loro, aggiungiamo la campionessa slam Naomi Osaka.

di Giuliana Cau

Il pubblico del China Open non poteva essere ripagato nella maniera migliore dopo il successo della giocatrice di casa Shuai Zhang, autrice di un’impresa a dir poco eccezionale. La tennista orientale, infatti, e numero 45 del ranking femminile ha eliminato Angelique Kerber agli ottavi di finale del torneo asiatico. La tennista tedesca, numero 3 del mondo, è stata sconfitta in 3 set con il punteggio di 1-6 / 6-2 / 0-6. Ai quarti di finale Zhang affronterà Naomi Osaka, favoritissima per il successo finale, in un derby dagli occhi a mandorla tutto da assaporare. Ma il momento d’oro cinese non si ferma al solo nome di Shuai Zhang se consideriamo che Qiang Wang, sua concittadina più giovane, ha battuto, per non dire umiliato, in sequenza prima Jelena Ostapenko poi Karolina Pliskova. Domani la ventiseienne, e fresca campionessa del torneo di Guangzhou, affronterà la temibilissima Aryna Sabalenka, che ha appena estromesso la campionessa in carica del torneo Caroline Garcia, imponendo anche lei un pesantissimo bagel nel parziale definitivo.

Shuai Zhang, nell’intervista post match, ha riassunto così la propria vittoria contro la campionessa di Wimbledon Kerber: “Credo nel secondo set, o meglio all’inizio del secondo set, di aver avuto diverse opportunità. Nella prima frazione, invece, non ho giocato bene solo in uno o due punti. Nel quarto game, sempre del secondo set, ho avuto una palla break ma non l’ho convertita. Quando ero sotto 0-3 è stato molto difficile rimettere in piedi la partita. Ho commesso diversi doppi falli nel secondo set e questi sono errori che non si dovrebbero mai fare, in match così importanti, perché si rischia di perdere non solo un set ma l’intero match. Sono contenta, invece, di essere riuscita nel terzo a recuperare il mio gioco e di aver chiuso a mio favore. Riguardando la partita di oggi, non vedo così tanti alti e bassi; anche se il punteggio di 61 62 può far pensare così, in realtà sono stati due set combattuti nei quali abbiamo scambiato parecchio per arrivare a vincere un solo punto“.

La carriera della Zhang non pullula certamente di risultati di spessore nel circuito massimo della WTA, ma la tennista cinese sta vivendo forse il frangente migliore della sua vita tennistica grazie ad un momento di forma favorevole e al feeling particolare che sente sui campi di casa propria. Infatti non è un caso che i due titoli più importanti li abbia vinti proprio a Guangzhou, l’antica Canton, e che sospinta da un movimento tennistico asiatico, in crescita sotto tutti i settori, si senta stimolata a dare il meglio di sé proprio davanti al pubblico natio. Già a Nanchang e a Hiroshima aveva dato prova di quanto consistente possa essere il suo tennis, se lo desidera, e domani sarà chiamata ad affrontare un quarto di finale molto importante contro l’astro nascente Naomi Osaka. La nipponica parte indiscutibilmente col favore di tutti i pronostici, ma una sua eventuale vittoria non le sarà di certo regalata su un piatto d’argento, senza prima aver versato copiose gocce di sudore. Il millenario Oriente, dopo tutti questi risultati incoraggianti, non può che sentirsi totalmente soddisfatto di sé e dei frutti che il duro lavoro e i forti investimenti nel settore tennistico stanno portando a galla, torneo dopo torneo.

Leggi a riguardo:

http://www.tenniscircus.com/circuito-wta/qiang-wang-e-le-sue-sorelle-viaggio-nel-movimento-tennistico-al-femminile-in-cina/

4 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Fabrizio Bassani - 2 mesi fa

    Ste cinesi arrivano dal nulla e giocano bene solo i tornei.che valgono zero……e a 26 29 anni sono dei fenomeni per qualcuno……e poi gli soloni criticano il tennis femminile.ridicoli

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Maria Diomede - 2 mesi fa

    Complimenti alle due tenniste cinesi…che a differenza di altre…non soffrono la pressione giocando in casa..anzi stanno andando alla grande.La nipponica oggi è stata superba ed a farne le spese è stata la teutonica …un match a senso unico. Continua il periodo negativo delle top ….i risultati parlano chiaro!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giuliana Cau - 2 mesi fa

      Credo che con Osaka davvero sia nata una campionessa nuova e continua.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Maria Diomede - 2 mesi fa

      Lo credo anch’io…ha tutte le potenzialità per diventare una grande giocatrice

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy